Spoletonline
Edizione del 11 Dicembre 2018, ultimo aggiornamento alle 21:34:01
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Tuber experience - Campello
Il Calzolaio
Libreria Aurora
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
AROF Agenzia Funebre
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Pc Work
Norcineria Severini Perla
Ristorante Albergo LE CASALINE
Arte Infusa
Spoleto Cinema al Centro
Centro Ottico Emmedue
La Piazzetta delle Erbe
Parafarmacia Serra
Ristorante Al Palazzaccio
Agriturismo Colle del Capitano
Electrocasa Spoleto
Ristorante Pecchiarda
Stampa articolo

Spoleto - Opinioni, 10 Ottobre 2018 alle 12:13:15

IL TRAGUARDO E' VICINO

[Commenti]


Enzo Ercolani


La Delibera assunta dalla Giunta Regionale, il 10 settembre u.s., su proposta dell'Assessore alla Sanità dott. Luca Barberini, può essere letta da chiunque su Internet e quanto si legge non è soggetto a interpretazioni particolari perchè le cose sono dette (e scritte) in maniera molto chiara. 


La Delibera riguarda la Rete Regionale dei Servizi di Diagnostica di Laboratorio, ovvero la riorganizzazione dei vari Laboratori Analisi presenti nelle Strutture Ospedaliere dell'Umbria.
Nella stesura del Documento vengono sottolineati alcuni concetti di primaria importanza quale il fatto "la Medicina di Laboratorio è , oggigiorno, una componente fondamentale dei processi assistenziali , che determina il 70 % delle decisioni cliniche" ed il fatto che i progressi compiuti in questi ultimi tempi ci danno "la possibilità di refertare gli esami in tempo reale , in particolare nella Medicina d'urgenza, tale da modificare in senso positivo la gestione di numerose condizioni patologiche".
Ciò premesso , le decisioni della Giunta portano ad un'articolazione regionale nella quale sono presenti Laboratori cosidetti "Hub" (dove "si concentrano gli esami di elevata complessità con utilizzo di tecnologie ad alto costo" ) e Laboratori "Spoke" ( dove "si effettuano gli esami diagnostici di base "). I Laboratori "Hub" sono a sua volta distinti in "Hub di secondo livello" (Perugia e Terni) ed "Hub di primo livello (Città di Castello, Foligno ed Orvieto) . Spoleto diventa "Spoke".
Questa riorganizzazione, dettata probabilmente anche da questioni economiche (non per niente la Delibera sospende le assunzioni di figure professionali nei Laboratori individuati come centri Spoke) avrà degli innegabili contraccolpi sui livelli assistenziali attualmente assicurati dal SanMatteo. Dicono le cronache che i sindaci dell'alto Chiascio, dove ha sede il Presidio di Branca, anch'esso riconvertito a Spoke come Spoleto, sono da settimane sul piede di guerra. Spoleto, invece, pare non muoversi.
Personalmente sono preoccupato quanto gli eugubini perchè credo che l'attuazione di quanto deciso dalla Giunta Regionale consentirà al SanMatteo di raggiungere in tempi brevi il traguardo, ovvero la perdita della qualifica di Ospedale per acuti (o, per dirla meglio, dell'Emergenza Urgenza).
A questo punto, sempre a mio parere, le strade da percorrere sono tre:
quella dell'accettazione passiva (ben conosciuta perchè già percorsa in altre occasioni)
quella della protesta vera (pretendendo, come Branca, la revisione della Delibera in questione)
quella, ultima, della contrattazione (se mi togli qualcosa di importante , cosa mi dai , di ugualmente importante, in cambio?)
Agli spoletini la scelta.


 



Il Macigno
Multiservizi Spoleto
Estetica Creola
Scheggino - Il Borgo di Babbo Natale
Il Biologico Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (7)

Commento scritto da spoletino verace il 10 Ottobre 2018 alle 13:00
Non sono gli spoletini ad intervenire ma,deve essere il Sindaco e la sua amministrazione tutta ,purtroppo però non ho mai visto una giunta che prende solo visione delle cose,intanto all'ospedale verranno tolti ssercizzi di primaria importanza.Spero che quanto prima ci sia una presa di posizione del Sindaco in merito.


Commento scritto da Con questo passo... il 10 Ottobre 2018 alle 13:14
"Il traguardo è vicino" ma c'è chi arriva per ultimo e in cattive condizioni.


Commento scritto da il cospaiese il 10 Ottobre 2018 alle 15:05
Ercolani, ti sei svegliato tardi! E' da quando hanno aperto Foligno che l'Ospedale di Spoleto è a rischio e lei lo sa bene, come lo sanno bene tutti i medici ospedalieri e non della Valle Umbra. C'era una possibilità e cioè un reparto di alta specializzazione, ma adesso la chirurgia robotica, viene utilizzata come set cinematografico, con enorme gioia degli spoletini abbacinati dalle scorribande di Don Matteo. A dire il vero c'era un'altra possibilità l'ipotesi dell' Ospedale Comprensoriale Foligno Spoleto, che agli inizi degli anni 90 doveva sorgere tra Campello e Trevi, ma gli amministratori spoletini dell'epoca non vollero ed allora chi è causa del suo mal pianga se stesso!


Commento scritto da TROLLini il 10 Ottobre 2018 alle 17:04
Ma basta! Mo' basta!

Sono un folignate che viene a Spoleto per fornire alcuni clienti e sento sempre piangere. Ora dico basta.

Foligno ha un bacino più grande e quindi aggrega le realtà più piccole, mica si può fare il contrario.

I servizi si efficentano accentrando e il centro dell'area è Foligno.



Commento scritto da Sant'Ambrogio il 10 Ottobre 2018 alle 18:30
@TROLLini:

lo credo bene caro folignate che il vostro ospedale è diventato primario rispetto a quello di Spoleto, ve lo fece fare la "Zarina" su un terreno del marito anche se il terreno inquestione insiste su una palude e per tenerlo all'asciutto ci vogliono delle pompe idrauliche che prosciugano di continuo l'area! ma si da il caso che se non ci fosse stato questo interesse privato in atto pubblico, e l'ospedale fosse stato costruito sul versante Trevano, allora si che sarebbe potuto essere di facile utilizzo anche per gli Spoletini e per gli utenti dell'area Valnerina, ma delocalizzato verso il versante di Assisi/Bastia puo essere una struttura utile solo a quell'area., ma Spoleto anche per il suo essere naturale sbocco per la valnerina e essendo separato da Terni dal valico della Somma deve restare un ospedale di primaria importanza. Se gli amministratori regionali ragionassero così mostrerebbero equità ma poiche sono solo una manica di delinquenti ci toccherà aspettare le prossime regionali e ci penseranno Lega e 5stelle a mandarli tutti a zappare i rispettivi orticelli!


Commento scritto da Gianni il 10 Ottobre 2018 alle 19:01
A Ercolani forse è sfuggito qualche comunicato...


Commento scritto da Paolo il 10 Ottobre 2018 alle 21:08
....il cospaiese......il robot funziona tutta la settimana in chirurgia generale,urologica e ginecologica non per dire le cazzate che dici tu ma per togliere i tumori ai malati, abbia rispetto per il lavoro delle persone e le malattie della gente ed è un riferimento ancora a livello nazionale altro che fiction!!!!!!!


Aggiungi un commento [+]
Bonucci
Associazione Cristian Panetto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Principe
L'Altro Forno
Bonifica Umbra
Panificio Montebibico
Il Pianaccio
Spoleto Cinema al Centro
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Stile Creazioni
Pizzeria Mr Cicci
Grisanti Arreda
Bar Moriconi