Spoletonline
Edizione del 16 Settembre 2019, ultimo aggiornamento alle 10:37:11
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Summer Vintage 50 Scheggino
Spoletonline
Summer Vintage 50 Scheggino
cerca nel sito
Parafarmacia Serra
Ristorante al Palazzaccio
Rafting Nomad
Team Dance Spoleto
Pc Work
Vus Com
Ristorante Pecchiarda
Tuber experience - Campello
Agriturismo Ristorante Borgo delle Mole
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Libreria Aurora
Summer Vintage 50 Scheggino
Fondazione Giulio Loreti
Accademia Scherma Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
Stampa articolo

Lavoro, 06 Luglio 2019 alle 10:24:13

Ex Cementir, la Filca Cisl replica al Partito Comunista: 'Le dichiarazioni lese sono false e diffamatorie'

'Abbiamo gestito questa vertenza difficile e delicata con la massima cura'

“Quanto asserisce il Partito Comunista circa la gestione della delicata vertenza ex Cementir è falso e sbagliato. Sarebbe bastato informarsi per capire che è stata presa una cantonata, offendendo non solo il sindacato, ma gli stessi lavoratori. La politica ha perso un’occasione per tacere, ma evidentemente alcuni partiti, cancellati dal voto, non hanno altro modo per fare notizia. Ne prendiamo atto con grande amarezza”. Lo dichiara il responsabile territoriale della Filca-Cisl di Spoleto, Emanuele Petrini, commentando il recente intervento del Pc sulla vicenda.


"Tutte le dichiarazioni rese dagli esponenti del Partito Comunista – spiega Petrini – sono false e diffamatorie nei nostri confronti. Affermare che ci sono ‘lavoratori protetti dal sindacato’ è un’offesa a chi quotidianamente dedica la propria esistenza ad una vera e propria missione, vale a dire la tutela e la salvaguardai di tutti i lavoratori, nessuno escluso. Inoltre tutte le decisioni sono state prese con il consenso dei lavoratori, una ‘categoria’ che sta molto a cuore al Partito Comunista ma che in questo caso ha letteralmente infangato, denotando una assoluta mancanza di rispetto. La Filca-Cisl ha gestito questa vertenza difficile e delicata con la massima cura, attenzione, trasparenza e senso di responsabilità. Questi i fatti: sin dal primo giorno ci siamo posti come obiettivo la piena garanzia dell’occupazione e della retribuzione, sotto qualsiasi aspetto e pur sapendo che il lavoro nella cava di Spoleto non poteva essere per tutti. Prima ancora dell’inizio della vertenza infatti, alcuni lavoratori erano impegnati in trasferta, e altri sarebbero stati occupati inevitabilmente nella cava di Gubbio, avendo in dotazione un’auto aziendale per i viaggi, quindi senza costi aggiuntivi, e con scadenza di contratto per tutti il 31 dicembre 2019".


"Tutto ciò è stato condiviso con tutti i lavoratori in varie occasioni, e per essere ancora più attenti alle loro esigenze e per dare massima trasparenza al percorso, in ogni occasione di dialogo e confronto ha sempre partecipato oltre al sindacato, un lavoratore della cava in loro rappresentanza diretta. Dopo il licenziamento dei dipendenti dalla vecchia società è stata applicata la Naspi; da quel momento ognuno, secondo le proprie esigenze, ha fatto la propria scelta, sapendo perfettamente quello che era il percorso che il sindacato aveva delineato e garantito a ciascuno fino al 31 dicembre. Alcuni hanno trovato soluzioni lavorative alternative, altri 3 lavoratori dall’inizio di luglio hanno ripreso l'attività alla cava di Spoleto, almeno fino alla fine dell’anno".


"Questi sono i fatti – prosegue Petrini - e sfidiamo chiunque a smentirli! Abbiamo sempre svolto il nostro ruolo a tutela massima possibile dei nostri associati, che ci hanno dato da sempre la loro fiducia. Non accettiamo da nessuno polemiche, attacchi e insinuazioni, e tantomeno da chi non conosce assolutamente la vicenda. La politica, invece di strumentalizzare queste vicende, dovrebbe essere al fianco dei lavoratori in una battaglia di civiltà, a tutela del lavoro e della dignità dei lavoratori, in un territorio messo in ginocchio da una crisi che non conosce fine. Quello che ognuno di noi fa ogni giorno! Pretendiamo quindi una rettifica da parte del Partito Comunista, in mancanza della quale saremo costretti a tutelare la nostra immagine e quella dei lavoratori”.



Principe Store
Summer Vintage 50 Scheggino
Salute e Bellezza Tracchegiani
Cioccolateria Vetusta Nursia
Lavanderia La Perfetta
Azienda Modena
Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Il Giardino delle Naiadi
Bar Moriconi
Bar ristorante Belli - Spoleto
Centro Medico Giulio Loreti
Visit Scheggino
Summer Vintage 50 Scheggino
La Fabbrica del Gelato
Bar delle Miniere
Bonifica Umbra
Associazione Cristian Panetto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Il Pianaccio
Marco Post Spoleto