Spoletonline
Edizione del 23 Settembre 2019, ultimo aggiornamento alle 10:43:46
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Summer Vintage 50 Scheggino
Spoletonline
Summer Vintage 50 Scheggino
cerca nel sito
Accademia Scherma Spoleto
Libreria Aurora
Tuber experience - Campello
Agriturismo Ristorante Borgo delle Mole
Vus Com
Fondazione Giulio Loreti
Ristorante Pecchiarda
Rafting Nomad
Ristorante Albergo LE CASALINE
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante al Palazzaccio
Parafarmacia Serra
Pc Work
Team Dance Spoleto
Stampa articolo

Valnerina - Dillo a SOL, 01 Aprile 2019 alle 11:44:56

Bocconi avvelenati: chi li semina toglie pezzi di vita alle persone

La lettera di Virginia, che ha perduto il proprio cane in modo orribile a Monteleone di Spoleto [Commenti]

Riceviamo e pubblichiamo l'accorata lettera di Virginia, che a Monteleone di Spoleto ha perduto la sua cagnolina a causa delle esche avvelenate:


La mia passione per la montagna, le sue usanze, le bellezze naturali e sacre, il silenzio. Questo mi ha sempre mosso e incuriosito a passare i miei ritagli di tempo libero a cercare luoghi suggestivi e sempre


nuovi. Delle zone della media Valnerina in particolar modo ho frequentato i dintorni di Monte Coscerno e Aspra... ignara, o forse illusa, riguardo i discorsi sulle storture caratteriali e di usanze crudeli compiute dagli abitanti di queste aree. Non sono leggende, purtroppo. Senza parafrasare ho riscontrato spesso, in una grossa fetta degli abitanti di Monteleone di Spoleto, dei vari Gavelli, Caso ecc. una crudezza mista a diffidenza che non ti fanno di certo, da ospite, sentire accolto. Anzi, un sospettato, ladro forse anche solo dell'aria che si respira.


Diffidenti, assurdi, lamentosi di un fare che ricorda molto uno stile di vita retrogrado e a tratti meschino. Lo dico a malincuore... chi è così non merita di vivere in un tale paradiso. Tutto ciò per dire che qui parte della mia felicità è venuta a perdere la vita. Il mio cane, Tilda, di soli 3 anni, "grazie" a questi "SIGNORI DELLA MONTAGNA", anzi "I CONVINTI PADRONI DELLA MONTAGNA"... un boccone avvelenato condito con diserbante, posto a lato di una carrareccia facilmente percorribile a piedi e con le auto . Un gelo totale, una morte straziante, lenta, senza possibilità di poter far nulla. Una denuncia contro ignoti, di quelle con cui puoi sostituire la carta igienica. Poi il nulla, l'omertà è la peggior forma di complicità.


Quindici giorni dopo due delle quattro aquile reali che vivono in zona muoiono per aver mangiato lo stomaco avvelenato di una volpe morta. Allora la storia dei bocconi avvelenati diventa Notizia da prima pagina. Io non sono una fanatica animalista vegana ecc., sono una persona come tante - anzi tantissime - che perdono pezzetti di vita per atti meschini e privi di coraggio. Voglio la giustizia e allora avrò pace . E prego che non si faccia più silenzio.



Lavanderia La Perfetta
Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante
Salute e Bellezza Tracchegiani
Principe Store
Azienda Modena
Cioccolateria Vetusta Nursia


Commenti (9)

Commento scritto da Piena condivisione. il 01 Aprile 2019 alle 12:21
Ti capisco e condivido! A interrompere il silenzio assordante su quest'atto vile e infame che ha commesso qualcuno che ha le nostre sembianze saranno le condivisioni che seguiranno. Più numerose esse saranno e più il grido di disapprovazione sarà forte. E chi non vuole sentire forse è la volta che sentirà!


Commento scritto da Leonardo Carmignani il 01 Aprile 2019 alle 13:14
Ma come si permette


Commento scritto da X Leonardo Carmignani il 01 Aprile 2019 alle 15:52
Il suo commento a chi o a che cosa si riferisce????... Cosa intende dire????.. Sia più chiaro nell'esprimersi!


Commento scritto da Giorgio Reali il 01 Aprile 2019 alle 18:53
Caro Leonardo Carmignani, ........si permette, si permette se lo può permettere perché ha pienamente ragione! D'altra parte se lei non c'entra niente, non vedo il motivo per prendersela no?! visto che la lettera è riferita a quei vigliacchi infami capaci di fare queste cose,...........o ne sa qualcosa?!?!?!


