Spoletonline
Edizione del 07 Aprile 2020, ultimo aggiornamento alle 15:10:41
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Libreria Aurora
Axis Italy
Spoleto Cinema al Centro
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Parafarmacia Serra
Ristorante al Palazzaccio
Alimentari Di Cicco Pucci
Ristorante Albergo LE CASALINE
Osteria della Torre
Electrocasa Spoleto
Ristorante Pecchiarda
Agriturismo Posto del Sole
Stampa articolo

Che Poi Diciamocelo..., 06 Febbraio 2020 alle 13:33:31

RiFacciamo le pulci a Sanremo e finiamo di spulciarli tutti


A.T.

 


Che poi diciamocelo: tutte le scuse son buone per salire in cattedra e dare voti. Per il secondo giorno di fila.


Partiamo con il dire che la questione tempo gli è leggerissimamente sfuggita di mano.. se facciamo le 2 di notte alla seconda serata sabato festeggeremo il


 vincitore con il cornetto all'autogrill del dopo discoteca. Inoltre, pur fantastici, l'avvicendarsi di 4 ospiti di fila ha provocato un effetto Veglione di Capodanno che un po' ha mandato in confusione il pubblico sofferente per non aver con sè l'occorrente al conto alla rovescia.


Fiorello ieri sera non ha convinto completamente, i toni amichevoli con il Direttore Artistico ci piacciono, il suo essere un po' il caciarone della situazione ci sta, interventi canori ci stanno, battute e doppisensi giustissimi ma è come se il colpo fosse rimasto in canna. Voto: 6,5


Amadeus è scioltissimo e visibilmente a suo agio, coerente con se stesso dal Festivalbar a Sanremo senza passare dal via. Voto: 8 confermato


Carlotta Mantovan è bellissima e delicatissima, molto pulita e raffinata e la frase di Amadeus circa la conduzione del Festival se il marito fosse stato in vita non l'ho trovata forzata nè finta e non so neppure quanti altri "omoni" dello spettacolo l'avrebbero detta.


Laura Chimenti ed Emma D'Aquino: tre outfit l'una che ci raccontano due giornaliste e grandissime professioniste e anche bellissime donne. Non sono lì per doti estetiche sono lì perché nella loro vita "sono" qualcosa e il fatto di avere sul palco dell'Ariston vallette che non siano solo belle statuine è forse la vera e più grande innovazione di questi 70 anni.
La modalità giornalistica da tg delle 20 è parte dello scketch ma in realtà è il loro carattere distintivo e non ci sta neppure male! Diciamo che ascoltando quelle voci non saremmo riusciti a sentire altre modalità e in fondo loro erano lì per essere loro stesse. Promosse a pieni voti. Voto: 7


Sabrina Salerno: decurtata del tentativo di caduta in incipit di apparizione e aggiunta di quei trent'anni è praticamente la stessa dei tempi (i chili in più non solo contemplati nel giudizio perché tanto era strizzata nei vestiti prima e lo è ancora ora solo che ora i vestiti hanno anche della stoffa). Abbastanza spigliata, sicuramente meglio del suo alter ego della sera precedente, almeno per i ricordi del passato che suscita. Voto:6,5


Quando arriva Paolo vado emotivamente ko mentre racconta la storia di una malattia meschina che ti lascia vivo ma ti uccide pezzo per pezzo mentre tu te ne rendi conto e vedi ogni giorno un pezzo di vita che ti scivola via, consapevole.. un uomo che ho conosciuto e tanto amato diceva che la sua malattia era la sua SlaDina e diceva anche che l'aquilone vola solo con il vento contrario.. e beh non c'è molto altro da dire se non che questo ragazzo al vento si è messo ben di traverso pur di volare e in qualche modo ci sta riuscendo anche se questo purtroppo non lo salverà. Io sto con Paolo.


