Spoletonline
Edizione del 21 Agosto 2018, ultimo aggiornamento alle 23:46:45
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Costa D'Oro
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
Parafarmacia Serra
Ristorante Pecchiarda
TrattOliva
Ristorante Pizzeria San Giuliano
The Kon
AROF Agenzia Funebre
Ristorante Al Palazzaccio
Ristorante Albergo LE CASALINE
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo San Vito
Casale La Palombara
Pc Work
Rafting Nomad
Libreria Aurora
Azienda Agricola Bocale
Agriturismo Colle del Capitano
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Tuber experience - Campello
Arte Infusa
Stampa articolo

Società, 13 Febbraio 2018 alle 11:25:03

Sempre più forte il rapporto tra Spoleto e Seoul

Una delegazione dell'Institute of the Arts, composta da 4 docente e 9 studentesse, accolti in Comune per discutere di progetti futuri

Quattro docenti (Cho Hyun Chul, Kwon Jin won, Kim Dae-hong e Lee Jae-seung) e nove studentesse del Seoul Institute of the Arts sono stati ricevuti domenica scorsa a Palazzo Mauri dall’Assessore alla Cultura e al Turismo Camilla Laureti nella sede dell’Assessorato. 


Il Seoul Institute of the Arts, che collabora dal 2015 con La MaMa Umbria, è presente a Spoleto due volte all’anno per tirocini di 4 mesi. In estate un gruppo più numeroso di studenti del Seoul Institute si ferma a Spoleto per realizzare progetti artistici e culturali. Recentemente sette studenti del Seoul Institute of the Arts  hanno svolto una residenza creativa di due settimane a Roma grazie alla collaborazione con l’Università Roma Tre e di due settimane a Spoleto per la realizzazione dello spettacolo DMZ: Dissonance, Technology and Freedom andato in scena lo scorso sabato al Cantiere Oberdan di Spoleto come momento finale della residenza internazionale realizzata tra Seoul, Roma, New York e Spoleto.


DMZ è l'acronimo di Demilitarized Zone (Zona demilitarizzata), e si riferisce al confine che separa le due Coree, anche conosciuto come 38esimo Parallelo, un'area che negli ultimi mesi è stata al centro dell'attenzione dei media internazionali. In questa collaborazione, il termine viene anche utilizzato simbolicamente per definire la dimensione digitale che separa, e allo stesso tempo unisce, i due spazi. Una dimensione che ospita la collaborazione creativa, lo scambio di competenze e l'interazione culturale. Questa particolare Residenza creativa internazionale si è svolta contemporaneamente a New York e in Italia. I due luoghi sono stati collegati attraverso il sistema della telepresenza dove un gruppo di studenti italiani e coreani hanno lavorato insieme, partecipando ad una serie di laboratori e seminari sull'uso dei media nella performance e nel teatro come strumento di relazione ed attivismo sociale.


La delegazione coreana, accompagnata da Andrea Paciotto e Adriana Garbagnati della MaMa, si è intrattenuta con l’assessore Laureti anche per parlare delle possibilità future di ampliamento della collaborazione tra l'Istituto sudcoreano e la città di Spoleto. La delegazione ha compiuto, con la guida dell’Ufficio relazioni Internazionali del Comune, una visita ai maggiori monumenti della città, ai suoi teatri e alla mobilità alternativa.  Alcuni elementi della corale Bisse si sono esibiti in occasione dell’incontro, accompagnati al pianoforte da Claudio Scarabottini.



Abbazia Albergo e Ristorante
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Il Jazz italiano + Al Bano in concerto a Scheggino
Umbria Dent
Multiservizi Spoleto


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Guerrini Macron Store
Spoleto Cinema al Centro
Lavanderia La Perfetta
Associazione Cristian Panetto
Pizzeria Mr Cicci
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar Moriconi
Così è una svolta Pub
Bonifica Umbra
Taverna del Pescatore
Sicaf Spoleto
Tre Giorni per ricostruire
Principe
Performat Salute Spoleto
Lavanderia La Perfetta