Spoletonline
Edizione del 18 Luglio 2019, ultimo aggiornamento alle 22:30:02
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Scheggino Donna 2019
Spoletonline
Scheggino Donna 2019
cerca nel sito
Pc Work
Electrocasa Spoleto
AROF Agenzia Funebre
Tuber experience - Campello
TrattOliva
Parafarmacia Serra
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Pecchiarda
Ristorante al Palazzaccio
Fondazione Giulio Loreti
Ristorante Albergo LE CASALINE
Libreria Aurora
Vus Com
Rafting Nomad
Spoleto Cinema al Centro
Il Cerchio 5 x 1000
Stampa articolo

Visti da Lontano, 10 Luglio 2019 alle 17:19:44

Un altro Festival se ne va lasciando il nulla dietro di sé...

[Commenti]


Giovanni Civica

E anche questo Festival Dei 2 Mondi sta arrivando al suo traguardo. Spoleto in questo periodo è piena di cipria, truccata, scivolosamente fru fru, un po' sudaticcia, leggermente affannata ma sempre sul pezzo, un po' circo, un po' fiera. Non lasciatevi ingannare dai notabili, presenziare è il loro ruolo,


neanche dagli attori illustrissimi reduci dai successi del circolo degli eletti, dove l'unico faro esistente illumina una scritta "io so io e voi non siete un cazzo", posto all'ingresso di ogni spettacolo per noi comuni mortali dubbiosi.


La città è sonnolenta, un po' svogliata per vocazione, lascia fare, tra un volteggio, una spaccata e vagoni di piccole meraviglie musicali. Basta scendere dal centro storico, c'è il deserto, la magia è scomparsa. Il gotha è in alto, arrampicato, avvitato su se stesso, barricato nei palazzi per autocelebrasi nelle cene post-spettacolo, dimenticando che il teatro è del e per il popolo, dove molti miracolati sociali sono attigui al fardello artistico e lo sopportano a fatica, diffidandone.


L'intuizione geniale del maestro Menotti con la partecipazione di grandi attori, scrittori, ballerini, cantanti, strumentisti, teatranti, direttori d'orchestra, personaggi della cultura internazionale, è stato un colpo di frusta, interrompendo una desolante pigrizia. Nacquero maestranze formidabili, attrezzisti, tecnici, con la città animata e partecipe. L'arte, al contrario di quel che disse un politico portatore di insensatezza, dà lavoro e dunque da mangiare.


Tutta la mia stima a chi oggi è riuscito a tenersi il piatto stretto, mettendo i gomiti sul tavolo per difenderlo. Ma un dubbio mi assale: come vivranno gli spoletini questa febbre festivaliera? Bene, credo, per alcuni spettacoli hanno addirittura lo sconto del 30% sul prezzo dei biglietti. Se non capite la rappresentazione, nessun problema, non lo dite, anche perché neanche i vostri vicini di posto lo hanno compreso, non siete soli, ma se all'uscita vi intervistano, sorridete soddisfatti annuendo, farete un figurone. Come ogni anno, alla chiusura, fuochi d'artificio, come le brioches di Maria Antonietta, per la felicità del popolo.



Cioccolateria Vetusta Nursia
Multiservizi Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Lavanderia La Perfetta
Azienda Modena
Scheggino Donna 2019
Abbazia Albergo e Ristorante
Il Biologico Spoleto
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Principe Store


Commenti (6)

Commento scritto da Giuliano Maria Mastroforti il 11 Luglio 2019 alle 03:42
Non conosco l' estensore, dalla barba ben curata, di questo stringato, ironico ed iconico.... necrologio.

Lo condivido, purtroppo, poichè quando io, ventenne, venivo a Spoleto in 500 (auto) con altri tre amici -immaginatevi il comfort- da Perugia, ci sentivamo come se andassimo in un posto in cui, forse, avremmo incontrato Mastroioanni, Bardot, Nureyev, insomma, come si dice "venivamo con il cappello in mano", con qualche soggezione, e pensando che, ad un'ora da casa, attingevamo all' Universo Artistico del Mondo... e noi pensavamo : che culo!

