Spoletonline
Edizione del 17 Settembre 2019, ultimo aggiornamento alle 14:51:26
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Summer Vintage 50 Scheggino
Spoletonline
Summer Vintage 50 Scheggino
cerca nel sito
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Albergo LE CASALINE
Tuber experience - Campello
Libreria Aurora
Ristorante Pecchiarda
Summer Vintage 50 Scheggino
Accademia Scherma Spoleto
Vus Com
Team Dance Spoleto
Agriturismo Ristorante Borgo delle Mole
Ristorante al Palazzaccio
Pc Work
Parafarmacia Serra
Rafting Nomad
Fondazione Giulio Loreti
Stampa articolo

Politica, 01 Aprile 2019 alle 19:34:30

Il bilancio di previsione approvato all'unanimità dalla maggioranza

Il sindaco de Augustinis: 'Dobbiamo poter utilizzare tutte le risorse che abbiamo. E' essenziale che venga approvata una 'Norma Spoleto'. In caso contrario, è inutile andare avanti così'. L'assessore Conte risponde ai gruppi di opposizione [Commenti]

Semaforo verde oggi in consiglio comunale per il bilancio di previsione. La maggioranza ha infatti approvato all’unanimità la manovra, il Documento unico di programmazione 2019/2021 e le aliquote (valide per l’anno in corso) riguardanti l’Imu, la Tasi, l’addizionale comunale all’Irpef, la tassa di soggiorno e la Tari. Alla discussione e alle successive votazioni non hanno invece preso parte i gruppi di opposizione, usciti dall’aula dopo aver spiegato per quali motivi


le nuove tariffe determinate dall’amministrazione non sono da ritenere valide. Argomenti che hanno spinto il consigliere della Lega Stefano Proietti a richiedere una sospensione di circa 5 minuti per fare il punto della situazione. Tornati in seguito sui banchi, gli esponenti degli schieramenti politici a sostegno del sindaco Umberto de Augustinis hanno poi provveduto a promuovere in blocco i vari punti all’ordine del giorno. “È un bilancio complicato - ha detto il presidente della prima commissione consiliare permanente Roberto Ranucci - in quanto le risorse a disposizione sono esigue. Ci vediamo quindi costretti ad aumentare alcune tasse al fine di continuare a garantire il funzionamento della macchina comunale e i servizi alla popolazione”. 


Ad esprimersi sulle difficoltà economiche attualmente vissute dal Municipio è stato anche il primo cittadino. “Per un territorio come quello di Spoleto, ferito dal sisma e da una ricostruzione post terremoto inefficace e farraginosa, è di vitale importanza poter accedere ad una quota più consistente dell’avanzo vincolato: al momento, infatti, possiamo disporre soltanto di 516.000 euro su un totale complessivo di circa 5 milioni di euro. Per ripartire c’è bisogno di un programma di investimenti seri, perché nessun modello di sviluppo può basarsi sull’aumento della tassazione. Abbiamo bisogno - ha detto de Augustinis - di poter utilizzare le risorse che il Comune ha ricavato con grandi sacrifici o che vanno utilizzati in chiave indennizzatoria: se non accettiamo l’austerità a livello europeo, non possiamo accettarla nemmeno a livello di Ente Locale.  L’approvazione della ‘Norma Spoleto’, la possibilità di sbloccare queste risorse, che ammontano a oltre 5 milioni di euro, è essenziale: diversamente è impossibile e insensato andare avanti così”.


Nel corso della seduta è intervenuto pure l’assessore al bilancio Carlo Conte, rispondendo ai gruppi di minoranza: “Nel caso in cui il termine per approvare le tariffe cada in un giorno festivo, i principi dell’ordinamento, soprattutto di carattere tributario e fiscale, prevedono lo slittamento automatico della scadenza al primo giorno feriale immediatamente successivo. Questo senza incorrere in nessuna violazione di legge, a riprova dell’assoluta trasparenza dell’operato della Giunta e del Consiglio comunale. Inoltre, come previsto dall’art. 193 del Testo Unico degli Enti Locali, l'ente può, per il ripristino degli equilibri di bilancio e in deroga all'art. 1, comma 169, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007), modificare le tariffe e le aliquote relative ai tributi di propria competenza entro il 31 luglio”.



Principe Store
Abbazia Albergo e Ristorante
Lavanderia La Perfetta
Cioccolateria Vetusta Nursia
Azienda Modena
Salute e Bellezza Tracchegiani
Multiservizi Spoleto
Summer Vintage 50 Scheggino


Commenti (7)

Commento scritto da Spoletosi il 01 Aprile 2019 alle 19:58
La Giunta De Augustinis fino ad oggi si è esclusivamente occupata delle iniziative avviate dalla precedente amministrazione: qualcuna portata avanti, molte altre cancellate.

