Spoletonline
Edizione del 16 Ottobre 2018, ultimo aggiornamento alle 21:31:30
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Adcomm
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Agriturismo San Vito
Ristorante Pecchiarda
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Al Palazzaccio
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
TrattOliva
Rafting Nomad
Tuber experience - Campello
Ristorante Albergo LE CASALINE
Libreria Aurora
Arte Infusa
Pc Work
Parafarmacia Serra
Casale La Palombara
Agriturismo Colle del Capitano
AROF Agenzia Funebre
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Stampa articolo

Politica, 13 Gennaio 2018 alle 11:55:55

Morelli si scaglia contro il nuovo polo scolastico in zona San Paolo: 'Pronta a presentare un esposto all'Anac'

L'intervento sulla base dei dati contenuti nella relazione dei tecnici della Reluis: 'Alighieri' e 'Prato Fioriti' possono essere risistemate in 40 giorni [Commenti]

“Stoppare subito il progetto del nuovo polo didattico antisismico in zona San Paolo e ristrutturare, utilizzando parte dei fondi arrivati per la sistemazione della frana dello stadio, la scuola media ‘Dante Alighieri’ e la materna ‘Prato Fiorito’”. 


Torna a farsi sentire il consigliere comunale del Gruppo Misto Marina Morelli, sulla base dei dati contenuti nella relazione dei tecnici della Reluis  elaborata al termine dei sopralluoghi effettuati il 10 dicembre 2016 nelle due strutture (dichiarate completamente inagibili a causa dei danni prodotti dal terremoto).  


I rilievi Secondo gli ingegneri dell’Università di Tor Vergata, infatti, nella media “Alighieri” “non si evidenziano importanti danni agli elementi strutturali, mentre le grandi travi della palestra ispezionate visivamente non presentano fessure o capillature. Le travi e i pilastri del corpo scuola non presentano fessurazioni se non di dimensioni capillari. I solai, nonostante la presenza di danni sul pavimento, non sembrano aver risentito del sisma, mentre il tetto non presenta nessun danno visibile”. L’edificio della “Prato Fiorito, invece, “ai fini dei carichi verticali è apparentemente in ottime condizioni, ai fini di quelli orizzontali si comporta bene, anche se nella direzione corta andrebbe migliorato, per aumentare la resistenza dell’edificio”. Una volta avviati i relativi interventi di risistemazione, i plessi in questione sarebbero pronti in 40 giorni. 


Stoppare il progetto Da qui l’invito all’amministrazione comunale di ripensare l’intero progetto e sedersi ad un tavolo con la Regione al fine di ridiscutere l’utilizzo dei 6 milioni stanziati per il nuovo polo didattico. In caso contrario scatterà un esposto all’Anac: “Non è necessario andare a costruire in quell’area dove ci sono già l’ospedale e l’istituto alberghiero. Con le risorse a disposizione, è possibile ricostruire le due scuole e riqualificare al tempo stesso dei luoghi in stato di abbandono già finiti più volte nel mirino dei vandali”.



Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante
Umbria Dent
Il Biologico Spoleto
Estetica Creola


Commenti (17)

Commento scritto da batta il 13 Gennaio 2018 alle 12:11
Complimenti alla Morelli,S.Paolo non è posto dove far sorgere il nuovo polo scolastico,posto estremamente pericoloso specialmente nel periodo invernale,intervenire con tutti i mezzi possibili per evitare questo disastro.


Commento scritto da Boccadirosa il 13 Gennaio 2018 alle 12:22
Questa notizia, se reale, è una bomba che mi ferisce come cittadina, come contribuente, come residente nella stessa zona della scuola e come madre di un alunno della Dante Alighieri. Non è possibile che solo a distanza di più di un anno si apprendano queste informazioni. Erano segretate? Su quali basi si è deciso di costruire un nuovo Polo scolastico se non partendo da relazioni certe sulla non agibilità delle due scuole coinvolte? Come si è potuto arrivare a questo punto? Non solo esposto all'ANAC, qui i reati sono ben più gravi, sono stati occultate e falsificate informazioni importantissime.


Commento scritto da lente d''ingrandimento il 13 Gennaio 2018 alle 13:07
Allora si faccia presto a cambiare marcia. La testardaggine della amministrazione in carica deve cedere alle considerazioni giuste e ovvie del consigliere di minoranza che ha perfettamente ragione.


Commento scritto da Diogene il 13 Gennaio 2018 alle 14:53
DOMANDA : GLI INGEGNERI DI TOR VERGATA METTERANNO LA LORO FIRMA PER L'AGIBILITA' , ASSUMENDOSI LA RESPONSABILITA' , DOPO

L'EVENTUALE RISTRUTTURAZIONE DELLA SCUOLA DANTE ALIGHIERI ?


