Spoletonline
Edizione del 16 Febbraio 2020, ultimo aggiornamento alle 17:47:55
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante al Palazzaccio
Parafarmacia Serra
Axis Italy
Ristorante Pecchiarda
Electrocasa Spoleto
Alimentari Di Cicco Pucci
Ristorante Albergo LE CASALINE
Agriturismo Posto del Sole
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Pc Work
Libreria Aurora
Osteria della Torre
Stampa articolo

Visti da Lontano, 29 Marzo 2019 alle 16:37:26

Congresso Mondiale delle Famiglie: ministrini e menestrelli ci insegnano come si vive


Giovanni Civica

Dal 29 al 31 marzo si svolge a Verona il Congresso Mondiale delle Famiglie. Ministri, ministrini e menestrelli, sindaci e prelati in prima fila ad insegnarci, bontà loro, con chi e come vivere, tutti insieme a difendere il passato. Perché si sa, quando si ha paura del futuro o non lo si comprende, si torna


precipitosamente indietro. Figura di spicco il leghista Simone Pillon - uno degli organizzatori del Family Day -, un tal vescovo di Verona, Zenti, e un patriarca della chiesa ortodossa debitamente barbuto. Di certo le tonache non potevano mancare, perche quando c'è da pescare nel revisionismo storico la Chiesa diventa una punta di diamante. "Dio, Patria e Famiglia", per dirla tutta, è lo slogan di questi appuntamenti, con sottotitolo "le dame, i cavalier, l'arme e gli amori". Tutti i simpatizzanti si affrettano a precisare che non sono in discussione le conquiste sociali dell'aborto e del divorzio: strano però che il Papa abbia detto che l'aborto "è come affittare un sicario per risolvere un problema". Così, a naso, non mi sembra che Sua Santità consideri civile una battaglia già vinta. Si ritiene che il divorzio sia la causa principe della decrescita della natività e di certo in quel di Verona, sotto un coro celeste e cherubini trombettieri svolazzanti, si benedirà la donna fattrice-paziente-chioccia-misericordiosa-sofferente, prigioniera e incatenata ad un matrimonio infelice, confortata però da un bel numero di pargoli sparsi in casa. A mio parere è un bel balzo in avanti questa visione della famiglia, peccato che al toccare terra, poi, non se ne trovi sotto i piedi. La stranezza del luogo scelto per il congresso è un'altra cosa su cui vale la pena soffermarsi. E' vero, la regione Veneto è una bottega di rigattiere, cianfrusaglie e patacche storiche spacciate come sostanze tossiche per avvelenare la solidarietà e dunque giustifica la sede, ma la città di Romeo e Giulietta dovrebbe essere impregnata d'amore e credo che proprio questo manchi. Perché l'amore non può essere codificato, circoscritto, e non lo si ferma mettendo recinti e regole. E' come mettere un dito in un buco della diga, speranzosi che non ceda: prima o poi verrà giù inondando tutto. Agli organizzatori, ai partecipanti e plaudenti sicuramente infallibili, perfetti, ai custodi dell'ortodossia spietata, alle loro famiglie, un invito: guardate fuori dalla vostra fortezza. Sotto i bastioni delle certezze granitiche e, dunque, cieche e sorde, c'è un popolo che si danna per vivere, combatte ogni giorno per essere libero nelle scelte. Non sarà qualche vostro monito stantio e sepolcrale a farlo tornare belante.



Lavanderia La Perfetta
Multiservizi Spoleto
Il Biologico Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Cioccolateria Vetusta Nursia
Azienda Modena


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Terminal alle Mattonelle
Bonifica Umbra
Associazione Cristian Panetto
Principe Store
Bar delle Miniere
La Fabbrica del Gelato
Trattoria del Passo d'Acera
Bar Moriconi
Il Pianaccio
Bar ristorante Belli - Spoleto
Marco Post Spoleto
Adicom
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Visit Scheggino
Spoleto Cinema al Centro