La prima ed unica azione autenticamente ed interamente ideata da questa Giunta è l'aumento delle tasse.


Commento scritto da Paolo il 01 Aprile 2019 alle 21:47
Meno male che anche il cons. RANUCCI della maggioranza che appoggia l'amministrazione De Augustinis ha detto che ... CI VEDIAMO COSTRETTI AD AUMENRARE ALCUNE TASSE....

possiamo dire che l'amministrazione DE AUGUSTINIS AUMENTA LE TASSE A SPOLETO.


Commento scritto da Il Censis lo chiama rancore il 02 Aprile 2019 alle 12:48
La seduta di ieri ha dimostrato in quale modo il sentimento del rancore può annebbiare la vista.

Spiego il perchè: l’opposizione, con le consigliere Bececco e Laureti in testa, ha posto la questione-problema del mancato rispetto dei termini per la modifica delle tariffe applicate dal Comune; la questione non aveva, con ogni probabilità, molto fondamento, ma comunque POTEVA avere valenza politica.

Senonchè, le truppe oppositorie sono uscite dall’aula all’inizio della seduta, dimenticando o trascurando che il primo punto all’Ordine del giorno era costituito dal DUP 2019-2021, che nulla ha a che vedere con il Bilancio Preventivo e con le tariffe.

Come sanno tutti gli amministratori, il DUP rappresenta” il processo di analisi e valutazione che consente di organizzare, in una dimensione temporale predefinita, le attività e le risorse necessarie per la realizzazione di fini sociali e la promozione dello sviluppo economico e civile della comunità di riferimento”.

IL BILANCIO,OVVIAMENTE , E’ TUTTA UN’ALTRA STORIA!

E allora perché buttare all’aria il tavolo, per uno scherzo d’aprile, senza discutere delle impostazioni del DUP, che, ripeto, erano al primo punto della seduta? La domanda induce a sospettare della strumentalità dell’atteggiamento, come se si fossero voluti prendere due piccioni con una fava sola (contestare la modifica della tariffe ed evitare di confrontarsi su un documento impegnativo, di corposa consistenza).

Gli elettori , all’atto del voto, presumo che non intendessero mandare in Consiglio un esercito di terracotta (ora la Cina va di moda) che non parla e non si confronta sui criteri generali.

Forse lo spirito di risentimento, che il Censis chiama rancore sociale, ha contribuito ad impedire una visione lucida e coerente dei comportamenti politici.

Del resto, a parte il Censis, anche il profeta Isaia affermava che” Dio acceca quelli che vuol perdere”.



Commento scritto da Paola il 02 Aprile 2019 alle 14:47
Per utilizzare i soldi in quota "avanzo di bilancio" era sufficiente non bloccare l'iter posto in essere lo scorso anno dall'amministrazione Bececco. Invece , verosimilmente sempre per mera azione contraddittoria e/o per scarsa conoscenza avete fermato il tutto è le strade non sono state asfaltate. Il terremoto non centra nulla, voi siete gli stessi che avete, nei fatti per scelta politica, bloccato tutti i progetti per la ricostruzione già approvati e sempre voi della giunta De Augustinis avete dato vita ad un contenzioso con l' INPS. Tutte scelte politiche che adesso fate pagare alla città con l'aumento delle tasse.


Commento scritto da Paolo il 02 Aprile 2019 alle 15:57
X Paola

Tutte le belle considerazioni esposte da Lei così sapientemente, Bececco e Laureti le potevano esprimere nel corso del dibattito sul DUP, al quale hanno preferito, per misteriosi motivi, non partecipare


Commento scritto da Signor Smith il 02 Aprile 2019 alle 21:10
Solo a Spoleto si trovano i documenti approvati con "l'unanimità della maggioranza"... nel resto del mondo sono approvati "a maggioranza"... sublime!


Commento scritto da Paola il 03 Aprile 2019 alle 13:11
X Paolo...ma nella dichiarazione c'era proprio questo, ovvero l'incapacità di utilizzare i 5,6 milioni di € già stanziati che il sindaco De Augustinis ha bloccato.

Adesso per sopperire a questa incapacità aumentano le tasse a Spoleto.


Aggiungi un commento [+]
Bar Moriconi
Visit Scheggino
La Fabbrica del Gelato
Bonifica Umbra
Bar delle Miniere
Summer Vintage 50 Scheggino
Centro Medico Giulio Loreti
Il Giardino delle Naiadi
Il Pianaccio
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar ristorante Belli - Spoleto
Marco Post Spoleto
Associazione Cristian Panetto