Spoletonline
Edizione del 21 Febbraio 2020, ultimo aggiornamento alle 16:16:02
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Ristorante Albergo LE CASALINE
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Electrocasa Spoleto
Axis Italy
Ristorante al Palazzaccio
Ristorante Pecchiarda
Spoleto Cinema al Centro
Agriturismo Posto del Sole
Libreria Aurora
Parafarmacia Serra
Osteria della Torre
Pc Work
Stampa articolo

Società, 15 Gennaio 2020 alle 14:43:29

'Spoleto a Colori' alza bandiera bianca: salta anche l'edizione 2020

L'annuncio degli organizzatori: 'Nessuna risposta dal Comune. Nostri progetti spacchettati ed affidati ad altri' [Commenti]

Salta anche l'edizione 2020 di "Spoleto a Colori". Ad annunciarlo sono stati gli organizzatori che, attraverso una nota, hanno fatto il punto della situazione: "Uno dei risultati certi è che dopo otto edizioni di "Spoleto a Colori", con una crescita programmatica negli anni, siamo riusciti a creare una grande rete associativa nella realtà Spoletina. Abbiamo sempre studiato con giudizio e dedizione il miglior format possibile per coprire il non facile territorio del centro storico, mettendo in sinergia commercianti, albergatori, ristoratori e tutta la cittadinanza.


Per non parlare della scelta artistica proposta: un mix ricercato in ambito locale, nazionale ed internazionale. Anni di opportunità e progetti per i ragazzi della nostra città che hanno visto realizzate le loro idee e passioni, anche per dare loro una maggiore sensibilizzazione e attaccamento alla propria città. Non sono di certo mancati gli errori da parte nostra, ma possiamo affermare di aver raggiunto nel tempo una consistente credibilità grazie alla qualità e professionalità con cui realizzavamo il nostro evento in ogni particolare. 


Risultati tangibili che difficilmente possono essere messi in discussione. Di certo non possiamo negare la mancanza di difficoltà affrontate. Ci siamo tante volte messi in discussione ed abbiamo lottato con i denti per rimanere sempre costruttivi anche con chi ci veniva contro. Tutto per difendere il nostro progetto, il nostro evento.


Ma dopo aver subito nell’ultima edizione uno estenuante accanimento burocratico che ci ha levato ogni energia e dopo aver comunque continuato negli ultimi due anni a presentare progetti senza essere stati messi nelle condizioni di realizzarli, crediamo sia ora di uscire dal “silenzio”. 


Perché scriviamo solo ora? Perché nelle nostre comunicazioni non c’è stata mai la volontà di andare contro qualcuno, né tantomeno contro l’amministrazione che da sempre viene considerata parte integrante del nostro progetto. Siamo stati sempre attenti a comunicare la verità quando questa sembrava essere non percepita nel modo giusto. 


Abbiamo iniziato la conoscenza con la nuova amministrazione nel 2018 presentando un progetto per il periodo di Natale che rappresentava la prosecuzione dell’”Officina degli Elfi”. Un grande format realizzato l’anno precedente chiedendo inizialmente come contributo 15.000€, sceso a 5.000,00€ per poi ritornare a 8.000,00€ dopo estenuanti trattative che sono durate troppo tempo. Per questo continuo tira e molla non siamo riusciti quindi ad avviare "la macchina organizzativa" in modo corretto, così siamo stati costretti a rinunciare all'evento. Un senso di responsabilità profondo verso la città, consapevoli di non riuscire a dare il meglio, di presentare un prodotto poco sufficiente per il finanziamento di soldi pubblici avanzato. 


La risposta che ci veniva avanzata durante le contrattazioni era sempre la stessa: siete troppo cari! Alla fine quel nostro progetto è stato spacchettato e fatto realizzare da altri con risultati poco soddisfacenti (basta leggere i commenti social) in confronto alla grande progettazione affrontata da noi l'anno precedente che ha visto animazioni e laboratori di tutto rispetto.


Ma andiamo avanti. Nel gennaio 2019 presentiamo il progetto "Spoleto a Colori 2019" con una ricca documentazione piena di contenuti e descrizioni dettagliate. L'evento prevedeva 4 giorni in tutta Spoleto chiedendo un contributo di 20.000€ su un valore di circa 80.000€. Ed anche lì la solita risposta: siete troppo cari! Dunque intero progetto anche in questo caso spacchettato con l'evento alla Rocca dato ad un'altra società nostra collaboratrice, cosa che naturalmente ha creato dissapori interni.


Poi infine nell'ottobre 2019 abbiamo avuto un incontro informale per presentare il progetto "Spoleto a Colori 2020". Risposta? Stavolta nessuna. Nulla.


Tirando oggi le somme vediamo 93.300€ di contributi erogati per eventi realizzati, e in parte spacchettati dal nostro progetto, nel tentativo di risparmiare. Eccezione fatta per un evento finanziato con 25.000€ guarda caso anche più di quello richiesto da noi per organizzare l'intero “Spoleto A Colori”. Forse non eravamo poi così sconsiderati a chiedere un importo del genere per mantenere un determinato standard.


