società

Doppia vetrina per i siti Unesco

 

L'Associazione Italia Langobardorum parteciperà al Salone dell’archeologia e del turismo culturale e al Cast di Firenze

 

Riprende con il nuovo anno il calendario di eventi promozionali 2024 dell’Associazione Italia Langobardorum, che prenderà parte a TourismA, il prestigioso Salone dell’Archeologia e del Turismo Culturale in programma a Firenze dal 23 al 25 febbraio; e a C.A.S.T. - Convegno di Archeologia Storia e gioco da Tavolo che si terrà l’1 e il 2 marzo sempre a Firenze.

Nell’ambito di TourismA, evento organizzato da Archeologia Viva (Giunti Editore) con finalità di divulgazione e confronto di tutte le iniziative legate alla comunicazione del mondo antico e come occasione ideale di incontro tra operatori e appassionati del settore, i rappresentanti dell’Associazione Italia Langobardorum interverranno, sabato 24 marzo alle ore 11.30, al convegno sul tema “Gaming e promozione Unesco. Tra Minecraft e giochi di ruolo fantasy”.

Il momento di dibattito e confronto, in programma presso la Sala Onice del Palazzo dei Congressi di Firenze (Firenze Fiera, piazza Adua 1), moderato da Francesca Morandini della Fondazione Brescia Musei e Armando Pederzoli, funzionario del Comune di Brescia e responsabile progetti per l’Associazione Italia Langobardorum; vedrà gli interventi di Danilo Chiodetti, Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum e assessore alla Cultura del Comune di Spoleto, Arianna Petricone, responsabile della segreteria tecnico-scientifica e del coordinamento del sito seriale per l’Associazione Italia Langobardorum, Maria Stovali funzionaria del Comune di Spoleto e responsabile dei progetti per l’Associazione Italia Langobardorum e Marco Vigelini, CEO Maker Camp, Carlo Piloni, project manager di Gummy Industries e Giovanni Manzoli, Business unit manager di Gummy Industries.

L’incontro, che verrà strutturato come una tavola rotonda per favorire lo scambio di idee e il dialogo tra i relatori, sarà focalizzato sul ruolo e le potenzialità del gaming nelle strategie di promozione del patrimonio archeologico; durante l’incontro verranno illustrati i recenti progetti elaborati, in questo specifico ambito, dall’Associazione Italia Langobardorum, grazie all’utilizzo di fondi ministeriali e con l’apporto di specialisti, per valorizzare e promuovere il sito seriale UNESCO “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d. C)” con la duplice finalità di attrarre nuovi visitatori nei sette gruppi monumentali italiani appartenenti al sito seriale e, nel contempo, favorire la conoscenza della civiltà dei Longobardi in Italia, considerata dagli storici come il punto di sintesi tra l’eredità romano-classica e l’apporto culturale germanico nel periodo di transizione tra il tardo-antico e l’alto Medioevo.

Il secondo appuntamento sarà la partecipazione al C.A.S.T. - Convegno di Archeologia Storia e gioco da Tavolo, organizzato sempre a Firenze dall'Associazione Ricreativa Culturale Let's Dig Again con il patrocinio dell’Associazione Italia Langobardorum e rivolto a ricercatori, specialisti del settore e amanti dei giochi da tavolo, giochi di ruolo e librogame di ispirazione e di ambientazione storica. L’obiettivo del convegno è di comprendere, se e in che misura, il gioco può rivelarsi uno strumento valido per avvicinare il grande pubblico a temi di carattere scientifico.

Nella giornata di venerdì 1° marzo alle ore 15.30, negli spazi di Le Murate Caffè Letterario (piazza delle Murate, Firenze), una delle due sedi in cui si svolgerà il C.A.S.T., è in programma la presentazione di “Prima che il Gallo Canti”, con l’intervento di Arianna Petricone, responsabile della segreteria tecnico-scientifica e coordinamento del sito seriale dell’Associazione Italia Langobardorum, Marco Vigelini, CEO Maker Camp, Carlo Piloni, Project Manager di Gummy Industries e Giovanni Manzoli, Business Unit Manager di Gummy Industries.

Nel corso degli interventi sarà illustrato al pubblico “Prima che il Gallo canti”, progetto ideato da Italia Langobardorum e sviluppato in collaborazione con Gummy Industries, che fa incontrare il gioco di ruolo con il mondo dei Longobardi e si configura come un’avventura, scaricabile e giocabile in autonomia, ispirata alla realtà di “Dungeons & Dragons”, il gioco di ruolo fantasy più conosciuto al mondo; l’originalità del progetto è di aver ambientato la trama al tempo della dominazione longobarda in Italia, tra il 568 e il 774 d.C., all’interno di una comunità monastica che assiste al verificarsi di inspiegabili sparizioni, tra creature fantastiche e cavalieri.

In occasione del secondo giorno di C.A.S.T., sabato 2 marzo, interamente dedicato alla pratica dei giochi di ruolo, presso la sala Pasquini delle Murate Idea Park (piazza Madonna della Neve), ci sarà l’opportunità per gli appassionati di giocare dal vivo l’avventura “Prima che il Gallo canti”, con inizio alle ore 15, in uno spazio predisposto e allestito con tavoli da gioco. La partecipazione richiede l’iscrizione gratuita al seguente link: https://www.eventbrite.com/o/lets-dig-again-77775261333.

L'Associazione Italia Langobardorum, struttura di gestione del sito seriale formalmente costituita nel 2009 dai Comuni di Benevento, Brescia, Campello sul Clitunno (PG), Castelseprio (VA), Gornate Olona (VA), Cividale del Friuli (UD), Monte Sant’Angelo (FG), Spoleto (PG) e dal Ministero della Cultura, si occupa di avviare, coordinare e monitorare le azioni di rete relative alla valorizzazione e promozione del sito UNESCO, con un occhio di riguardo alla sensibilizzazione delle comunità locali e alla promozione dello sviluppo socio-economico, perseguito con il supporto degli uffici di coordinamento locale, istituiti dai comuni, e anche attraverso partenariati con soggetti pubblici e privati diversi, al fine di ampliare e sviluppare sempre di più la rete longobarda in un percorso organizzato di interazioni con gli stakeholder dei territori.



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.