Purtroppo, adesso, c'è rimasta solo l'ultima parola, perdipiù assai inflazionata e non più oggetto di desiderio artistico.... con vivo rimpianto......


Commento scritto da Cari spoletini, se non vi va il Festival che vi piace fatevelo voi! il 11 Luglio 2019 alle 08:59
Per ciò che concerne gli articoli, i commenti e le critiche dei cittadini sul declino del Festival, il colmo sarebbe se un domani qualcuno di loro rimpiangesse anche "il nulla dietro di se......".Ogni anno la solita solfa! Senza tener conto che i tempi, i gusti e le persone cambiano! E che ciò che è stato non ritorna più!


Commento scritto da Diogene il 11 Luglio 2019 alle 10:10
"cappello o non cappello in mano " LA MORALE DELLA FAVOLA E' CHE

SPOLETO IN QUESTI GIORNI E' STRAPIENA DI GENTE CHE SPENDE

DIREI CHE BASTA CON RIMPIANTI, PESSIMISMO E STERILI CRITICHE.

VALORIZZIAMO IL PASSATO E FACCIAMO SPAZIO A VALIDI GIOVANI ! ! !


Commento scritto da Lu lamentu il 11 Luglio 2019 alle 10:44
"Il Festival non è più quello di una volta" is the new "Non ci sono più le mezze stagioni"

A forza di indugiare nello sfoggio di questa nostalgia passatista senza sforzarsi di indicare le ragioni del decadimento (non sempre e non solo attribuibili all'attuale gestione), si finirà per buttare il bambino con tutta l'acqua sporca.

Poi ci sarà da ridere.



Commento scritto da Pietro Biondi il 11 Luglio 2019 alle 14:50
Egregio sig. Civica. Questo è e non c'è niente da fare, credo. Il Festival fu un'idea geniale. E, per fortuna, fu lasciato fare. Spoleto era molto diversa, quando arrivò Menotti Io ho ormai ottant'anni e ho vissuto gli entusiasmanti anni di splendore, il lento declino e la stasi attuale. Come potevo e per quanto potevo, ho cercato di far capire che occorreva trovare al più presto qualcosa che lo potesse...sostituire. Sempre tutto andato a monte. Gli Assessori alla Cultura di Spoleto sono sempre stati di una qualità bassissima (tranne un paio di eccezioni che, però, poco hanno potuto fare. Per fare le cose ci vogliono il talento e i soldi. Il talento...è una parola! I soldi, dove li vai a prendere? Dalla politica, in genere...

Ora il Festival è...istituzionalizzato. Amministra (più o meno bene, bisognerebbe saperlo, qualche milione ereditato da quello che il Festival ERA. E le assicuro che, sembrano tanti, ma in realtà sono una miseria...Basterebbero solo a fare uno spettacolo, se si producesse in esclusiva. Ormai il Festival è entrato nel sonno della città. E meno male che ancora c'è. Ed è inevitabile che si facciano cene e banchetti autoreferenziali.

Mi limito a questo. Ci dovrei scrivere un libro. A Spoleto si vaneggia, si parla e si sparla come passatempo. E tutto è fermo. Almeno ci fosse stato sviluppo industriale (orrendo) sarebbe qualcosa...Manie di grandezza...e corse dei vaporetti. La saluto.


Commento scritto da Sant'Ambrogio il 12 Luglio 2019 alle 12:18
vorrei tornare a Spoleto ogni tanto e trovare una città felice, che peccato!


Aggiungi un commento [+]
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Il Cerchio 5 x mille
Spoleto Cinema al Centro
Centro Medico Giulio Loreti
Bar Moriconi
La Fabbrica del Gelato
Bar delle Miniere
Marco Post Spoleto
Associazione Cristian Panetto
Visit Scheggino
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Il Giardino delle Naiadi
Il Pianaccio