Spoletonline
Edizione del 25 Marzo 2019, ultimo aggiornamento alle 11:04:24
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Unique e Social Sport
Spoletonline
Unique e Social Sport
cerca nel sito
Ristorante Pecchiarda
Spoleto Cinema al Centro
Vus Com
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Al Palazzaccio
Arte Infusa
Ristorante Albergo LE CASALINE
Fondazione Giulio Loreti
AROF Agenzia Funebre
Pc Work
Il Cerchio 5 x 1000
Libreria Aurora
Tuber experience - Campello
Stampa articolo

Spoleto - Politica, 12 Gennaio 2019 alle 18:11:14

'Spoleto Popolare' e 'Alleanza Civica': 'Nostri progetti stoppati, persi investimenti tra i 20 e i 30 milioni di euro'

I gruppi di opposizione all'attacco su diversi argomenti: Palatenda, ex convitto femminile, polo scolastico di San Paolo, caserma dei vigili del fuoco e 'Spoleto-Norcia in Mtb' [Commenti]


Filippo Partenzi

“Siamo arrivati ad un punto in cui non possiamo più tollerare quello che sta accadendo in città. Avevamo portato avanti una serie di progetti concreti, che avrebbero garantito un importante indotto economico ed investimenti certi da parte di soggetti esterni al Comune tra i 20 e i 30 milioni di euro. Purtroppo l’amministrazione De Augustinis ha deciso di stopparli o farli svanire del tutto, compiendo delle scelte politiche che di fatto stanno affossando la città”. 


I gruppi consiliari di opposizione “Spoleto Popolare” e “Alleanza Civica” tornano all’attacco, facendo il punto sulle vicende riguardanti il recupero del Palatenda, dell’ex convitto femminile e dell’ex colonia di Monteluco nonché la realizzazione del polo scolastico di San Paolo, di quello montessoriano e della caserma dei vigili del fuoco. “Quando abbiamo lasciato a causa delle elezioni - ha detto l’ex sindaco Maria Elena Bececco nel corso della conferenza odierna promossa nella sala Monterosso di Villa Redenta - erano interventi certi e pronti a partire. Dopo appena 6 mesi, invece, alcuni sono sfumati mentre per altri non è chiaro cosa accadrà: da una situazione ereditata di assoluta certezza arriviamo quindi ad una di assoluta incertezza, che sta già creando seri danni al territorio”.


Il Polo scolastico Il primo argomento analizzato nel dettaglio, attraverso una serie di slide e documenti (ottenuti facendo richiesta di accesso agli atti in Municipio), è il polo scolastico all’interno del quale la Giunta vorrebbe spostare i licei. “Oggi il cantiere sarebbe stato aperto, con la possibilità di avere le nuove sedi del nido ‘Prato Fiorito’ e della media ‘Alighieri’ pronte per settembre, così come accadrà a Perugia con la ‘Carducci’. Invece si è deciso di ripartire da zero con molte incognite, senza tuttavia avere alcun tipo di accordo con la Provincia di Perugia e con un progetto nuovo che verrà pagato dalla cittadinanza. Ad oggi non si sa che fine faranno i plessi coinvolti, il polo montessoriano e la palestra prevista per l’Alberghiero: è una gestione veramente approssimativa, andando avanti così queste scuole verranno ricostruite tra molti anni”.


La caserma dei vigili del fuoco Bloccato pure il progetto volto a costruire la nuova “casa” dei vigili del fuoco nell’area dell’ex Foro Boario, approvato all’unanimità dal consiglio comunale il 18 gennaio 2018. “Tutta la documentazione necessaria era pronta - ha detto Ilaria Frascarelli - ora l’amministrazione invece, scegliendo di realizzare la caserma in via Flaminia, mette a rischio un investimento di circa 3 milioni di euro dovendo ancora acquisire l’autorizzazione da parte del titolare dell’area in cui verrebbe costruita e dei vigili del fuoco”.


