Spoletonline
Edizione del 19 Febbraio 2019, ultimo aggiornamento alle 15:21:15
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Fondazione Giulio Loreti
Spoleto Cinema al Centro
Pc Work
Electrocasa Spoleto
Ristorante Al Palazzaccio
Norcineria Severini Perla
AROF Agenzia Funebre
Vus Com
Arte Infusa
Il Cerchio 5 x 1000
Centro Ottico Emmedue
Il Calzolaio
Tuber experience - Campello
Ristorante Albergo LE CASALINE
La Piazzetta delle Erbe
Ristorante Pecchiarda
Libreria Aurora
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Valnerina - Cultura e sapori

Norcia, domani in scena la Pro loco con il gruppo 'Li Niputi de Vespasia'

Lo spettacolo 'Nemici come prima' in programma nel centro di Valorizzazione

Domenica 20 gennaio la Pro Loco di Norcia va in scena con il gruppo di teatro locale, denominato "Li Niputi de Vespasia", con lo spettacolo "Nemici come prima", commedia brillante in due atti di Gianni Clementi, per la regia di Graziano Sirci. Un doppio appuntamento alle ore 17 e alle 21 presso il Centro di Valorizzazione, locale sito in Via Solferino a Norcia. 

Cultura e sapori

LE POLPETTE DELLA DOLCE IRMA

[Fotogallery]

Ennio Mariani per tutti “Remo”

Anche le polpette sono definite "piatto di recupero", un po' come il moderno hamburger. Nel 1890 Olindo Guerrini, prima ancora dell'Artusi, uno dei più grandi gastronomi di tutti i tempi, scrisse "L'Arte di utilizzare gli avanzi della mensa": tra i piatti descritti c'erano le polpette e soprattutto l'utilizzo del pane raffermo che, oltre ad essere un cibo che non mancava mai in nessuna delle tavole, era utile anche per rendere più sostanziosi i pasti di chi "poco aveva".Un Piatto a tutt'oggi graditissimo che necessita di piccole ma importanti accortezze, per essere ancora più apprezzato.LE POLPETTE DELLA DOLCE IRMAGli ingredienti (per quattro persone)

Per la salsa:Passata di pomodoro in bottiglia di vetro italianaAglio in camicia CipollaOlio extravergine d'olivaBasilicoSalePepe1 cucchiaino di zucchero

Per le polpette:Carne di maiale e vitello magra 400 grUna fetta di mortadella tagliata spessaParmigiano PecorinoPane raffermo senza crostaTre uovaFarinaNoce MoscataSale PepeLimone

L'ESECUZIONEPonete in una bacinella colma d'acqua il pane raffermo, ASSOLUTAMENTE senza crosta. In un'altra intanto cominciate a preparare la Salsa del pomodoro. Preparate un soffritto di cipolla ed aglio in camicia (cioè con la buccia) ed aggiungete tutta la salsa di pomodoro: dopo circa 10 minuti riempite la stessa bottiglia di vetro con acqua che verserete nella salsa (la proporzione pomodoro-acqua deve essere sempre questa).Aggiungete sale ed un cucchiaino di zucchero (per eliminare l'eventuale acidità del pomodoro).Dopo 30 munti, prendete 2 o 3 foglie di basilico e, tagliandole A MANO, mettetele nella salsa.Lasciate cuocere per 40-45 minuti a fuoco lento. Nel frattempo macinate le carni e la mortadella. Vi consiglio di farlo da soli perché la carne macinata preparata, perde subito sapore e tende a deteriorarsi più velocemente. Aggiungete il pane raffermo ed impastate con le mani. Aggiungete parmigiano, pecorino e le uova, sale, pepe e grattugiate la scorza del limone ( solo la parte gialla mi raccomando) e la noce moscata.Amalgamate bene l'impasto e date forma alle polpette prendendo un po' di impasto per volta e facendolo girare nelle vostre mani. Prima di immergere le polpette nella salsa del pomodoro, passatele nella farina.Portate a termine la cottura.

Ricordate: per il sale assaggiate sempre. Meglio aggiungere, ché togliere non si può!Buon appetito!

"La conoscenza fa la differenza"

Ennio Mariani

 

 

 

Cultura e sapori

ZUPPA DI CECI, PORCINI E CASTAGNE

[Fotogallery]

Ennio Mariani per tutti “ Remo”

Durante le festività natalizie, tra i piatti più diffusi in Umbria da presentare in tavola c'era la zuppa di ceci, funghi porcini e castagne. Racconto in breve la storia di questo ultimo frutto per farvene capire l'importanza per le nostre terre, oltre che della sua bontà.

Cultura e sapori

Il maiale, principe della nostra tavola

Fulcinatum et parfa scrofa, istruzioni per l'uso [Fotogallery]

Ennio Mariani, detto "Remo"

Mangia bene e sii felice! L'alimento principe umbro: il maiale. Tutte le parti di questo animale (ormai è noto) sono utilizzabili. Principe oggi come ieri: grande rispetto per questo animale che nei secoli ha nutrito davvero tutti ed ha visto (sembra proprio in Umbria) nascere l'arte della norcineria nella ben

pagina 1 di 1
L'Altro Forno
Associazione Cristian Panetto
Il Cerchio 5 x mille
Spoleto Cinema al Centro
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Bonucci
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
Bonifica Umbra
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'