Spoletonline
Edizione del 20 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 21:29:48
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Agriturismo Colle del Capitano
Parafarmacia Serra
Tuber experience - Campello
Azienda Agricola Bocale
Ristorante Pecchiarda
Arte Infusa
AROF Agenzia Funebre
Ristorante Al Palazzaccio
Casale La Palombara
TrattOliva
Pc Work
Ristorante Albergo LE CASALINE
Agriturismo San Vito
Libreria Aurora
The Kon
Rafting Nomad
Stampa articolo

Spoleto - Cronaca, 20 Gennaio 2018 alle 20:12:56

Posterna: proprietari e costruttori fanno istanza di sanatoria

Il documento inviato a Comune, Regione e Provincia. ''Permesso a costruire viziato nella procedura, annullatelo e rilascatene uno nuovo'' [Commenti]

Fronte comune. É questo il termine che meglio rappresenta la strategia messa in campo da proprietari e costruttori del condominio Posterna per opporsi alla sentenza con cui la Corte di Appello di Firenze aveva disposto il 9 novembre scorso la demolizione dei palazzi costruiti nell'ambito del piano attuativo che ha


 dato vita al primo stralcio della mobilità alternativa. Findem, Madonna delle Grazie e i titolari degli appartamenti hanno presentato ieri istanza di sanatoria ex art. 38 del Testo Unico dell'Ediliza chiedendo l'annullamento del permesso a costruire, per vizio procedurale, e l'emissione di un nuovo titolo edificativo che andrebbe dunque a ''giustificare'' la cubatura ritenuta eccedente in sede di giudizio.
L´illegittimitá del permesso a costruire era stata individuata calcolando la cubatura in relazione al solo comparto su cui insistono i due palazzi, mentre al tempo il Comune stesso aveva definito l´edificabilitá massima in base a tutta l´area, prima ancora che la Findem decidesse di prendersi carico della costruzione. Il vizio procedurale nasce proprio da qui: Comune e Regione determinano i 15mila metri cubi di edilizia residenziale sulla base di un unico lotto con un unico proprietario (il Comune di Spoleto, dopo i vari espropri) individuando nell´area di propretá della Findem il luogo dove si sarebbe dovuto sviluppare il piano di edilizia residenziale; Findem, in quanto esproprianda, esercita il diritto di prelazione per l´edificazione dei palazzi e richiede il permesso a costruire garantendo la cessione dei terreni ''extra palazzi'' e funzionali al parcheggio multipiano; il titolo viene rilasciato, ma il piano da pubblico diventa ''attuativo misto'' creando di fatto due lotti e ''confondendo'' il criterio di calcolo delle cubature, invariato per Comune e privati, da ridefinire in base alla nuova lottizzazione secondo il tribunale.
Il Comune di Spoleto dunque, con il rilascio del titolo illegittimo, ''ha consentito la costruzione di una volumetria che é risultata esuberante rispetto a quella esprimibile dal solo fondo edificato, ma comunque giustificabile e compatibile con quella ulteriore ricavabile dal lotto confinante destinato al parcheggio''. Per rimuovere e sanare questo vizio ''sarebbe stato suffuciente, con la cessione al Comune della proprietá del fondo destinato al parcheggio, l´atto di asservimento e cessione della cubatura dal fondo destinato al parcheggio al fondo destinato al fabbricato'', procedure mai avvenute in seguito alle tensioni nate fra Ente e privati e definitivamente tramontate con l´esproprio sanante disposto dal Consiglio di Stato nel 2016.
Secondo l'istanza, a cui é seguita anche la richesta di sospensione della sentenza di demolizione, lunico modo di risolvere la questione é quindi quello di annullare il permesso a costruire (''un atto dovuto a cui non ci si puó sottrarre'') e concederne uno nuovo depurato dal vizio procedurale che renda le cubature leggitime, ''salvando'' i palazzi e chiudendo definitivamente la partita.


 



Il Jazz italiano + Al Bano in concerto a Scheggino
Multiservizi Spoleto
Umbria Dent
Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno


Commenti (4)

Commento scritto da Diogene il 20 Gennaio 2018 alle 16:29
Commento scritto da Diogene il 21 Luglio 2014 alle 15:10

RESPONSABILITA' PENALI = Già evitate !?!?!?



RESPONSABILITA' CIVILI = In fase di prescrizione !?!?!?



IMPATTO AMBIENTALE = Non esiste !?!?!?



CALCOLO DELLE CUBATURE = Nuovo parametro di riferimento !?!?!?!?



SCOMMETTIAMO CHE SE LA CAVANO CON UN BEL CONDONO EDILIZIO ?



DOPO TANTI ANNI DI CARTE BOLLATE E MINACCE DI DEMOLIZIONE: "vizio procedurale che renda le cubature leggitime, ''salvando'' i palazzi "



:


Commento scritto da Spoletino indignato il 21 Gennaio 2018 alle 08:55
E’ davvero uno schifo!

C’è un ordine di demolizione? Bene si esegua e basta! Ma le responsabilità penali? Qualcuno ha pagato realmente e scontato le condanne? Credo nessuno!

Quindi finiamola qui, buttate giù quel mostro di palazzo e finisce la questione.

Ma vedrete che purtroppo finirà tutto a tarallucci e vino. Si metteranno d’accordo e nessuno risponderà di nulla.

Che paese sottosviluppato......


Commento scritto da curioso il 21 Gennaio 2018 alle 13:59
Se nn sbaglio anche il castello di Morgnano fu posto sotto sequestro per notevoli eccesso di cubatura,eppure é ancora li,questo per dire ai favorevoli per la demolizione del palazzo della posterna ,di nn affannarsi tanto che rimarrà tutto come é.probabilmente é un modo di fare tutto spoletino che cmq prende esempio da quello che succede a carattere nazionale.i


Commento scritto da il cospaiese il 21 Gennaio 2018 alle 16:04
Benvenuti nel paesello dei balocchi o se preferite nella repubblichetta delle banane.

Spoleto, dai primi anni 70, una landa deserta ove cresce il nulla.



Perpetua et firma libertas





Aggiungi un commento [+]
Guerrini Macron Store
Performat Salute Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
Così è una svolta Pub
Bar Moriconi
Taverna del Pescatore
Lavanderia La Perfetta
Lavanderia La Perfetta
Pizzeria Mr Cicci
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Sicaf Spoleto
Principe