cronaca

Rivoluzione in vista per piazza della Vittoria: ecco come cambierà in futuro la circolazione

 

Numerosi gli interventi previsti per renderla più sicura ed eliminare le criticità esistenti. Il progetto da 610 mila euro finanziato da Agenda Urbana

 

Piazza Vittoria verso la rivoluzione. Entro il 2022, infatti, il Comune intende attivare nell’area un nuovo “schema circolatorio” in grado di renderla più sicura e fruibile dai cittadini e dai turisti. Un’operazione da 610 mila euro, resa possibile grazie ai fondi di “Agenda Urbana”. L’iter è già partito: l’Ente nei giorni scorsi ha affidato all’archeologo Danilo Nati l’incarico di effettuare nell’area le necessarie indagini “preliminari ai fini dell’individuazione dell’esistenza di un interesse archeologico” mentre entro fine mese provvederà ad approvare il progetto di fattibilità tecnica ed economica. Il passo successivo consisterà nella pubblicazione della gara per assegnare la progettazione definitiva ed esecutiva dell’intervento.

“L’assetto attuale è caratterizzato da una generale confusione data dalla presenza di punti di conflitto, dalla carenza di canalizzazione per alcune direttrici e da interferenze tra flussi veicolari e pedonali. Oggi circolazione viaria e sosta occupano la gran parte degli spazi delle piazze Vittoria e Garibaldi, con numerose interferenze con i corridoi pedonali individuati in modo diffuso nell’area, anche a causa della distribuzione delle fermate del Trasposto pubblico locale su gomma. L’organizzazione del comparto, inoltre, incentiva i fenomeni di ‘stop&go’, con consistenti ricadute nell’ambito circostante sia in termini di qualità dell’aria che di congestione”.

L’obiettivo è quello di minimizzare i disagi attraverso “una rotatoria che fluidifichi il traffico e aiuole pavimentate che disegnino un sistema di corsie autopulenti” in modo tale da ottenere “una diminuzione della CO2 ed un miglioramento tangibile dei parametri ambientali nonché della vivibilità nella zona”. In particolare, sono previsti “il ripensamento della rotatoria dell’accesso alla città storica con contestuale ottimizzazione del terminal bus ed installazione di pannelli a messaggio variabile a servizio del trasporto pubblico locale, dei parcheggi e della mobilità alternativa. La tipologia di sistemazione proposta riguarda quasi esclusivamente opere a raso di rapida realizzazione ed utilizzo di moduli preassemblati”.

Il progetto permetterà anche di rivitalizzare il Ponte Sanguinario, con il “conseguente allontanamento dei flussi veicolari” e lo spostamento della fermata degli autobus situata accanto al suo ingresso nell’altro lato della piazza.



I commenti dei nostri lettori

Fantasia di uno spoletino

1 mese fa

In Piazza della Vittoria si potrebbe fare una grande rotonda che lambisce il Ponte Sanguinario liberato dal mucchio di terra che indegnamente lo ricopre.

Nardone

1 mese fa

Per favorire i giochi degli spoletini, dopo il flipper in via dei Filosofi, sempre occupato, gli amministratori, hanno pensato di fare un altro flipper in piazza della Vittoria . Bisogna riconoscere l'impegno degli amministratori invece che criticarli sempre . W l'Italia !

roberto angeli

1 mese fa

Volevo solo ricordare che anni fa passando a piedei davanti lo spertello del cittadino stavano ultimando la rotatoria adiacente , e cera un pensionato che conocsco che stava guardando i lavori,io guardando la rotatoria e immaginando gli autobus e camion dissi al pensionato, ma centrano i mezzi pesanti a farte il giro? Il pensionato mi rispose; bhe ti pare c'erano anche giorni fa a prendere le misure!!! Bhe ricordo benissimo che 2 giuorni dopo fu completamente rifatta la rotatoria xche troppo piccola x i mezzi pesanti. Speriamo almeno che questa nuova viabilità non sia opera di chi ha progettato la prima rotatoria. A proposito di dare una piccola sistematina all'asfalto davanti a treccia no è, manco quando vado a caccia sento la strada così scassata. Spoleto citta bellissima e disgraziata. Grazie e saluti a tutti.

Maurizio Luciani

1 mese fa

Buongiorno, direttore, fermiamo questo ennesimo sperpero di denaro pubblico, il ponte sabguinario va portato alla luce, valorizzato ed inserito in un percorso archeologico unitamente all'anfiteatro, chiudendo quasi tutta la circolazione a Piazza della Vittoria. Blocchiamo la rotatoria, dr.ssa Tombesi fermi questo progetto, anche con l'ex sindaco avevamo messo nel programma amministrativo la valorizzazione del monumento del 1* secolo A.C.. dopo Ecomostro, palazzo Tattini, palatenda x 99 posti, area di Piazza d'armi x mancato acquisto, ecc. Utilizziamo i soldi pubblici per aumentare il nostro patrimonio culturale. Dr. Maurizio Luciani

luc

2 mesi fa

Infatti quella specie di snodo per andare alla discarica a s.chiodo e un vero guazzabuglio !

Gianni Angelini

2 mesi fa

Cambiano i musicisti ma la musica è sempre la stessa,Santo Chiodo è sempre dimenticato,la rotonda per andare alla discarica è intransitabile,via delle industrie invasa nei marciapiedi da erba alta più di un metro,se prima era un dramma, ora grazie alla lega e FDI un vero disastro.

Pedone.

2 mesi fa

Il progetto giusto per rivitalizzare il Ponte Sanguinario è quello di riportarlo alla luce.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.