Spoletonline
Edizione del 21 Febbraio 2020, ultimo aggiornamento alle 15:34:40
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Ristorante Pecchiarda
Pc Work
Osteria della Torre
Ristorante al Palazzaccio
Libreria Aurora
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Axis Italy
Parafarmacia Serra
Ristorante Albergo LE CASALINE
Electrocasa Spoleto
Agriturismo Posto del Sole
Stampa articolo

Spoleto - Traffico & viabilità, 16 Gennaio 2020 alle 09:34:35

L'associazione 'Terni Risorge' e il City Forum di Spoleto uniti per la riqualificazione della Flaminia

'I fatti parlano chiaro e negli ultimi anni, numerosi sono stati gli incidenti, purtroppo molto spesso mortali. Situazione non più tollerabile' [Commenti]

Il Comitato della costituenda Associazione Terni Risorge e il City Forum di Spoleto, organizzano un’iniziativa a sostegno della riqualificazione della strada statale Flaminia. "Storicamente Terni e Spoleto si sono sempre guardate con interesse. La Flaminia rappresenta il collegamento principale tra le due città, tale collegamento nel corso degli anni non ha mai beneficiato di un progetto di riqualificazione, indispensabile sia per una maggiore sicurezza, sia per una riduzione dei tempi di percorrenza del tragitto che divide i due Comuni. 


I fatti parlano chiaro e negli ultimi anni, numerosi sono stati gli incidenti, purtroppo molto spesso mortali. In ultimo le interruzioni nel periodo delle ultime festività natalizie hanno creato non pochi disagi. Non è più possibile tollerare una situazione del genere, la riqualificazione della strada statale Flaminia, avrebbe ricadute positive importanti, collegando in modo migliore e sicuro le due città Umbre. 


È prioritario porre fine a una serie tremenda di incidenti, che hanno portato a definire la Flaminia “Strada Killer”, è sicuramente strategico in prospettiva, creare le condizioni per una maggiore sinergia, rivolta al rilancio economico di tutta l’area interessata. Inoltre, dal punto di vista della fattibilità, è necessario evidenziare come ad oggi, un intervento di riqualificazione della Flaminia, possa essere considerato, sotto ogni punto di vista, facilmente sostenibile e realizzabile. Sabato 18 gennaio ore 15.30 Passo della Somma (davanti bar Belli). Tutti sono invitati per sostenere questa iniziativa".


RITROVO – ore 15.00:


- Terni davanti Palazzo Spada


- Spoleto Sede Avis, Via Fratelli Cervi


Comitato Cost. Ass. “Terni Risorge”    Spoleto City Forum



Multiservizi Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Cioccolateria Vetusta Nursia
Azienda Modena
Il Biologico Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani


Commenti (2)

Commento scritto da Basilio Rapucci il 16 Gennaio 2020 alle 13:37
Qualche cosa si muove.

Dopo alcuni tentennamenti si riprende la strada maestra delle strategie e soprattutto quella delle alleanze.

L'adeguamento del collegamento Spoleto Terni è una conseguenza logica degli interventi fatti tra Foligno Spoleto.

L'avvio della nuova strategia quella del collegamento tra Perugia Foligno Spoleto Terni ecc.cln Cascia Norcia Ascoli Piceno e quindi con l'adriatico dovrebbe essere il secondo obiettivo da cogliere per l'eliminazione dell'isolamento dei collegamenti stradali della ns. Regione.

Naturalmente al problema dei collegamenti, andrebbe aggiunto il problema del raddoppio della linea ferroviaria.

Ad ogni buon conto anche se con un notevole ritardo, mi sembra che abbiamo recuperato il senso dell'orientamento.

Mi auguro che si prosegui su questa direttrice.


Commento scritto da Non fermatevi, andate avanti! il 17 Gennaio 2020 alle 08:34
Fin qui tutto bene, però ora arriva il difficile. Bisogna avere la volontà di essere tenaci e cocciuti e di non smettere di insistere fin quando l'opera non verrà realizzata. Non bisogna assolutamente fermarsi davanti agli ostacoli, alla sordità e all'indifferenza che alcuni politici locali cercheranno di opporre per ostacolare la realizzazione del progetto. Questa gente, facendo appello sulla compiacenza di chi li vota, e che per loro fortuna hanno i piedi al caldo, non vogliono lo sviluppo del territorio, bensì mirano soltanto a conservare lo status quo. E con la scusa di non deturpare la visione dell'ambiente la ottiene sempre vinta. Senza dire che non glie ne frega nulla se, per causa dell'isolamento in cui si trova la città, non c'è sviluppo e non c'è lavoro. E molti giovani sono costretti a emigrare. E tutto questo avviene mentre loro, felicemente e beatamente, si godono le bellezze del territorio senza avere alcun problema economico. Alla faccia di chi nel frattempo sta pensando di fare le valige per andare a guadagnarsi la vita altrove. Mi viene da ridere quando i politici che amministrano la città vogliono far credere di pensare al futuro della città. Sarebbe interessante che essi spiegassero alla nuove generazione di spoletini di quale futuro stanno parlando. Visto che per molti di loro il futuro non c'è! A meno che non pensino di diventare tutti albergatori, ristoratori o camerieri!


Aggiungi un commento [+]
Il Pianaccio
Bonifica Umbra
Principe Store
Associazione Cristian Panetto
Terminal alle Mattonelle
Marco Post Spoleto
Bar delle Miniere
Bar Moriconi
La Fabbrica del Gelato
Adicom
Trattoria del Passo d'Acera
Visit Scheggino
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Bar ristorante Belli - Spoleto