Spoletonline
Edizione del 18 Dicembre 2018, ultimo aggiornamento alle 20:05:11
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Pc Work
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Al Palazzaccio
Centro Ottico Emmedue
Ristorante Pecchiarda
Tuber experience - Campello
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Libreria Aurora
Agriturismo Colle del Capitano
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Electrocasa Spoleto
AROF Agenzia Funebre
Arte Infusa
Il Calzolaio
La Piazzetta delle Erbe
Norcineria Severini Perla
Parafarmacia Serra
Stampa articolo

Spoleto - Società, 16 Aprile 2018 alle 21:40:11

14.834 visitatori: chiude con numeri straordinari la mostra LIGHTQUAKE

Un successo oltre ogni aspettativa per la mostra che ha esposto a Spoleto e Gubbio le opere luminose della Black Light Art e della Light Art

Con 14.834 visitatori in totale nelle due sedi di Spoleto e Gubbio, si chiude la mostra Lightquake 2017. Un successo straordinario, oltre ogni aspettativa, per l'esposizione alla Rocca Albornoz - Museo Nazionale del Ducato di Spoleto e al Palazzo Ducale di Gubbio. 


La luce che diventa buio, il buio che diventa luce. Colori ed effetti sensazionali hanno riempito di stupore i visitatori con le opere di arte contemporanea di "Black Light Art - La luce che colora il buio" a Spoleto e "Light Art" a Gubbio. Al Palazzo Ducale di Gubbio sono stati registrati 3195 visitatori, alla Rocca di Spoleto sono stati 11.639 (a Spoleto la mostra è stata prorogata dal 25 febbraio all'8 aprile). Ligthquake 2017 si è dimostrato un vincente esperimento di contaminazione fra spazi storici e opere contemporanee. A rafforzare le presenze hanno contribuito le numerose iniziative culturali in mostra, rivolte sia ad un pubblico adulto che bambini, molto apprezzate: le visite guidate a tema per i visitatori, le attività didattiche per le scuole, la Giornata Instameet Spoleto, con quaranta Instagramers che hanno visitato la città compresa la mostra Lightquake 2017, l'attività Famiglie ad Arte "Disegniamo con la luce", il convegno "Lo Spazio della Luce", a cui hanno partecipato architetti ed ingegneri, l'evento speciale "Spengiamo gli spazi, accendiamo le opere" per M'illumino di meno, la campagna di sensibilizzazione promossa da Radio2 Rai.
Di grande suggestione l'installazione temporanea di Carlo dell'Amico al Tempietto sul Clitunno, tenutasi il 4 aprile, dal titolo "Il colore innato". L'opera è "entrata" nella camera inferiore e nella cella superiore del Tempietto, illuminate da zone blu e rosse, creando un'inedita e intensa contaminazione antico- contemporaneo.


"Il progetto artistico Lightquake 2017 - sottolinea la direttrice Paola Mercurelli Salari - è la prima iniziativa che ha messo in sinergia tre strutture del Polo museale dell'Umbria con una mostra d'impatto, di facile comprensione e sorprendente intensità. Ringraziamo tutti gli artisti per aver illuminato Spoleto e Gubbio con le loro installazioni luminose e opere interattive. Si ringrazia Rosaria Mencarelli per l'ideazione del progetto, la direzione artistica di Gisella Gellini e Claudia Bottini e la collaborazione di Fabio Agrifoglio, presidente della Fondazione Mario Agrifoglio e degli studenti del corso Light Art e Design della Luce di Milano. Grazie anche alla Società Sistema Museo per la produzione, senza dimenticare i partner del progetto che sono stati Illum, Platek e Tecnokar. Si ringrazia infine, l'exhibition designer Gaetano Corica che ne ha curato l'allestimento e autore del progetto foto-video dell'esperienza con Cecilia Brianza".



Gli artisti che hanno esposto a Spoleto sono stati: Mario Agrifoglio, Nino Alfieri, Alessio Ancillai, LeoNilde Carabba, Claudio Sek De Luca, Giulio De Mitri, Nicola Evangelisti, Maria Cristiana Fioretti, Federica Marangoni, Yari Miele, Ugo Piccioni, Sebastiano Romano. Ad illuminare il Palazzo Ducale di Gubbio sono stati Federica Marangoni, Stefano Frascarelli e Saverio Mercati.


Il progetto artistico Lightquake è nato per sostenere il recupero del patrimonio culturale danneggiato dal sisma del 2016, attraverso una raccolta fondi finalizzata al restauro. A breve l'Associazione attribuirà agli enti proprietari delle opere i fondi raccolti per il restauro, previa approvazione del progetto da parte delle competenti soprintendenze.


 


 


 



Multiservizi Spoleto
Il Macigno
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Biologico Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Estetica Creola


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Stile Creazioni
Bonifica Umbra
Panificio Montebibico
Spoleto Cinema al Centro
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Il Pianaccio
Principe
Bonucci
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
L'Altro Forno
Associazione Cristian Panetto