Spoletonline
Edizione del 28 Gennaio 2020, ultimo aggiornamento alle 14:31:56
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Tuber experience - Campello
Ristorante Pecchiarda
Pc Work
Libreria Aurora
Ristorante al Palazzaccio
Electrocasa Spoleto
Dottor Luigi GRAZIANI
Ristorante Albergo LE CASALINE
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Axis Italy
Alimentari Di Cicco Pucci
Agriturismo Posto del Sole
Parafarmacia Serra
Agricoltura Naturale Giorgetti
Stampa articolo

Visti da Lontano, 25 Febbraio 2019 alle 15:26:58

Nell'indifferenza anche il dolore addormenta i cuori

Il male non è la classe politica, ma chi essa rappresenta: il popolo [Commenti]


Giovanni Civica

Non vorrei scrivere del quadro dei politici italiani, ormai definirlo confuso è una fotografia fin troppo facile, come banale è osservare che il potere si mantiene con scambi di voti a procedere e non; in fondo il baratto è la pratica più antica del commercio. Quello che osservo invece è l'atteggiamento del


popolo. L'immagine evoca un blocco coeso, una volontà comune in cammino verso il futuro, ma non è così. C'è una scuola politica, con metodi diversi nella semina, che sta facendo crescere germogli di odio. E' un'erba infestante che soffoca la ragione, intere foreste di astio, gli uni contro gli altri, e avanti a testa bassa senza nessuna incertezza, privi di dubbi. Truppe sgangherate, in ordine sparso dal sud al nord, assetate di vendetta per la vita vuota e grama condotta, tutti ad applaudire arresti, tifare manette.


Naturalmente ci sono i direttori d'orchestra che non dirigono con la bacchetta ma con l'indice, puntato sul bersaglio da distruggere. Basta la prima nota e l'onda della denigrazione parte, senza risparmiare nessuno. Il potente di turno indebolito e fragile balbetta e ripone fiducia nella giustizia, altri accusano la stessa di agire con un tempismo ad orologeria. Si aprono dossier, i sospetti diventano prove inconfutabili, quello che è vero oggi non lo è più domani, intanto si passa all'incasso.


Ogni giorno straccioni del pensiero e cialtroni, privi anche dello stesso, prenotano rivoluzioni. Non può finire bene, agitare un drappo rosso davanti al toro preannuncia una carica, anche se il popolo è bue non possiede nulla di mansueto, una volta incitato travolgerà tutto e tutti. Intanto piccoli Ku Klux Klan di provincia crescono. Chissà quel bambino di colore, immobile e costretto a guardare una finestra girando le spalle alla classe, cosa avrà visto oltre. Di certo cose belle, perché dietro di lui la debolezza vigliacca del'uomo, che ruba speranze con il ghigno del cretinismo intellettuale, gli avrà fatto conoscere la vergogna e la paura.


Ostiniamoci ad osservare senza mai opporci, a non protestare, non fare testimonianza, a restare fermi, immobili, rinunciare al pensiero libero, mentre intorno la democrazia si frantuma e nella profondità del mare anche il dolore ha perso la sua dignità e ci addormenta i cuori.



Principe Store
Lavanderia La Perfetta
Il Biologico Spoleto
Cioccolateria Vetusta Nursia
Multiservizi Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Azienda Modena


Commenti (1)

Commento scritto da Paolo Galli il 25 Febbraio 2019 alle 19:46
Non condivido tutto, né tutto mi è comprensibile. Ma finalmente uno scritto di ottimo livello, nella forma e nel contenuto; è cosa rara.

Per quello che può valere, complimenti.



Aggiungi un commento [+]
Marco Post Spoleto
La Fabbrica del Gelato
Bar delle Miniere
Bar Moriconi
Liquorificio Due Mondi
Visit Scheggino
Bonifica Umbra
Bar ristorante Belli - Spoleto
Terminal alle Mattonelle
Il Pianaccio
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Trattoria del Passo d'Acera
Associazione Cristian Panetto