Il Palatenda In stallo anche il futuro del Palatenda, dopo il botta e risposta tra il sindaco ed il presidente regionale della Croce Rossa italiana Paolo Scura. “La Cri aveva messo a disposizione oltre 970 mila euro per riqualificare l’impianto - ha spiegato Roberto Settimi - che avrebbero permesso di realizzare un campo di calcio a 5 regolamentare ed aumentare la capienza a 1000 spettatori. Bisognava soltanto mandare avanti l’iter tuttavia il Comune ha deciso di fare diversamente, proponendo alla Croce rossa di finanziare i lavori di costruzione della nuova palestra a San Paolo. Ma anche di questa vicenda non si è più saputo nulla: l’unica certezza è che il Palatenda rimarrà così com’è”.


L’ex convitto femminile Il discorso si è poi spostato sull’ex convitto femminile di viale Matteotti, che l’Inps a inizio anno ha ceduto al Fondo i3-Silver gestito da Invimit SGR (una società del ministero dell'Economia e delle Finanze) che provvederà a ristrutturarlo per riconvertirlo a senior housing. Un progetto rispetto al quale la Giunta si era mostrata scettica. “Ad agosto il dirigente dell’Inps Fiorino per ben due volte lo aveva illustrato al Comune mediante Pec datate 7 e 27 agosto - ha detto Gianmarco Profili - richiedendo poi un incontro. Richiesta reiterata il 18 settembre, visto che dal Municipio non era arrivata alcuna risposta. A questo silenzio prolungato ha fatto seguito la lettera del 29 novembre, all’interno della quale è spiegato che l’ex colonia di Monteluco è stata tolta dal piano di valorizzazione ed inserita in quello di dismissione. È inaccettabile quello che è accaduto: una città non può essere gestita così, alla gente va raccontata la verità delle carte”.


La “Spoleto-Norcia in Mtb” Chiusura sulla manifestazione “La Spoleto - Norcia in Mtb”, ormai destinata a traslocare in un’altra città viste le polemiche nate al termine dell’edizione 2018 e la presa di posizione degli organizzatori. “La rassegna non è del Comune, dopo la Pec del sindaco de Augustinis è giusto che il comitato rimanga della sua posizione” ha affermato Bececco, a cui ha fatto seguito l’intervento di Profili: “Mi auguro che si trovi una soluzione che non mortifichi il territorio”. 



Lavanderia La Perfetta
Il Macigno
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Biologico Spoleto
Azienda Modena
Azienda Modena
Multiservizi Spoleto
Principe Store
Unique e Social Sport
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno


Commenti (10)

Commento scritto da Gianfranco C. il 12 Gennaio 2019 alle 20:08
Documenti alla mano, è stata evidenziata l'incapacità di questi amministratori su 5 temi strategici.

In merito all'ultimo, sembra che sia stata proiettata LA FRIMA PER RESPONSABILITA' e non per semplice trasmissione del documento che rendiconta il progetto ERASMUS.

E' possibile avere conferma?

Perché se ciò fosse vero significherebbe che:

1) il progetto era ben fatto

2) come mai si era taciuto a riguardo, dicendo che la firma era stata posta solo per trasmissione?

3) chi ha firmato smentisce se stesso e soprattutto non si comprende come mai si sia lanciato allarmismo sulla manifestazione.

Grazie



Commento scritto da Luigi cintioli il 12 Gennaio 2019 alle 21:42
Un supereroe è un personaggio immaginario di fumetti, narrativa, cartoni animati o film che si caratterizza per le sue doti di coraggio e nobiltà e che generalmente ha abilità straordinarie, dette superpoteri, rispetto a quelle degli esseri umani normali oltre a possedere un nome e un costume pittoresco. Wikipedia

Voi siete dei super eroi abbiamo capito,gli spoletini cattivi !!!non vi hanno votato



Ci siamo salvati per pochi voti . perché non parlate della bps , persa , e del compianto sindaco Caldarelli che nulla ha fatto per salvarla.

Perche non parlate della cementar che sta chiudendo .