Tiziano Ferro con Massimo Ranieri non ci piace. Il connubio non spacca semplicemente perché "Perdere l'amore" è intoccabile e solo lui la può cantare. Se poi Tiziano non prende il controcanto nemmeno una volta in tutti i ritornelli (prende solo l'ultimo ma ormai è andata) diventa Massimo Ranieri che canta il suo pezzo più straordinario al karaoke con un nuovo entrato a XFactor. Tiziano Ferro è maestoso cantando le sue canzoni, immenso e profondissimo, per il resto, almeno ieri sera con Ranieri, non ci è piaciuto per niente. Da notare, solo per spirito critico, che i capelli di Ferro a 38 anni sono più brizzolati di quelli di Ranieri a.. qualche annetto in più.


Ricchi e poveri hanno fatto asso piglia tutto. Personalmente ho cantato a squarciagola e saltellato come una scema per tutto il salone di casa mia.. unica pecca il playback incomprensibile: hanno cantato a cappella in conferenza stampa il pomeriggio e poi arrivano sul palco e fanno l'80% della performance in playback.. fortuna Fiorello che con il suo intervento li ha costretti al live.. viva i Ricchi e Poveri


Zucchero è super ospite ma in realtà deve solo presentare i suoi pezzi nuovi.. è sempre lui, sempre grande e per fortuna da brava star sempre rapido perché il suo avvento è alle ore 00.00 e mancano ancora 6 concorrenti in gara e altre performance di ospiti da vedere. Uno stillicidio.


Gigi D'Alessio celebra i 20 anni della canzone sanremese "Non dirgli mai" e sancisce anche la domanda che il mondo intero si pone: ma tu e la Tatangelo com'è che sta insieme? Che ci trova in te che sei anche diventato un semi anziano signore?! Cattiverie a parte.. al netto della giacca damascata.. fa comunque il suo e ringrazia sentitamente per aver realizzato il suo sogno di essere lì: questa non l'ho capita.


Partiamo con i cantanti in gara.
Piero Pelù: Dov'è el diablo? El diablo versione nonno non convince diciamocelo. Non convince gli ex Diablo quanto lui e non convince chi lo ascolta ieri sera per la prima volta. Non sono neppure convinta che la canzone si sentirà granché. Mi piange il cuore perché io ho amato el Diablo e secondo me, per il grande ritorno, doveva tornare in grande stile cioè il suo! Credo di non potermi esimere dall'insufficienza piena. Voto: 4,5


Elettra Lamborghini: si presenta vestita da bomboniera incrociata con una delle ballerine di Cacao Meravigliao. Il commento più strepitoso ce lo offre Vladimir Luxuria che se ne esce così: "ecco dove avevo messo il mio completino a Muccassassina del 1993 Elettra ridammi il vestito!!!" Con il freddo che fa è decisamente troppo presto per le canzoni da sorseggiare con il mojto al Papete ma nella sua versione un po' Playboy un po' BabyK fuori stagione dobbiamo ammettere che il motivetto c'è, aspettative pessime ma risultato prende la sufficienza e sono sconvolta io stessa nel pensarlo. Notiamo che le tutine in lurex color oro quest'anno fanno faville. Voto: 6


Enrico Nogiotti: senza infamia e senza lode, al primo ascolto preferivo quella dello scorso anno ma forse va risentita con attenzione quindi per ora non esprimo giudizi. Voto: da risentire


Levante: è vestita da spiaggia con uno zatterone terribile ma al suo viso possiamo perdonare il cattivo gusto dell'outfit.. e attenzione la canzone potrebbe starci. Si fa ascoltare e suppongo dopo un paio di volte si fa anche cantare. Non è un pezzo che fa faville ma è un pezzo. Voto: 6


Pinguini: per 3/4 mesi ci faranno compagnia. La canzone è giovane e allegra, unico problema stiamo tutti cercando la vecchia che balla di "Una vita in vacanza" da cui mi pare ovvio sia tratta come genere quindi non possiamo dire sia una canzone "fresca".. non innova ma non dispiace, ad aprile saranno spariti ma per ora questo ritmino primavera/estate ci può andare. Voto: 5,5