Non vogliamo entrare in merito alle scelte amministrative, ma pretendiamo la verità. Perché crediamo fortemente che non si è solo voluto credere nel nostro valore e nella nostra forza. Una formula la nostra che coinvolge il territorio e le sue perle artistiche, sportive e sociali. In pratica la nostra comunità.


Fare eventi in tutto il centro di Spoleto non è facile, soprattutto per la sua conformazione, ma difficile non significa impossibile! Serve però una visione precisa, un'organizzazione dettagliata, uno spirito collaborativo, tanta passione e soprattutto una "grande famiglia" che ci mette anima e corpo per raggiungere il miglior risultato. Ecco, "Spoleto a Colori" rappresentava tutto questo. Oggi, a queste condizioni, siamo costretti ad alzare bandiera bianca. Non un definitivo addio, ma constatiamo che per adesso Spoleto non vuole essere a colori. Chissà, forse potrà esserlo in maniera determinante anche senza di noi. O almeno lo speriamo".



Cioccolateria Vetusta Nursia
Azienda Modena
Multiservizi Spoleto
Il Biologico Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Lavanderia La Perfetta


Commenti (4)

Commento scritto da fioretti guerrino il 15 Gennaio 2020 alle 19:34
considerando che tale manifestazione, avrebbe portato turisti, visto che le entrate per la tassa di soggiorno sono raddoppiate, non si poteva venire incontro agli organizzatori e far svolgere tale manifestazione?


Commento scritto da Avanti di questo passo si diventerà campioni di salto: Nella fossa il 16 Gennaio 2020 alle 10:12
Dato la semplicità in cui a Spoleto si riesce a far saltare tutto, qualcuno potrebbe pensare che sia la sede adatta per aprirci una palestra. Si è riusciti a far saltare "Vini nel Mondo", si è provato a far saltare "Spoleto in Mountain Bike" e ora si sta provando di far saltare anche "Spoleto a Colori", con delle buone probabilità di riuscirci. Visto i risultati incoraggianti che si stanno ottenendo, chissà se in futuro si tenterà di far saltare anche Spoleto Festival ? Senza voler contrariare chi dovesse avere queste intenzioni, in questo caso è meglio augurarsi che non ci riesca.

.


Commento scritto da Tutto normale il 16 Gennaio 2020 alle 10:57
In molti si pentono.... ma questa gente dov'era 22 mesi fa? Ci fu proposta una persona, ai più sconosciuta, definita rigida e mancina dagli altri e proposta dai soliti vecchi notabili spoletini che, nei fatti, hanno sempre imposto la loro classe dirigente. (utili ai loro interessi).

A qualcuno serviva ricollocare, dopo una pausa di 4 anni, la città sotto il controllo perugino, serviva riposizionare la mediocrità alla guida della città.

Solo questa situazione avrebbe garantito l'estromissione di Spoleto dai progetti infrastrutturali, culturali economici riservati agli altri territori.

In questo quadro, voi siete /rappresentate una forma di genuina libertà da combattere e cassare.

A questi signori, gli è restata solo una manifestazione che, nei fatti è stata svenduta alla vecchia signora.

Non c'è speranza..... altri 3 anni così ed è finita, salvo poi vedere tanta gente dire ogni male di questi peones, ma oggi costoro temono il caimano e allora si continua nell'apatia.


Commento scritto da Baudolino La Sveglia il 16 Gennaio 2020 alle 17:22
"Avrebbe portato turisti" ??? Spoleto a Colori era bella e innocua carnevalata per la gente locale, niente di più. Se non ci sono i soldi, purtroppo, pare normale che sia tagliata.



Vini Nel Mondo invece è un bene che sia terminata. E' sempre stato un evento di caciara a cui non volevano più partecipare le aziende vitivinicole, ci siamo bruciati da soli perché abbiamo affidato un simile palcoscenico (Spoleto) a gente che non era professionista di settore e che quindi ha preso scelte sbagliate sin dal principio. Alla fine era diventata una sagra (co-finanziata da Roma..). Simili eventi non li può organizzare chi non è del settore, non basta che ti piaccia il vino. Semmai è un peccato che i vari professionisti di settore del territorio non si mettano assieme per proporre qualcosa di alternativo, magari di meno cafone e pretenzioso, ma più attuale.





Aggiungi un commento [+]
La Fabbrica del Gelato
Associazione Cristian Panetto
Terminal alle Mattonelle
Bar Moriconi
Visit Scheggino
Principe Store
Trattoria del Passo d'Acera
Spoleto Cinema al Centro
Bar delle Miniere
Bonifica Umbra
Il Pianaccio
Marco Post Spoleto
Bar ristorante Belli - Spoleto
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Adicom