Super eroi, non vi stimiamo ,



Luigi Cintioli


Commento scritto da Emidio il 12 Gennaio 2019 alle 23:09
Caro Luigi, hai toccato argomenti che riguardano il privato, non il pubblico, argomenti per i quali vige il mercato e talvolta una gestione sciagurata.... cmq potresti chiedere a coloro che hanno fatto vincere i fenomeni per i quali sembri nutrire simpatia...magari scegli CRETONI, LORETONI, PROIETTI, MORELLI tutta gente he nel 2014 fu eletta in appoggio al compianto sindaco... magari ti spiegano come mai votavano in un modo e oggi puntualmente la pensano al contrario, ma se non riesci a capire la differenza degli argomenti trattati puoi sempre rivolgerti al mentore di San Giovanni... lui conosce bene la storia del Palatenda e visti i rapporti con l'allora presidentissimo, ti spiega anche i perché della bps.poi se blocchi tutto il cemento non lo vendi e guarda caso chi lo produce va in crisi... qui basta chiedere ai grillinj vostri alleati, a sentir parlare il sen. Lucidi, compare di Toninelli. Come vedi se accendi l'organo atto a pensare capisci pure di aver sbagliato a metrre la X. Salutami Wikipedia e guarda alla realtà della nostra Città


Commento scritto da Quinto Settano il 13 Gennaio 2019 alle 15:44
Era molto attesa la conferenza stampa delle due liste civiche facenti riferimento a Maria Elena Bececco, soprattutto perché sembrava una sorta di cahier de dolenceas rispetto alle imprese incompiute (o non avviate ) addebitabili alla Nuova Amministrazione, nei confronti delle buone intenzioni della Giunta del compianto Fabrizio Cardarelli.

Dopo aver letto e riletto gli argomenti ieri illustrati, sorge impulsiva la riflessione:TUTTO QUI?

Gli argomenti rivestono una loro importanza, rilevante ma non fondamentale, rispetto ad altri temi molto più decisivi.

La Spoleto-Norcia, il Palatenda, l’ex Convitto femminile, l’ex caserma dei Vigili del Fuoco, il nuovo Polo Scolastico, sono temi di un certo rilievo, ma , giusto per discettare, perché non trattare anche dell’ECOMOSTRO,a rischio di demolizione, del mancato PIANO REGOLATORE, della CRISI INDUSTRIALE ed ECONOMICA,sempre più dilagante (includendovi anche la situazione bancaria), delle lacrimevoli INFRASTRUTTURE ( dalla Tre Valli alla Somma omicida), della macchina burocratica comunale, fonte di tanti problemi, insomma argomentare del CUORE DEI PROBLEMI e non solo dell’intestino e delle frattaglie.

La spiegazione potrebbe essere molto semplice, anche se pecca, forse, di una quota di banalità:i temi trattati nella conferenza rappresentano i denti doloranti, forse cariati, di alcuni ex-assessori e di consiglieri con delega sportiva, mentre i temi omessi rientravano nella competenza di altri assessori , sempre di area bececchiana, afflitti dal fumus delle accuse di inadempienza.

Tutto considerato, ritengo Maria Elena Bececco persona di valore, degna di ambire a rappresentare in Provincia la nostra Città, ma se la esternazione programmatica di ieri voleva essere la presentazione della lista delle “cose da fare”, mi è sembrata un po' carente; e poi come mai non era presente (forse nemmeno invitata) Camilla Laureti, che poteva costituire la sponda di sinistra di un’eventuale candidatura, come d’altronde era già avvenuto con il famoso (per qualcuno famigerato) apparentamento?

In conclusione:va ricreato il senso di COMUNITA’, smettendola con le questioncine personali, ricordandosi che, oltre agli orti ed agli orticelli, esiste una CITTA’, chiamata SPOLETO.

Infine,chi è di centro-destra si rivolga al suo mondo, anche in campo amministrativo, altrimenti si realizza una Babele delle lingue, un caos ideale, nella illusoria speranza di arrivare a governare con un ircocervo utopico e surreale.







Commento scritto da Alberto il 13 Gennaio 2019 alle 22:12
UNA STORIELLA per riflettere…..

TANA…. adesso aspettiamo il LIBERA TUTTI…

Se non fosse per il dramma in cui questi soggetti hanno messo la Città in soli 6 mesi, ci sarebbe da ridere, invece bisogna piangere. Tutto documentato, tutto certificato, tutto bloccato, solo qui si dice NO a scuole sicure, NO ad eventi turistici, NO a investitori che risanano vecchi palazzi, NO a nuove infrastrutture.

E' finito il tempo dei proclami, delle dichiarazioni a mezza bocca, delle calunnie velate, delle pressioni, nessuno crede più al famigerato ed astratto grande progetto che serve solo a bloccare tutto ciò che già era stato programmato.

La Città si sta svegliando, e ha capito che questa aggregazione Lego-Grillina-restauratrice è gestita da noti tromboni degli affari.

