Spoletonline
Edizione del 24 Febbraio 2020, ultimo aggiornamento alle 15:31:26
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Ristorante Albergo LE CASALINE
Electrocasa Spoleto
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante al Palazzaccio
Pc Work
Ristorante Pecchiarda
Parafarmacia Serra
Osteria della Torre
Libreria Aurora
Agriturismo Posto del Sole
Alimentari Di Cicco Pucci
Axis Italy
Stampa articolo

Visti da Lontano, 19 Marzo 2019 alle 15:26:20

Di Greta e del fervore ecologista

[Commenti]


Gianni Civica

C'è una sola verità che conta, negli ultimi due anni centinaia di ambientalisti sono stati assassinati, il resto è solo teatro. Difendere il pianeta dalle aggressioni speculative può costare la vita. Periodicamente escono dall'anonimato figure mitologiche, questa è la volta di Greta Thunberg che ogni venerdì esponeva il suo


cartello di protesta davanti al parlamento svedese. Naturalmente questo avvenimento, con le sue scadenze settimanali, non poteva passare inosservato e infatti ha fatto il giro del mondo creando il personaggio, portando in piazza, in suo nome, decine di migliaia di studenti per protestare contro il riscaldamento globale. Di questa ragazza è da ammirare il coraggio, una missione ecologista senza la minima incertezza, come si può contestare la nobile battaglia? Parafrasando il titolo di un romanzo della Morante "Il mondo salvato dai ragazzini" si può essere ben contenti della visibilità del fenomeno Greta, aiutata (così vociferano le malelingue) da un esperto del marketing. La sua comunicazione è elementare, condita da una banalità seducente (Peter Sellers nel film "Oltre il giardino"), ingenuamente protesa ad assumere un tono inquisitorio, forse per questo che i potenti della terra ne sono intimoriti (una colossale sciocchezza). Naturalmente ora per togliersela di torno le daranno il premio Nobel per la pace, così la collocheranno in un limbo dorato, donando una buona attrezzatura economica anche al suo entourage.


Costringere i latifondisti brasiliani a rinunciare al disboscamento della foresta amazzonica, all'ampliamento delle coltivazioni o alla rinuncia dei progetti minerari in centinaia di angoli della terra è una pura chimera. Come lo è convincere le nazioni emergenti a rinunciare al progresso industriale usando energie fossili, dopo secoli di povertà. Oppure fare entrare nelle testa di Donald Trump (semmai l'avesse) che il riscaldamento globale non è una fake, ma una cosa seria, è praticamente impossibile, convinto com'è che per mantenere il tenore di vita degli americani non esistano guerre impossibili per depredare risorse. Magari si può provare a far capire alla Cina che è democraticamente giusto aspirare alla crescita economica del suo popolo, però il prezzo lo paghiamo tutti con un aumento dell'inquinamento e questo non è né giusto né democratico. Comunque forza Greta e un elogio a tutti i volontari bonificatori dei giardini e delle spiagge. Un piacevole diversivo, per rompere la noia dei vampiri del capitalismo mai domi, in preda ad una perenne sete di potere, mentre sorridono osservando tanto inutile fervore.



Il Biologico Spoleto
Azienda Modena
Salute e Bellezza Tracchegiani
Lavanderia La Perfetta
Cioccolateria Vetusta Nursia
Multiservizi Spoleto


Commenti (2)

Commento scritto da Roberto Quirino il 20 Marzo 2019 alle 01:22
Signor Civica, cortesemente ci faccia capire : perché sia valida l'azione intrapresa da Greta, bisogna forse assassinarla? o ci siamo fatti prendere da "inutile fervore" nell'andare venerdì a Perugia? Ci spieghi: cos'è utile fare? non fare nulla? davvero, ci spieghi cosa vuole dire con questo suo intervento un po' sibillino che rischia di confondere un po' le idee a chi vorrebbe un mondo migliore.


Commento scritto da Roberto Quirino il 22 Marzo 2019 alle 14:50
Va bene, ho capito, almeno credo di aver capito. Come molti, come troppi, anche lei parla, o scrive, comodamente seduto sulla sua poltroncina e dalla sua tastiera. Io anche domani mi farò prendere da "inutile fervore ecologista" e andrò a Roma, all'"inutile" manifestazione contro i Cambiamenti Climatici e contro le Grandi Opere Inutili e Dannose, di cui anche Spoleto e l'umbria sono piene e di cui anche Spoleto e l'Umbria (già Verde) si riempiranno in tempi brevi. Lei che fa? viene con noi a Roma, incontrandoci a Piazza della Repubblica alle ore 14? verranno anche altri spoletini, così affezionati alla loro città dalla vocazione culturale, ambientale e turistica?


Aggiungi un commento [+]
Bonifica Umbra
Trattoria del Passo d'Acera
Associazione Cristian Panetto
Principe Store
Bar Moriconi
La Fabbrica del Gelato
Visit Scheggino
Spoleto Cinema al Centro
Adicom
Bar ristorante Belli - Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Marco Post Spoleto
Terminal alle Mattonelle
Bar delle Miniere
Il Pianaccio