Spoletonline
Edizione del 23 Settembre 2018, ultimo aggiornamento alle 19:45:22
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Agenzia Bonifazi Immobiliare Spoleto
Spoletonline
Costa D'Oro
cerca nel sito
Ristorante Albergo LE CASALINE
Arte Infusa
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Pc Work
Ristorante Pizzeria San Giuliano
Rafting Nomad
Tuber experience - Campello
The Kon
TrattOliva
Casale La Palombara
Libreria Aurora
Ristorante Al Palazzaccio
Agriturismo San Vito
Agriturismo Colle del Capitano
AROF Agenzia Funebre
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Ristorante Pecchiarda
Parafarmacia Serra
Stampa articolo

Ambiente e Territorio, 12 Luglio 2018 alle 16:34:40

Parco Nazionale del Catria, Nerone e Alpe della Luna: alcune riflessioni di Federcaccia Umbria e Marche

 


Continuiamo ad assistere ad iniziative per promuovere l'istituzione di un nuovo, l'ennesimo, Parco Interregionale, quello del Catria, del Nerone e dell'Alpe della Luna.


Le federazioni regionali Federcaccia di Marche ed Umbria ritengono utile intervenire nel dibattito che si è aperto avanzando alcune considerazioni in merito a questa ipotesi.
Inutile nascondere che riteniamo che la tutela della biodiversità, obbiettivo che per primi come cacciatori abbiamo a cuore, possa essere fatta senza ricorrere al complesso sistema di vincoli, che peraltro sono già presenti (Oasi, ZPS, ecc..) che comporta l'istituzione di un Parco per tutti coloro che vi abitano e per le attività di qualsiasi tipo, anche economiche, che ricadono al suo interno, tenuto conto anche dell'ampiezza prevista, che andrebbe a interessare una porzione vastissima di territorio. Di solito, per esempio, non si considerano i vincoli urbanistici che scattano anche per le manutenzioni delle costruzioni esistenti.
Ci preme sottolineare in particolare come peraltro ancora oggi l'area in questione abbia mantenuto intatta tutta la sua bellezza proprio grazie a coloro che vi risiedono e vivono la quotidianità nel rispetto delle tradizioni e di un attento e sostenibile uso, anche produttivo, delle risorse naturali del territorio senza che si fosse sentito il bisogno di ricorrere a strumenti di particolare protezione o regolamentazione delle diverse attività quali quelli che un Parco prevede.
E non può fungere da "specchietto per le allodole" il prospettare chissà quanti milioni di euro di investimenti dovrebbe portare il Parco: troppe esperienze dimostrano l'esatto contrario, carenza di fondi per gestire, squilibri faunistici a favore delle specie opportuniste e più dannose per le produzioni agricole e la biodiversità, la realizzazione di piani di gestione farciti di vincoli e divieti e scarsissima gestione.
Ci sembra che l'istituzione di quanto ipotizzato altro non sia che l'ennesimo intervento calato dall'alto sulla testa dei cittadini residenti senza prendere in debita considerazione né le loro esigenze o necessità, né tantomeno le esigenze di tutela della flora e della fauna locale che gli abitanti della zona hanno dimostrato fino ad oggi di saper ben tutelare e conservare proprio perché le sentono come "proprie" e come tali le difendono.
Non è infatti con una visione basata su divieti e vincoli, ormai superata al punto che a livello nazionale forte è avvertita fra molti esperti e tecnici l'esigenza di modificare la legge 394 che li norma, che si può pensare di far nascere e trasmettere nei cittadini l'interesse a tutelare territorio, ambiente e fauna.


Per quanto riguarda il mondo venatorio, crediamo di aver dimostrato più volte la nostra disponibilità ad accettare regole e limitazioni se dettate dalla reale necessità di tutela e protezione di un habitat o di una specie selvatica, ma crediamo anche che provvedimenti quale quello in ipotesi con tutte le conseguenze che questo comporta (vedasi l'incremento dei danni alle coltivazioni agricole causati dagli ungulati), richiedano un maggior coinvolgimento da parte degli abitanti locali e che non possano essere presi dietro la spinta di poche persone, per quanto vogliamo pensare in buona fede e spinte da buoni propositi.
Riteniamo quindi opportuno che le Regioni Marche ed Umbria, i Sindaci interessati, coinvolgano direttamente le popolazioni residenti nella zona ipoteticamente destinata a divenire Parco, affinché queste possano esprimere il loro parere su una iniziativa che comporta ricadute di non poco conto sulla loro quotidianità e sul loro futuro.


IL PRES.TE FIDC MARCHE IL PRES.TE FIDC UMBRIA
PAOLO ANTOGNONI FRANCO DI MARCO


 


 



Umbria Dent
Estetica Creola
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Multiservizi Spoleto
Il Biologico Spoleto
La Traviata - Teatro Lirico Sperimentale
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Bonifica Umbra
Lavanderia La Perfetta
Centro Fisioterapico Clitunno
Principe
Guerrini Macron Store
Così è una svolta Pub
Bar Moriconi
Mobili Regoli
Taverna del Pescatore
Lunch Cafè
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Sicaf Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Spoleto Cinema al Centro
Associazione Cristian Panetto
Performat Salute Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Grisanti Arreda
Il Pianaccio
Pizzeria Mr Cicci