Commento scritto da Sara il 13 Gennaio 2018 alle 15:25
La scuola non può essere fatta infatti in 40 giorni,i lavori devono essere svolti bene, parliamo di ragazzi di persone a lavorarci poi dentro,e poi la zona è a rischio non è sicura per costruire una scuola,io ho mio figlio alla Dante e da madre preferisco che rimane dove si trova ora xchè almeno sto tranquilla


Commento scritto da Pasionaria il 13 Gennaio 2018 alle 18:52
Bisogna riconoscere lealmente a Marina Morelli che “ci crede” fino in fondo, al punto di apparire una vera “pasionaria”, sul modello , idealmente un po’ lontano, della spagnola Dolores Ibarruri o dell’altoatesina Eva Klotz. Qualcuno potrebbe avvertire odore di fanatismo, ma non sono di questo avviso, viva la faccia di chi ci mette la faccia, tanto da ipotizzare un esposto all’ANAC (AUTORITA’ NAZIONALE ANTI CORRUZIONE), che non è una fumata di pipa.

Tanto ardore talvolta collide con la coerenza, con le posizioni assunte in passato (la Morelli militava prima nel Popolo delle Libertà, forse prima in Forza Italia, forse ancor prima in Alleanza Nazionale, ma non mi ricordo bene, poi è passata con Rinnovamento, poi , forse, ma forse no, col Nuovo Centro Destra, poi con il Gruppo Misto, dove tuttora staziona), ma , comunque, una certa linea si riesce ad intravvedere, appena sforzandosi di leggere sotto la superficie. Diceva Altan, il famoso vignettista-scrittore satirico, che qualche volta gli “venivano in mente opinioni che non condivideva”; succede un po’ a tutti, a Marina Morelli probabilmente come agli altri.



Tutto questo fa molta simpatia e, anche, un po’ di tenerezza mista ad ammirazione sincera.



Niente di nuovo sotto il sole, quindi, se non che si avvicinano le elezioni amministrative, per causa di forza maggiore, ed una collocazione qualsiasi occorre trovarla (risulta anche da una intervista rilasciata dalla Morelli a Francesco Ragni di Spoleto 7 giorni) , ma il gruppo misto non può partecipare alla competizione, per motivi oggettivi, per cui è utile che Marina Morelli esprima apertamente le sue vivaci opinioni; qualcuno ne terrà sicuramente conto, in sede di compilazione delle liste. L’ANAC , qualora dovesse accendere il suo faro sull’esposto ventilato, ne sarebbe contenta.



Commento scritto da Pena il 13 Gennaio 2018 alle 20:47
Come dire notizia non.attendibile....prima.dice igngenieri Reluis poi sotto relazione ingenieri Tor Vergata.se qualcuno.di questi la.dichiarata inagibile credo che qualche problemino ci sia.....


Commento scritto da Angelo l'oleario il 13 Gennaio 2018 alle 21:39
Diogene, faccia silenzio per favore. Sono anni che difende gli indifendibili, è ora che si ritiri a vita privata. Ci sono tanti hobby come il footing, lo prosegua e stia zitto d'ora in poi....


Commento scritto da Open your eyes il 13 Gennaio 2018 alle 21:56
Caro Diogene, sappiamo benissimo come è stata fatta la valutazione per decidere di abbattere la Dante e fare un mostro inutile e scomodissimo.

Certo che la rilascerebbero l'agibilità e comunque la Dante si poteva abbattere e ricostruire nello stesso posto.

Però, approfittiamo,....facciamo il polo nuovo, vendiamo la Dante all'asta a qualche amico che ci fa appartamenti ecc.ecc....

Intanto mio figlio si fa tutti i giorni in autobus mezz'ora andata e mezz'ora ritorno...dopo che ho scelto di vivere al centro proprio per la comodità delle scuole???

e che ce frega...sono solo 1 anno, anzi no 2 anzi no 3....e allora ha finito le medie...e che ce frega...

DIMISSIONI!!!! DIMISSIONI!!!

ma anche dei tecnici però non solo della politica...


Commento scritto da VERITA' il 13 Gennaio 2018 alle 22:10
Mi chiedo, e chiedo al Comune:

Da un lato ( il Comune) si dice che non esiste alcuna Relazione/Perizia, dall' altro si citano ampi stralci di una Relazione/Perizia.

Qui non ci sono vie di mezzo.

Qualcuno MENTE! ( nel senso che non dice la verità)

Esiste o non esiste?

A ciascuno l' onere della prova.

Allo stato dei fatti, però, credo che la palla sia nel campo dell'Amministrazione Comunale, poichè le decisioni sono nel suo compito, diritto/dovere.

Tutto dovrà essere chiarito, anche alla luce del finanziamento per la stabilizzazione della frana "quiesciente" dello Stadio.

"Prato Fiorito" è adeguabile, da quello che leggo, con modeste opere, e la "Dante Alighieri" ugualmente, forse con interventi più importanti, ma non è sicuramente un "sacco d'ossi" , come si dice, da comportarne la demolizione e ricostruzione in altro luogo.

