Spoletonline
Edizione del 21 Maggio 2019, ultimo aggiornamento alle 10:25:48
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Libreria Aurora
Rafting Nomad
Spoleto Cinema al Centro
TrattOliva
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Fondazione Giulio Loreti
Ristorante Albergo LE CASALINE
AROF Agenzia Funebre
Ristorante al Palazzaccio
Ristorante Pecchiarda
Il Cerchio 5 x 1000
Calcio a 5 - Tiki Taka x Il Sorriso di Teo
Pc Work
Vus Com
Tuber experience - Campello
Stampa articolo

Cultura e Spettacoli, 16 Maggio 2019 alle 11:39:57

Sul palco dell'Auditorium della Stella arriva lo spettacolo “…Era di maggio. Graffiti dal ’68'

L'appuntamento, in programma sabato e domenica, segna il debutto della 'Compagnia di Ventura', composta da allievi attori formatisi alla Scuola di Teatro 'Teodelapio'

Si chiama “…Era di maggio. Graffiti dal ’68" lo spettacolo dedicato ad una delle stagioni più influenti e decisive del ‘900. In scena all’Auditorium della Stella in Piazza Garibaldi sabato 25 maggio alle ore 17 e poi alle ore 19 e domenica 26 maggio alle ore 17,30 e poi ore 19,30 e inserito nel programma di “Spoleto di Primavera”, l'iniziativa segna il debutto della


"Compagnia di Ventura", composta da allievi attori formatisi alla Scuola di Teatro "Teodelapio" che danno corpo, anima e colori a questi graffiti dal ’68, considerati una stagione della vita unica e forse irripetibile.  Una stagione “che unì – spiega Anna Leonardi, regista dello spettacolo - una generazione nell’idea della libertà come ossigeno dei pensieri, come aria che respiri, da Parigi a Roma, da Berlino a New York, da Londra a Praga”. 


Uno spettacolo – è detto nelle note di presentazione – non pretende di essere una ricostruzione storica, non vuole essere un manifesto ideologico e nemmeno un’operazione nostalgia.  Nasce sul filo della memoria di un testimone attivo di quegli anni e dal piacere-dovere di condividerla con chi quegli anni li ha vissuti, per confrontare ricordi e prospettive, ma soprattutto con chi non li ha vissuti e ne ha vagamente sentito parlare da detrattori incalliti o da reduci entusiasti che ancora indossano l’eskimo. La memoria personale, si sa, è selettiva, ricorda quel che vuole ricordare, incorre in omissioni e si prende “licenze poetiche”, però è calda, si nutre di materia che attinge alla vita, agli affetti, alle esperienze di uomini e donne veri, intreccia avvenimenti epocali e dettagli esistenziali privati. Da questo scorretto miscuglio di pubblico e privato, universale e particolare, nasce un racconto che forse vale la pena di ascoltare, accanto alle più attendibili ricostruzioni degli storici di professione.


E il teatro è forse la sede più adatta a ospitare questo racconto perché può permettersi libertà altrove inaccettabili, perché è costituzionalmente un prodotto ibrido, imperfetto, che associa pensiero ed emozione, riflessione e sentimento, sensi e ragione, e infine perché, come dice Flaubert, “fra tutte le menzogne che ci circondano, l’ arte è quella che mente di meno.”


Ingresso allo spettacolo: 10 euro. Prevendita venerdì e sabato dalle 17 alle 19 presso la Scuola di Teatro " Teodelapio" Palazzo Collicola (ingresso S. Domenico). Spettacolo realizzato grazie al contributo di Fondazione Carispo.



Il Biologico Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Multiservizi Spoleto
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Azienda Modena
Azienda Modena
Luigi Carletti - Solidarietà e Progresso
Lavanderia La Perfetta
Principe Store
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Il Cerchio 5 x mille
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Associazione Cristian Panetto
Spoleto Cinema al Centro
Studio Veterinario Associato
Centro Medico Giulio Loreti
Bar delle Miniere
Marco Post Spoleto
Il Giardino delle Naiadi
Bar Moriconi
Luigi Carletti - Solidarietà e Progresso
La Fabbrica del Gelato
Bonifica Umbra
Bonifazi Immobiliare Spoleto