Insomma il Movimento degli EX, già fautore delle nefaste scelte amministrative di S. Martino, ha cambiato maglietta ma resta sempre lo stesso, contraddistinto dalla solita incapacità.

Ma come si fa a dire di non aver mai ricevuto MAIL certificate, di firmare solo per trasmissione, di dichiarare di non aver letto 700 pagine, di azzerare tutti i progetti approvati perdendo soldi, lavoro e finanziamenti, quando invece esistono documenti ufficiali che smentiscono tutto.

ANDATE A CASA.







Commento scritto da FULVIA MONTEROSSO il 14 Gennaio 2019 alle 13:55
E' cosi complicato evitare di storpiare il nome di mio padre? In Villa Redenta la sala è "Monterosso", intitolata appunto a mio padre, primo Sindaco eletto a Spoleto dopo la Costituente. Per il resto mi astengo dall'esprimere un giudizio sulle scelte di cui sopra, non vorrei strafare....


Commento scritto da @Emidio il 14 Gennaio 2019 alle 14:46
Ecco Emidio, l'ultimo arrivato detrattore di wikipedia.

Wikipedia è la realizzazione dell'ideale illuministico dell'enciclopedia universale pensata per il progresso umano.

Se poi tu, carissimo Emidio, pensi che sia troppo facile e troppo alla portata di tutti Wikipedia prova a dare una migliore definizione di supereroe, ma dubito molto ci riuscirai.

Saluti wikipediani.


Commento scritto da SENZA PAROLE il 14 Gennaio 2019 alle 18:05
Sono stata alla conferenza e non c'erano supereroi , evidentemente non era presente!

Sono veramente sconcertata per quanto ho sentito. Mi pento amaramente del voto dato a Giugno

Credevo che il Giudice fosse una buona risposta per Spoleto ma dai documenti letti ho capito che solo tante chiacchiere e tanta boria purtroppo per noi !

E' tutto fermo tutto bloccato. I nuovi progetti per la Dante se ne riparla dopo il 2020 l'inizio della progettazione ... ma scherziamo ! Colonia di Monteluco addio! Palatenda Addio! Spoleto Norcia in MTB addio!

Le prospettive date, tutte mezze verità, idee poco concrete!

SENZA PAROLE



Commento scritto da Renzo M il 14 Gennaio 2019 alle 20:51
Forse il figlio del caramellaio, omette e/o non capisce che i temi relativi alle infrastrutture (peraltro c'è una proposta civica per avvicinare subito di 2 ore il nord a Spoleto è HUB ferroviario su Orte) richiedono tempo e soldi e forse qualche vecchia responsabilità potrebbe riguardare vecchi amministratori che appoggiano da San Martino questa amministrazione. Stesso discorso per la crisi delle aziende e/o del così definito ecomostro. Tutta roba che si poteva evitare di costruire o realizzare vedasi buca di Poreta. Per quanto concerne la Giunta Cardarelli, ad essa va dato atto di aver salvato e potenziato 2 "Aziende Pubbliche ", caserma EI +Scuola PS per un totale fi oltre 700 posti di lavoro.

Il dramma della banca, potrebbe essere spiegato da un altro signore che ha appoggiato questa amministrazione, partecipando a molti eventi in campagna elettorale.

La conferenza ha evidenziato l'immobilismo di questa Amministrazione nel rifiutare progetti per circa 30 milioni di € che magari davano ossigeno al Città. Troppo facile buttarla sul patetico e parlare in maniera ecumenica dopo aver creato solchi e muri.

Il polo civico, ha denunciato l'incapacità di questi amministratori, con documenti ufficiali, ha portato alla luce un sistema perverso di calunnie d bugie.

Mi piacerebbe sapere come viene definito colui che non dice la verità su firme apposte, o su PEC non ricevute?



Commento scritto da Dall'angolo opposto il 17 Gennaio 2019 alle 10:11
Dipende dai punti di vista. Da qui sono dei danni evitati dai 20 ai 30 milioni!


Aggiungi un commento [+]
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Pizzeria Mr Cicci
Il Pianaccio
Spoleto Cinema al Centro
Bonucci
Il Cerchio 5 x mille
Associazione Cristian Panetto
Bar Moriconi
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Bonifica Umbra