cronaca

Il Festival dei Due Mondi a confronto con le associazioni di categoria

 

Sul tavolo le iniziative da attuare, in maniera sinergica, per sfruttare tutte le potenzialità della manifestazione. Prevista l'apertura di un museo

 

La direttrice artistica Monique Veaute ha incontrato oggi le associazioni cittadine di categoria per definire le linee guida di un protocollo d’intesa sullo sviluppo futuro del Festival dei Due Mondi. Hanno partecipato: Tommaso Barbanera (Associazione Commercianti Confcommercio di Spoleto), Mario Filippi Coccetta (Confindustria Perugia), Stelvio Gauzzi (Confartigianato Imprese Perugia sezione di Spoleto), Carla Contenti (Federalberghi), Mauro Storri (Associazione Nuova Confesercenti), Giovanni Maria Angelini Paroli (Confagricoltura sezione Spoleto e Presidente ANGA giovani di Confagricoltura), Annalisa Reale Mastrolia (Associazione Agriturismo Spoleto) e Carlo Dello Storto e Matteo Filippi (Conspoleto).

Erano presenti la direttrice amministrativa Paola Macchi e la nuova responsabile marketing e biglietteria Manuela Fraschetti. Monique Veaute ha sottolineato: “Il ruolo di un Festival è da sempre quello di valorizzare un territorio e le sue eccellenze. Una realtà culturale deve avere un rapporto forte con tutte le categorie economiche e non essere una cattedrale nel deserto. La scienza dell’economia della cultura ci ha dimostrato più volte quale impatto possa avere un Festival sulla città. Il patrimonio del Festival va reso disponibile al pubblico e valorizzato perché possa vivere tutto l’anno ed essere ulteriore volano di crescita e di sviluppo socio-economico. Sento un grande entusiasmo intorno, mi auguro che tutte le istituzioni facciano la loro parte per il bene del Festival dei Due Mondi”.

A Spoleto c’è una tradizione fatta di artigianalità per la realizzazione di costumi, scene, di sartoria che va valorizzata. Questa professionalità di eccellenza deve essere recuperata, sia in una ottica di ripresa della produzione per il Festival, sia con la nascita di un nuovo spazio, il “Museo dell’effimero”, che metta in mostra il patrimonio di oltre sessant’anni di Festival e ne celebri la storia. L’incontro getta le basi di un accordo perché tutte le categorie lavorino in sinergia con il Festival per lo sviluppo della città e del territorio.



I commenti dei nostri lettori

A braccetto tra collaborazione e ottimismo.

1 mese fa

La Signora Monique Veaute, oltre al carattere, sembra avere la stoffa giusta, le idee chiare e le qualità necessarie per rilanciare in grande spolvero il Festival. Quindi, dal territorio e dalla cittadinanza, merita tutto il sostegno possibile affinché la manifestazione possa raggiungere e superare il livello culturale, turistico ed economico che fu di un tempo. Non è escluso che, mettendoci un po'di fantasia e un po' di impegno da parte dei cittadini residenti, possono nascere delle nuove iniziative e delle nuove attività che se realizzate potrebbero dare ossigeno all'economia locale tutto l'anno. Dunque, una bella rinfrescata, su la schiena e forza e impegno!

Rosario Murro

1 mese fa

Mi congratulo con la nuova Direzione del Festival Due Mondi di Spoleto per le novità ed i progetti presentati, pongo una domanda: che fine abbia fatto la Vertenza dei Precari Tecnici a conoscenza del Ministero dei Beni Culturali e della Regione Umbria, non vedendo notizie in merito essendo stato sempre molto sensibile a questo tema, come si evince dai citati Articolio e Comunicati Stampa? Grazie. Rosario Murro https://www.duemondinews.com/precari-del-festival-rosario-murro-parola-dordine-solidarieta/ http://umbrianotizieweb.it/politica/25673-spoleto-festival-dei-due-mondi-tecnici-precari-murro-fdi-parola-d-ordine-solidarieta2 https://oltrelasomma.it/07/10/2020/murro-fdi-festivcal-dei-due-mondi-tecnici-precari-ancora-in-quarantena/

Roberto Ranucci

1 mese fa

Partenza molto buona. Finalmente un direttore artistico con le idee chiare.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.