Spoletonline
Edizione del 19 Febbraio 2019, ultimo aggiornamento alle 15:21:15
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Arte Infusa
Norcineria Severini Perla
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Fondazione Giulio Loreti
Ristorante Pecchiarda
Il Cerchio 5 x 1000
Ristorante Al Palazzaccio
Pc Work
Ristorante Albergo LE CASALINE
AROF Agenzia Funebre
Vus Com
Electrocasa Spoleto
Spoleto Cinema al Centro
Il Calzolaio
Centro Ottico Emmedue
Tuber experience - Campello
La Piazzetta delle Erbe
Libreria Aurora
Stampa articolo

Politica, 12 Luglio 2018 alle 11:11:24

Lotta al degrado, interviene il Partito Comunista: 'No soluzioni repressive, è una questione culturale ed economica'

' Proporre ai nostri giovani buone pratiche di convivenza per rendere le strade delle città un luogo vivibile per tutti è un passo importante'

“Si è appena conclusa una campagna elettorale in cui molte forze politiche hanno parlato di degrado e sicurezza facendone uno dei temi centrali del proprio messaggio elettorale. Ma chi ha fatto della lotta al degrado il proprio cavallo di battaglia non ha saputo fare altro che proporre soluzioni repressive,


dall'installazione di telecamere al divieto della vendita di alcolici, o atti dimostrativi di breve respiro, come tagliare l'erba delle aiuole: soluzioni che equivalgono a nascondere la spazzatura sotto al tappeto”. A parlare, attraverso una nota, è il Partito Comunista, che aggiunge: “Contrastare il degrado è una questione culturale, economica e sociale. Proporre ai nostri giovani buone pratiche di convivenza per rendere le strade delle città un luogo vivibile per tutti è un passo importante per uscire da una logica repressiva inutile e dannosa, che toglie spazi di agibilità e danneggia gli esercizi commerciali. Ma non bisogna dimenticare che il degrado affonda le sue radici nella mercificazione dei servizi fondamentali e nella desertificazione del tessuto economico delle città: la costruzione di centri commerciali come cattedrali nel deserto a scapito di piccoli esercizi commerciali che fanno da presidio del territorio e la chiusura di attività produttive a causa di delocalizzazioni o scellerate politiche industriali sono tutti risultati di un'unica causa: la ricerca forsennata del massimo profitto, che provoca degrado umano, sociale ed economico. Chiudere i centri storici alla movida o tosare l'erba delle aiuole non sono soluzioni. Combattere il degrado in modo strutturale vuol dire lottare al fianco delle classi popolari per riportare al centro i diritti fondamentali: il lavoro, la casa, lo studio, la salute. Ricordiamo ai cittadini, prima che elettori, che un voto, o una promessa elettorale non cambiano nulla: solo la lotta paga”.



Multiservizi Spoleto
Principe Store
Abbazia Albergo e Ristorante
Lavanderia La Perfetta
Principe linea Hobby
Il Macigno
Il Biologico Spoleto
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Bonifica Umbra
L'Altro Forno
Il Cerchio 5 x mille
Bar Moriconi
Spoleto Cinema al Centro
Associazione Cristian Panetto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Pizzeria Mr Cicci
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Bonucci