Commento scritto da Leonardo il 02 Aprile 2019 alle 13:14
Mi riferisco agli insulti gratuiti indirizzati a “una grossa fetta degli abitanti di Monteleone”. L’esca avvelenata è il gesto di una persona, comprensibile il risentimento, ma questo non è motivo per generalizzare e per offendere. Sulle caratteristeche di “crudezza mista a diffidenza”, sono cose anche abbastanza soggettive.


Commento scritto da Garagnani Virginia il 02 Aprile 2019 alle 19:04
Mi permetto , avoglia se mi permetto e generalizzo perche' ne Vostro paese che oltretutto a me piace sapete tutto di tutti . Basta arrivare in paese e notare di essere quasi spiati. Poi sig . Carmignani se lei si sente apposto non vedo perche' offendersi !!! Sia piuttosto capace di trovare motivi per cui io non possa avere la mia opinione e soprattutto si metta una mano sulla coscienza e cerchi di acciuffare il suo compaesano !!!! Se al posto del mio cane il boccone lo ingeriva o leccava un bambino a quest'ora avreste avuto la polizia al culo tutti quanti !!



Commento scritto da x Leonardo Carmignani. il 03 Aprile 2019 alle 19:31
Poche storie! Parole sagge quelle di virginia, che non hanno a che fare con il generalizzare! Chi sa e tace non è meno colpevole di chi commette un crimine! Oggigiorno l'omertà non è più di moda nemmeno nelle località più remote dell'entroterra siciliana, calabrese o campana. Se si vuole migliorare questa società c'è solo bisogno di collaborazione. Quindi, chi sa denunci! Oppure convinca chi ha commesso il crimine ad autodenunciarsi. Altrimenti è da considerare un complice! Detto questo, in una piccola località come Monteleone, trovo strano che il colpevole non abbia ancora un nome!


Commento scritto da Garagnani Virginia il 04 Aprile 2019 alle 16:36
La morte delle due aquile reali e' un danno che riguarda tutti, a livello di ecosistema e senza voler sminuire ,anche a livello turistico e' stata persa una sorta di attrazione . Piu' di una volta mi sono chiesta come mai anche una zona ricca di flora e fauna come i Laghetti di Gavelli siano diventati zona pic nic fine a se stessa e lo stesso tutte le bellezze storiche , le chiese ,la stessa biga di Monteleone ................ adesso capisco ,come ripeto, innocentemente mi sono fidata nel pensare che c'era stanchezza per la vita dura di montagna , invece no , c'e' mancanza totale di desiderio di ricevere persone "esterne". Non vi si viene a rubare l'aria ........prendere un caffe' nella strada principale del vostro paesello significa nel giro di 20 metri pagarlo due cifre diverse ......... rendetevene conto del degenerare di un Comune che potrebbe fare soldi a palate ed elargisce polpette avvelenate al prossimo .


Commento scritto da Garagnani Virginia il 04 Aprile 2019 alle 17:14
La morte delle due aquile reali e' un danno che riguarda tutti, a livello di ecosistema e senza voler sminuire ,anche a livello turistico e' stata persa una sorta di attrazione . Piu' di una volta mi sono chiesta come mai anche una zona ricca di flora e fauna come i Laghetti di Gavelli siano diventati zona pic nic fine a se stessa e lo stesso tutte le bellezze storiche , le chiese ,la stessa biga di Monteleone ................ adesso capisco ,come ripeto, innocentemente mi sono fidata nel pensare che c'era stanchezza per la vita dura di montagna , invece no , c'e' mancanza totale di desiderio di ricevere persone "esterne". Non vi si viene a rubare l'aria ........prendere un caffe' nella strada principale del vostro paesello significa nel giro di 20 metri pagarlo due cifre diverse ......... rendetevene conto del degenerare di un Comune che potrebbe fare soldi a palate ed elargisce polpette avvelenate al prossimo .


Aggiungi un commento [+]
Marco Post Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Associazione Cristian Panetto
Bar Moriconi
Centro Medico Giulio Loreti
Visit Scheggino
Il Giardino delle Naiadi
La Fabbrica del Gelato
Bonifica Umbra
Il Pianaccio
Bar delle Miniere
Bar ristorante Belli - Spoleto