Spoletonline
Edizione del 16 Gennaio 2019, ultimo aggiornamento alle 00:06:11
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Parafarmacia Serra
Ristorante Albergo LE CASALINE
La Piazzetta delle Erbe
AROF Agenzia Funebre
Norcineria Severini Perla
Arte Infusa
Libreria Aurora
Ristorante Pecchiarda
Il Calzolaio
Tuber experience - Campello
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Al Palazzaccio
Centro Ottico Emmedue
Fondazione Giulio Loreti
Electrocasa Spoleto
Pc Work
Stampa articolo

Società, 07 Febbraio 2018 alle 18:43:05

Confcommercio furiosa: 'A Spoleto niente rottamazione bis per imprese e famiglie'

Nel mirino il Comune dopo la decisione di interrompere da ottobre 2016 i flussi ad Equitalia: 'Cagionato danno di notevole entità ai contribuenti'. Il vice sindaco Bececco scrive al commissario De Micheli [Commenti]

“Perché nessuno, tra amministratori e dirigenti del Comune, era a conoscenza di questa legge che permette ai cittadini di ottenere degli sgravi fiscali? Se alla base di tutto ci sono motivazioni politiche, è bene che lo dicano e che ce le facciano sapere pubblicamente. Al momento è difficile comprendere certi comportamenti”.


Quasi 4 mila cartelle Sono un fiume in piena il neo vice presidente vicario di Confcommercio Umbria Andrea Tattini e il presidente della sezione locale Tommaso Barbanera, tornati a farsi sentire dopo l’invio da parte dell’Ica di oltre 2000 cartelle esattoriali (e altrettante risultano in lavorazione) riguardanti tributi relativi al periodo compreso tra il 2009 e il 2014. “Dopo aver ricevuto diverse segnalazioni da parte dei nostri associati abbiamo effettuato alcune verifiche per capire come mai sono state consegnate proprio da Ica e con queste tempistiche: è emerso che per Spoleto - hanno spiegato oggi in conferenza, insieme al consigliere Carlo Filippi e al vice presidente di Confcommercio di Spoleto Sonia Cecconi - la rottamazione bis non era possibile, in quanto l’amministrazione comunale ha affidato a questa società l’incarico di concessionario per la riscossione dei tributi il 27 settembre”. 


Danno ai cittadini Le cartelle sono state quindi mandate a ruolo nei giorni successivi. Peccato però che i termini per aderire alla procedura volta a non far pagare le sanzioni ai contribuenti e a rateizzare il debito tributario maturato scadessero il 30 dello stesso mese. Cagionando così un danno alle imprese e alle famiglie di notevole entità (il risparmio va dal 30% al 40%). “Il Comune ha come missione non quella di vessare i cittadini bensì di agevolarli soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo. Deve mettere in campo tutte le azioni possibili immaginabili per facilitare i contribuenti”. Da chiarire anche il motivo per il quale il Municipio da almeno ottobre 2016 ha smesso di inviare ad Equitalia (il precedente concessionario) le cartelle dei tributi non riscossi per poi ricominciare a mandarli una volta affidato l’incarico all’Ica. “Un’amministrazione non può procedere in tal direzione di sua sponte. Chi ha deciso di interrompere i flussi? Ci è stato risposto che erano impegnati con la gara attraverso la quale affidare il servizio di riscossione e che non se ne sono accorti ma è una risposta che non possiamo accettare”. 


Le richieste Da qui la richiesta di “prorogare i termini per fare domanda fino al 30 marzo 2018 e prevedere l’esenzione delle sanzioni applicate sulle cartelle esattoriali inviate dall’Ica a partire da ottobre 2017 per i tributi rottamabili”. Da Tattini e Barbanera è inoltre arrivato l’invito al Municipio, con il quale “non esiste dialogo”, ad “istituire un tavolo permanente per discutere insieme alle associazioni di categoria le tariffe 2018 dell’Imu e della Tari affinché si possano concertare, come già chiesto in passato ma mai accordato da questa amministrazione” e “rimodulare il regolamento dell’Ica per la riscossione coattiva, ritenuta ad oggi troppo invasiva”.


Il Comune scrive al Commissario speciale per la ricostruzione 


Nel frattempo sulla vicenda è intervenuto anche il Comune, che ha chiesto al Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione Paola De Micheli di estendere la definizione agevolata prevista dal Decreto 148/2017 anche ai carichi affidati fino al 31 dicembre 2017 con l’obiettivo di permettere anche ai contribuenti di Spoleto di accedere alle agevolazioni contenute nella cosiddetta “Rottamazione bis”.L’effetto retroattivo del decreto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 16 ottobre scorso, sta di fatto impedendo ai contribuenti spoletini - si legge nel comunicato inviato oggi - di presentare la domanda di adesione i cui termini scadranno il 15 maggio prossimo. I carichi sono stati infatti affidati all’I.C.A. (Imposte Comunali Affini) srl, attuale gestore della riscossione per conto del Comune di Spoleto, dopo il 30 settembre 2017 (scadenza attualmente prevista dal decreto), ossia al termine delle procedure di gara effettuate dall’Ente per l’affidamento del servizio.  


A riguardo il vicesindaco Maria Elena Bececco ha già avuto una prima interlocuzione con il Commissario De Micheli la scorsa settimana, in occasione del convegno “Sisma 2016, il punto sulla ricostruzione” che si è svolto al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti il 2 febbraio. Da qui la decisione di chiedere al Commissario stesso di farsi portavoce affinché, almeno per i Comuni inseriti nell’area del cratere, sia possibile estendere i termini previsti nel decreto, prevedendo così le agevolazioni anche per i carichi affidati dopo il 30 settembre e fino al 31 dicembre 2017. Parallelamente il Comune di Spoleto, insieme alle associazioni di categoria del territorio incontrate lunedì scorso, coinvolgerà l’Anci rappresentando le problematiche che stanno interessando le aziende e, più in generale, i cittadini di Spoleto”.



Principe Store
Spoleto d'inverno
Lavanderia La Perfetta
Il Macigno
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Multiservizi Spoleto
Il Biologico Spoleto
Estetica Creola
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (1)

Commento scritto da Giorgio Mancini il 09 Febbraio 2018 alle 15:09
Elementare Watson!! L'assessore teleguidato da Zefferino Monini si è venduto i crediti all'Ica che ha versato sull'unghia al Comune almeno un paio di milioncini di euro. E, guarda caso, si sono scordati della rottamazione bis !! Commercianti carissimi li avete votati? Ecco i risultati!!


Aggiungi un commento [+]
Panificio Montebibico
Bonucci
Pizzeria Mr Cicci
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Spoleto Cinema al Centro
Bar Moriconi
L'Altro Forno