società

Sos aree verdi

 

Lanciata una raccolta firme per chiedere alle Istituzioni di valorizzare Villa Redenta, i giardini dell’Ippocastano e piazza della Vittoria

 

Sono già più di 250 le persone che hanno deciso di sottoscrivere la campagna lanciata dal comitato verde pubblico sul sul sito Change.org al fine di chiedere alle Istituzioni di valorizzare Villa Redenta, i giardini dell’Ippocastano e piazza della Vittoria.

"Questa raccolta firme ha l’obiettivo di portare all’attenzione dell’opinione pubblica di Spoleto una richiesta piccola e di buon senso, ma che sappiamo trovare grande consenso almeno in larga parte della popolazione, ovvero di dotare la città di adeguati spazi verdi attrezzati, per migliorare la qualità della vita di tutti e offrire dei luoghi di socializzazione a tutte le fasce della popolazione, in particolare i giovani e i giovanissimi. Più nello specifico, con questa lettera proponiamo la valorizzazione di tre luoghi:

L’installazione di un’area giochi per bambini a Villa Redenta

La nostra proposta riguarda la creazione di un piccolo numero di giochi per bambini sul prato grande alle spalle della struttura dedicata a Ostello dei giardini di Villa Redenta. Crediamo che il parco sia uno spazio dalle enormi potenzialità ma gravemente sottoutilizzato, e che la semplice installazione di alcuni giochi per bambini, insieme a una normale attività di manutenzione, a fronte di un investimento modesto potrebbe stimolare una grande frequentazione di bambini con famiglie, che ad oggi nella parte bassa della città possono contare quasi solo sugli esigui spazi gioco del Viale della Stazione. Creare uno spazio fruibile per le famiglie potrebbe mettere in moto un percorso virtuoso di rivitalizzazione della Villa, primo passo per far tornare la frequentazione del Parco non solo da parte delle famiglie, ma anche di ragazzi e adulti di ogni età. Precisiamo che siamo consapevoli che Villa Redenta è uno spazio di valore storico e architettonico, ma siamo convinti che -con un’adeguata progettazione- sia possibile la realizzazione di un progetto compatibile con le caratteristiche del luogo.  Crediamo che questo piccolo intervento possa entrare nel solco del più ampio piano di valorizzazione del complesso, già intrapreso dalla Provincia di Perugia e dal Comune di Spoleto:

Abbiamo messo questa proposta al primo posto perché Villa Redenta è un luogo simbolo della città, con grandi potenzialità per tutto il tessuto urbano, che in passato ha avuto un ruolo catalizzatore ma che oggi è davvero poco frequentato, a fronte di parchi in altre città dell’Umbria, come il parco delle Canapè a Foligno o il parco La Passeggiata a Terni (ma l’elenco potrebbe essere lungo), dalle caratteristiche simili ma frequentati in ogni periodo dell’anno da un gran numero di famiglie, studenti, scolaresche. 

L’ampliamento e la riqualificazione dei giochi ai giardini dell’Ippocastano

I Giardini dell’Ippocastano, ai piedi dell’ex convitto lungo viale Matteotti, meritano un intervento di riqualificazione, che parta banalmente proprio dall’ammodernamento dell’area giochi, da anni in condizioni di degrado e abbandono. Questi giardini sono il cuore verde del centro storico della città, nonché il biglietto da visita per i turisti considerata la loro ubicazione nella passeggiata di ingresso alla città, di fronte al parcheggio di Spoletosfera.

Anche in questo caso, però, l’intera area verde è perennemente vuota, in condizioni di totale abbandono. Al tempo stesso l’area giochi che si trova nel sottostante parco Chico Mendes è resa poco fruibile dal degrado, riducendo ai minimi termini il numero di persone che ne fruiscono. 

La riqualificazione dei giochi nei giardini dell’Ippocastano, esposti al sole e al passaggio dei turisti, può dare impulso e far tornare a vivere l’intero parco in tutte le stagioni, dando a Spoleto l’immagine che merita di città con una grande qualità della vita, a misura delle famiglie e dei più piccoli. 

Abbiamo in mente, in questo caso, esperienze virtuose come quella del verde attrezzato del centro di Trevi, che - pur essendo un piccolo parco giochi - è estremamente frequentato in ogni periodo dell’anno da famiglie del luogo e da tantissimi turisti di passaggio. Ma l’elenco potrebbe essere lungo, e costellato da tante città turistiche che sanno valorizzare le proprie aree verdi anche in funzione di accoglienza per le famiglie (e non solo) che visitano la città.

Anche per i giardini dell’Ippocastano pensiamo che la riqualificazione dell’area giochi possa rientrare nel solco del grande intervento di ripristino e riqualificazione in atto per il Parco Chico Mendes e la zona del bocciodromo, già finanziato dal PNRR al Comune di Spoleto.

Un verde attrezzato per Piazza della Vittoria

Crediamo infine che il progetto di riqualificazione generale che è stato avviato in Piazza della Vittoria, e che avrà ulteriori sviluppi con la riqualificazione dell’area attualmente occupata dagli ex bagni pubblici, con l’area del Ponte Sanguinario e con i progetti per la pista ciclabile lungo il Tessino, possa essere un’occasione preziosa per estendere e riqualificare l’attuale verde attrezzato dell’area giochi per bambini.

Includere nel progetto anche la riqualificazione dell’attuale area giochi, creando un piccolo polmone di verde e vitalità in uno dei principali centri nevralgici della città come Piazza della Vittoria, può avere un grande impatto su tutta la parte bassa del centro storico, aumentando l’attrattiva per le famiglie e per i ragazzi, con ricadute su tutte le aree commerciali limitrofe (la stessa Piazza della Vittoria, ma anche l’area di Piazza Garibaldi e di Viale della Stazione.

Cosa chiediamo

Dal nostro punto di vista Spoleto dovrebbe puntare su due aspetti: 

- la qualità della vita

- la creazione di luoghi di socializzazione

Spoleto deve tornare ad essere sempre di più una città attrattiva per i giovani, dove risiedere, investire, costruire il proprio futuro.

Crediamo che la città debba investire su questo, per gettare le fondamenta su cui costruire il proprio senso di comunità e di appartenenza, e guardare a sfide più ambiziose, come l’invecchiamento della popolazione, la sfida per l’ospedale, la fuga dei giovani, la carenza di investimenti o la crisi del commercio.

Da qualche parte dobbiamo pur iniziare, e pensiamo che il modo giusto per farlo sia anche offrire piccole cose che - a fronte di investimenti relativamente modesti - possono avere un grande impatto, colmando un vuoto che da anni è lamentato da centinaia di persone, genitori in particolare, che avvertono e soffrono il paradosso della mancanza di spazi verdi in una città come la nostra, che della natura e della vivibilità dovrebbe fare la propria bandiera. Chiediamo quindi che i progetti di riqualificazione delle tre aree tengano conto della necessità di dotare la città di adeguati spazi verdi e di socializzazione e invitiamo tutta la città a una riflessione su questo tema". 



I commenti dei nostri lettori

Spoletino

16 giorni fa

Per quanto riguarda villa redenta,il parco è della provincia, e vi garantisco che ultimamente è molto frequentato dagli adolescenti, il parco Cico Mendes, sarà riqualificato con il progetto del nuovo palazzetto, piazza vittoria va sicuramente riqualificata, ma va potenziato e riqualificato pure il parco del viale della stazione. Ma con questa amministrazione,le firme andrebbero raccolte per mandarli a casa.

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.