Questo ho detto per amore della città, dei suoi luoghi-simbolo, ed anche per amore della verità.

"AMICUS PLATO, SED MAGIS AMICUS VERITAS" (per chi sa di latino...)


Commento scritto da Diogene il 14 Gennaio 2018 alle 15:31
Per " Angelo l'oleario " :

Noto con piacere che Lei è un assiduo, attento lettore dei miei commenti.

La cosa mi potrebbe far piacere solo se Lei fosse anche in grado di capire

quello che intendo scrivere. Se non si offende le consiglierei di farsi dare

qualche lezione da " Open your eyes ". Tradotto : APRA GLI OCCHI ! ! !


Commento scritto da una mamma il 14 Gennaio 2018 alle 16:33
All'inizio ci avevo creduto........una scuola antisismica per i nostri figli!!!!! Ben presto mi sono resa conto che non si sarebbe fatto niente: pensate quanto risparmio se i nostri figli rimangono " ammucchiati "alla " Pianciani ", considerando che tanto il disagio è solo per loro e non interessa a nessuno!!!!! Quando il commissario Errani è venuto a Spoleto, ci aveva assicurato che la scuola sarebbe stata pronta in men che non si dica.......peccato che proprio quando i lavori sarebbero dovuti essere completati, lui si è dimesso!!!!!! PECCATO!


Commento scritto da vittorio il 14 Gennaio 2018 alle 18:10
Premesso che questi sopraluoghi da parte dei tecnici,che vengono fatti anche nelle abitazioni private,a volte sono alquanto discutibili.Siamo sicuri che i danni subiti da questi immobili siano veramente di poca entità? Ricordiamoci che sono frequentati da ragazzini,i nostri figli,quindi prima che succeda l irreparabile va accertato con massima sicurezza che possano tornare fruibili...


Commento scritto da inutili il 15 Gennaio 2018 alle 07:39
Cara Marina, se lo volevi fare questo ricorso lo avevi già fatto. Se lo minacci e' la solita pantomima pre elettorale per darsi un pò di tono. La cosa grave e' la totale incapacità generale di Amministrare seriamente questa città. E parlo di tutti:destra, sinistra, civici, sotto sopra, avanti e indietro. La cosa che mi preoccupa di più e' che per il futuro vedo solo le stesse persone, causa dei disastri fino ad oggi acclamati, che già sbracciano per un posto in prima fila e continuare a fare disastri.


Commento scritto da Incredulo il 15 Gennaio 2018 alle 09:28
Dopo molto tempo si torna a parlare del polo scolastico (ma non doveva già essere funzionante?) e si aggiungono nuovi elementi che rafforzano fortissimi dubbi circa l'opportunita' e la necessita' della sua costruzione. Ai tempi dell'annuncio si dovevano acquietare le masse e le critiche erano impietosamente respinte al mittente, ma ora la musica sta cambiando.

Purtroppo, non abbiamo piu' un sindaco, ma bisogna ricordare che il voto cittadino aveva legittimato Fabrizio Cardarelli e non invece il vice sindaco che quindi ora dovrebbe limitarsi all'ordinaria amministrazione fino a nuove amministrative.

Il progetto quindi sarebbe meglio venisse congelato in attesa proprio della nuova compagine amministrativa che se vorra' potra' confermare il progetto ma anche respingeroo o modificarlo. Abbiamo gia' un ecomostro a Spoleto che ci procura guai, e vederne un altro di vetro, cemento e ferro sopra le verdi colline proprio non va. Meglio un bel PARTO FIORITO ma nel vero senso della parola!


Commento scritto da capiamoci il 15 Gennaio 2018 alle 12:12
Si confondono i danni emersi con la sicurezza futura.

Anche la torre dell'olio non ha danni, ci dormirebbe qualcuno?


Commento scritto da il cospaiese il 15 Gennaio 2018 alle 15:51
A pensare che a Foligno, ove il terremoto del 2016 ha fatto pochi danni, la Media Carducci (zona vecchio ospedale) l’hanno demolita per ricostruirla ex novo. Chissà perchè, la Morelli come cittadina che paga le tasse, non fa anche per questa ricostruzione un esposto all’Anac. Povera Spoleto in che mani si trova. A meno che non si ha bisogno di visibilità, considerato che in Consiglio abbiamo lavorato poco

Perpetua et libertas firma


Aggiungi un commento [+]
Lavanderia La Perfetta
Sicaf Spoleto
Guerrini Macron Store
Performat Salute Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
Bar Moriconi
Grisanti Arreda
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Il Pianaccio
Lunch Cafè
Lavanderia La Perfetta
Principe
Taverna del Pescatore
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Spoleto Cinema al Centro
Pizzeria Mr Cicci