società

In moto alla scoperta dell'Appennino

 

Dal 14 giugno al via la manifestazione che consentirà ai centauri di tutta Italia di scoprire il territorio e degustare le eccellenze enogastronomiche

 

Si intitola “Umbria Raid Experience” la manifestazione che, dal 14 al 16 giugno, consentirà agli appassionati delle due ruote a motore di ammirare gli angoli più belli e degustare le eccellenze enogastronomiche del territorio. “L’obiettivo - spiega l’associazione sportiva ‘Campello inMoto’ che in questi giorni si sta occupando di ogni aspetto organizzativo dell’iniziativa - è quello di far conoscere agli iscritti i luoghi nascosti e meno conosciuti dell’Appennino, che rappresentano delle vere e proprie perle naturalistiche e paesaggistiche, nonché di rilevante interesse storico, artistico e culturale, attraverso percorsi fuori dalle rotte comuni per vivere l’Umbria, le sue montagne e le sue valli da un punto di vista privilegiato: in sella alla moto”.

Per l’occasione, sono stati ideati due diversi tracciati: il “fuoristrada” (ovvero un tour di 350 km “tra sterrati e paesaggi mozzafiato”) e lo “stradale” (che si svolgerà lungo le “sinuose strade della regione alla scoperta di castelli e borghi caratteristici” per un totale di 370 km). A Pettino, inoltre, verrà aperta una “mototendata” con area ristoro e village aperta a “tutti i motociclisti amanti della natura, dell’amicizia e della voglia di condividere le proprie esperienze intorno ad un fuoco e sotto le stelle”. Sottoscritte, poi, specifiche convenzioni con alcune strutture ricettive situate a Campello, Settecamini, Casaline e ad Acera tra affittacamere, agriturismi, alberghi, B&B e country house.

Una proposta quanto mai ampia, quindi, tesa a rendere ancor più appetibile la rassegna agli occhi degli appassionati delle due ruote a motore. “Oltre a farci condividere con i partecipanti la stessa passione per le moto - spiega la ‘Campello inMoto’ - ci dà la possibilità di promuovere il moto turismo in Umbria, facendo scoprire con il tour a stretto contatto con la natura, non solo le ricchezze e la conservazione dei luoghi d’interesse storico-culturale-ambientalistico che il nostro territorio può vantare, ma anche far assaporare i prodotti tipici”.



I commenti dei nostri lettori

Non è presente alcun commento. Commenta per primo questo articolo!

Dì la tua! Inserisci un commento.







Disclaimer
Ogni commento rappresenta il personale punto di vista del rispettivo autore, il quale è responsabile del suo contenuto.
Spoletonline confida nel senso di civiltà dei lettori per autoregolamentare i propri comportamenti e si riserva il diritto di modificare o non pubblicare qualsivoglia contenuto che manifesti toni o espressioni volgari, o l'esplicita intenzione di offendere e/o diffamare l'autore dell'articolo o terzi.
I commenti scritti su Spoletonline vengono registrati e mantenuti per un periodo indeterminato, comprensivi dei dettagli dell'utente che ha scritto (Ip, email ecc ecc). In caso di indagini giudiziarie, la proprietà di Spoletonline non potrà esimersi dal fornire i dettagli del caso all'autorità competente che ne faccia richiesta.