Spoletonline
Edizione del 16 Settembre 2019, ultimo aggiornamento alle 00:19:31
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Summer Vintage 50 Scheggino
Spoletonline
Summer Vintage 50 Scheggino
cerca nel sito
Ristorante Pecchiarda
Vus Com
Agriturismo Ristorante Borgo delle Mole
Summer Vintage 50 Scheggino
Pc Work
Accademia Scherma Spoleto
Parafarmacia Serra
Team Dance Spoleto
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Tuber experience - Campello
Ristorante Albergo LE CASALINE
Rafting Nomad
Ristorante al Palazzaccio
Fondazione Giulio Loreti
Libreria Aurora
Stampa articolo

Visti da Lontano, 06 Marzo 2019 alle 17:18:27

Del femminicidio e dell'umana bestialità

Una riflessione sulla 'tempesta emotiva' che fa volgere l'Italia verso il Medioevo [Commenti]


Giovanni Civica

La sentenza della corte d'appello per l'omicidio di Olga Mattei lascia interdetti. Dell'uomo protagonista ometto volutamente il nome, perché a mio avviso per meritarsi l'appellativo di "uomo" deve percorrere non solo la declinazione "umanità", ma anche mostrarla. Nei casi di "femminicidio" uomo si lega bene,


invece, alla "bestialità". Dunque nessuna comprensione o attenuante. Invece la corte d'appello, oltre ad accettare le attenuanti generiche, dimezza la pena inflitta dal giudizio di primo grado introducendo anche una motivazione agghiacciante: "Tempesta emotiva". Ripercorre il passato dell'omicida, denso di problematiche e lutti, sviluppando la tesi di una personalità provata da una vita travagliata. Tutto questo fervore a scandagliare l'animo contempla un quadro che sfiora la giustificazione del delitto adottando "l'emotività" in burrasca, è veramente insopportabile. Per l'ennesima volta una donna viene uccisa in nome di un possesso perduto. Nel 2018 oltre 100 vittime, brutalizzate e uccise: che finestra si vuole aprire per iniziare un ritorno al buio della scusante medioevale "o mia o di nessuno"? Accettare il demenziale atto di rito abbreviato, che decurta la pena, le attenuanti generiche, che senso ha tutto ciò quando il movente è chiaro? La gelosia irrompe sulla scena quando il pericolo di perdere la donna si palesa, il gioco di incastri delle motivazioni non è un rompicapo, il cuore diventa arido e la ragione non sa dove dissetarsi, "tu mi lasci, io ti uccido", semplice. Piagnistei di pentimento, magari preceduti da goffi tentativi di suicidio, sono solo lavori teatrali di un pessimo e disgustoso attore sul misero palcoscenico del suo fallimento. La realtà è che la vita di un'altra donna è stata spezzata, recisa, e non c'è nulla da poter in parte giustificare, comprendere o recepire, se non la nostra "tempesta emotiva" alla lettura di una sentenza incomprensibile.



Cioccolateria Vetusta Nursia
Abbazia Albergo e Ristorante
Lavanderia La Perfetta
Azienda Modena
Summer Vintage 50 Scheggino
Multiservizi Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Principe Store


Commenti (4)

Commento scritto da Signor Smith il 06 Marzo 2019 alle 20:04
Mail Sig, . Civica, per sapere, la sentenza e le sue motivazioni, l'ha letta? O ha letto solo le cronaca dei mezzi di informazione (si fa per dire...)?

Perché ci sono "opinioni" dissenzienti... http://www.giurisprudenzapenale.com/2019/03/03/sulla-rilevanza-degli-stati-emotivi-e-passionali-ad-influire-sulla-misura-della-responsabilita-penale/?fbclid=IwAR0Pwz0VVi-or-5dP2dpeOWpAp8T5HFK1365rPT2AcuHxYE9mNBwug7wpSU



Commento scritto da chiara luce il 06 Marzo 2019 alle 22:51
Da lettrice, credo che l'articolo del Sig. Civica volesse sottolineare genericamente non solo questa sentenza, ma qualcosa che spesso viene usato per ottenere in sede processuale attenuanti utili per ridurre la pena. Resta comunque il fatto che una persona sia stata assassinata, che l'omicida in preda a una "tempesta emotiva / passionale causata da gelosia" abbia delle attenuanti anche se reo confesso e pentito. Questo modo di ridurre pene a chi commette reati simili, in questo caso un femminicidio, mi lasciano interdetta e alcune sentenze spesso le trovo inadeguate rispetto al reato commesso.



Commento scritto da Signor Smith il 07 Marzo 2019 alle 09:27
@chiara_luce Comprendo le sue perplessità, spesso anche mie. Il problema è che quando casi del genere saltano agli onori della cronaca si solleva un "moto" di indignazione che, ripeto, è spesso comprensibile, se non proprio condivisibile. Ma il giudice applica quello che il codice prevede... è troppo "generoso" verso un "presunto" (sino a sentenza definitiva) assassino? Bisogna cambiare la legge. Prima del processo. Lamentarsi dopo, per quanto umanamente comprensibile, serve a poco. Raramente sono le sentenze ad esser inadeguate, forse il codice...


Commento scritto da chiara luce il 07 Marzo 2019 alle 23:17
Credo comunque che il codice penale vada aggiornato e anche velocemente, questo tipo di crimine da la possibilità alle sentenze o ai giudici di poter " giustificare ", con troppa leggerezza, a mio parere, ogni violenza in base a motivi purtroppo superficiali, dare attenuanti per legittimare l'uccisione causata da tempesta / emotiva / passionale poteva anche essere cambiato con esasperazione violenta passionale o rabbioso tormento del maschio privato del suo potere assoluto sulla donna.

Potrei aggiungerne altre, ma ritengo che il codice sia troppo

permissivo verso uomini che scambiano per "amore" il dominio o il possesso verso le compagne ponendo fine alle loro vite


Aggiungi un commento [+]
Bar ristorante Belli - Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
Summer Vintage 50 Scheggino
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
La Fabbrica del Gelato
Il Giardino delle Naiadi
Bar delle Miniere
Centro Medico Giulio Loreti
Marco Post Spoleto
Visit Scheggino
Bar Moriconi
Il Pianaccio