Tosca: nel suo completo uomo è molto signora e molto professionista. La canzone è intima e delicata, lei è una vera grande performer ma non so quanto il pubblico ne comprenderò la profondità. In effetti non è immediata, i cambi di ritmo e tono che si avvicendano non sono male ma sono rischiosi, è classica ma meno banale di altri suoi colleghi anche se già sento echi che la tacceranno di noiosa. Voto: 6,5


Francesco Gabbani: come ha scritto la Lucarelli la scimmia si è innamorata e ci piace. Piaciuta canzone, piaciuto lui, il pezzo assolutamente c'è, è facile ma non troppo, orecchiabile, si fa canticchiare al primo ascolto e la canticchieremo parecchio. Si conferma. Voto: 7,5


Jannacci: sanremese, intima, questo dialogo padre/figlia ha sempre appeale. Non innova ma si fa sentire. Probabilmente servono più ascolti per apprezzarla perché al primo impatto può risultare lenta. Lui è molto empatico e gioca bene con la voce. Voto: da risentire


Rancore: audio non buono eppure sembra un grosso freestyler, si sentono male le parole rappate, sembra orecchiabile ma non credo questo fosse il suo intento.. si chiama Rancore forse preferiva un commento tipo: la nuova canzone di protesta del secolo. Non mi convince ma ho sentito di peggio in queste sue sere. Voto: 5,5


Junior Cally: ha creato intorno a sè grande attesa, la sua maschera propinata a oltranza viene combattuta dalla tutina di Achille Lauro e da chi la ritiene una pessima trovata irrispettosa con chi la maschera la porta per nascondere gli sfregi della cattiveria umana. Ebbene, attenzione attenzione, la canzone c'è.. entra in testa il ritmino, non è "Volare" mi pare ovvio ma dalle pessime aspettative ha decisamente sollevato la testa. Ai giovani piacerà ma anche i meno giovani la canticchieranno. Voto: 6,5


Giordana Angi: fa coppia con Jannacci che canta per la figlia mentre lei canta per la madre. Melodica con il tipico graffio della sua voce, la canzone si farà sentire ma al momento non ho percepito le vibrazioni alla base del collo.. temo sia un pezzo già sentito.. voto: 5


Zarrillo: chiude una interminabile serata e non entra in scena con il machete e per questo lo ammiriamo tutti e molto. La canzone assolutamente c'è, il vecchio Michele (in senso amichevole) fa Sanremo ogni 2/3 anni e ci prende quasi sempre. La voce è sempre la sua, cambi di ritmo ci piacciono tantissimo, il testo non sembra male e il connubio promette benissimo. Assolutamente una conferma. Voto: 7


Votato tutti. A questo punto sarà solo da stare a vedere sapendo già che il pezzo più bello non vincerà, quello che vincerà sarà sommerso di polemiche di ogni forma (se poi vincono Lauro, Rancore o Junior Cally si presenta il Papa in persona a twittare) ma in fondo questo è Sanremo.. e tutta la gente che ci sputa sopra con un mucchietto di banalità prendendo spezzoni qua e là su YouTube è la gente che dichiara di non vederlo e poi lo vede di nascosto perché ha un potere attrattivo nazional popolare che..altro che sovranismo! Sanremo è come Babbo Natale. Lo sai che non esiste ma non puoi fare a meno di crederci... e ogni anno rinnovi sempre gli stessi proposito per quello successivo e anche questa è tradizione del nostro Bel Paese!


 


 


 



Azienda Modena
Cioccolateria Vetusta Nursia
Multiservizi Spoleto
Lavanderia La Perfetta
Il Biologico Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani


Commenti (0)
Aggiungi un commento [+]
La Fabbrica del Gelato
Principe Store
Visit Scheggino
Terminal alle Mattonelle
Spoleto Cinema al Centro
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Adicom
Bar delle Miniere
Il Pianaccio
Associazione Cristian Panetto
Bar ristorante Belli - Spoleto
Acqua Evo
Bar Moriconi
Bonifica Umbra
Trattoria del Passo d'Acera