Spoletonline
Edizione del 22 Ottobre 2019, ultimo aggiornamento alle 16:45:08
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Electrocasa Spoleto
Accademia Scherma Spoleto
Ristorante al Palazzaccio
Fondazione Giulio Loreti
Spoleto Cinema al Centro
Halo Respiro
Pc Work
Agriturismo Ristorante Borgo delle Mole
Tuber experience - Campello
Parafarmacia Serra
Libreria Aurora
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Vus Com
Alimentari Di Cicco Pucci
Ristorante Albergo LE CASALINE
Ristorante Pecchiarda
Team Dance Spoleto
Axis Italy
Stampa articolo

Cultura e Spettacoli, 08 Luglio 2019 alle 01:40:15

Ciao 'Joazinho'

L'omaggio a Joao Gilberto da parte di un insospettabile (solo per chi non lo conosce) esperto di musica [Video]


Vincenzo Russo Traetto



È passata qualche ora, forse un giorno, da quando Marcelo Gilberto, il figlio, gli ha chiesto per l'ennesima volta "Papà, ma perchè il samba non andava bene?"
Ma a Rio de Janeiro che razza di domande fanno a vecchi signori di quasi 90 anni?
Il papà anziano che ha risposto per una vita ed ora non risponde piú è João Gilberto Prado Pereira de Oliveira, conosciuto dal


pubblico come João Gilberto e che gli amici chiamavano Joazinho. Giovannino.


Gilberto è stato una benedizione del 900. Un chitarrista e cantante brasiliano creatore, con Antônio Carlos Jobim (O maestro) e Vinícius de Moraes (o poeta) della bossa nova.
Vinicius, poeta e diplomatico e gran figlio di diplomatico, fece uno spettacolo, che portò anche in Italia con Toquinho, dove sintetizzava così la sua filosofia: "La vita è l'arte dell'incontro".


Se non vi fosse stato l'incontro tra la composizione musicale di Jobim, l'estro lirico di Vinicio e la raffinatezza dell'arpeggio della chitarra di Gilberto non vi sarebbe stata la bossa nova. La famosa "batida", un modo completamente nuovo di pizzicare le corde ed il rullante della chitarra. Tic-tac-tic-tic. Quasi un singhiozzo felpato ed era bossa nova. Le note di Jobim e le parole di Vinicius potevano liberarsi dalla concezione ed essere esecuzione con il talento unico di Giovannino (Joazinho).


La bossa nova richiama il "dolce stil novo dantesco". Vi è un momento in cui l'arte deve cambiare forma. Comincia prima ad agitarsi nell'animo del popolo: incomprensioni, contrasti, pensieri ed idee nuove, urla, battaglie civili, movimenti economici e poi arriva un Dante Alighieri o un Joao Gilberto e te lo spiegano in lettere o in musica.


Lo stesso termine è usato per la prima volta da Antônio Carlos Jobim per riferirlo direttamente alla personalità artistica di Joazinho: "João Gilberto é un baiano, 'bossa-nova' de vinte e seis anos". Jobim, note di copertina di Chega de saudade, scrive  "João Gilberto è un baiano, 'bossa-nova' di ventisei anni".
La bossanova trae origine dal samba, in particolare nella forma detta samba canção, e si evolve in qualcos'altro.


E ritornando alla domanda di Marcelo Gilberto:  "Papà, ma perchè il samba non andava bene cosí?".
No. Non andava piú bene cosí. Quello era un mondo ed un Brasile diverso dalle pailettes, dai culi e dalle tette in aria e in terra. Era un Brasile che cominciava s fare i conti con le ingiustizie sociali e con le povertà morali ed economiche anche in un'atmosfera di rinascita economica e nazionalista del Brasile di Juscelino Kubitschek.


La bossanova era un cantare e suonare sussurrato, malinconico (saudade), pensieroso, contraddittorio (singhiozzo felpato), "inquietitudinante", scherzoso ma amaro, "si canta e si sta insieme ma non tutto il mio dolore è di tutti, per una grande parte è solo mio". Questo il grande merito della batida e della chitarra di Joăo Gilberto.
"Bim-bom-bim-bom, Bim-bom-bim-bom", cosí ha risposto al figlio pochi minuti fa.


Il primo pezzo di bossa nova è Chega de Saudade, non nella versione di Elizethe Cardoso, ma in quella del luglio del 1958 (piú di 60 anni fa).
Nel 1962-1963 con il sassofonista Stan Getz "Jazz Samba" e "Getz/Gilberto", gli album piú venduti nella storia del Jazz.
"Bim-bom-bim-bom, Bim-bom-bim-bom". Una prece per Joazinho.



Salute e Bellezza Tracchegiani
Multiservizi Spoleto
Paola Agabiti Urbani - Tesei Presidente
Principe Store
Lavanderia La Perfetta
David Militoni - Lega Umbra
Cioccolateria Vetusta Nursia
Azienda Modena


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
Terminal alle Mattonelle
Bar Moriconi
Associazione Cristian Panetto
Paola Agabiti Urbani - Tesei Presidente
Centro Medico Giulio Loreti
Il Pianaccio
Trattoria dei Paesi Nostri
Yves Rocher
Bar ristorante Belli - Spoleto
Caffè dell'Angolo
David Militoni - Lega Umbra
Bonifica Umbra
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
La Fabbrica del Gelato
Marco Post Spoleto
Visit Scheggino
Bar delle Miniere
Spoleto Cinema al Centro