Spoletonline
Edizione del 21 Ottobre 2017, ultimo aggiornamento alle 15:41:32
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Punto Salute Foligno
Spoletonline
Adcomm
cerca nel sito
Civico 53
Aldo Moretti S.r.l.
The Friends Pub
Fondazione Giulio Loreti
Parafarmacia Serra
Vus Com
Libreria Aurora
Centro Dentistico Cristina Santi
Mrs Sporty
Pc Work
Lavanderia La Perfetta Self
SUPERMERCATI DELLA CONVENIENZA
TWX Evolution
Caccia Pesca Fuochi d'Artificio
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Agriturismo Colle del Capitano
Ristorante Albergo LE CASALINE
Spoleto Cinema al Centro
Stampa articolo

Spoleto - Inquieto vivere, 03 Aprile 2012 alle 20:30:41

Chirurgia urbanistica: Piazza Campello...

... ovvero come ti preparo il campo per la 'linea Spoleto' [Fotogallery, Commenti]


Tommaso Speranza

Un comunicato del Comune giunto in redazione il 19 marzo scorso parlava di "un progetto per valorizzare l'immagine e l'arredo urbano di Spoleto per (...) mettere ordine - da un punto di vista visivo - nel centro storico della città". Si trattava dell'ormai famosa "linea Spoleto", definita "un


articolato lavoro progettuale" che dovrebbe quindi trasmettere coerenza di stili e materiali nell'arredo del centro. E fin qui è tutto bello. Il problema nasce quando ad esempio le piazze, ovvero le "stanze" più importanti da arredare, presentano di per sé elementi che niente hanno a che fare con i concetti di ordine e coerenza. Se poi queste stanze sono di recente ristrutturazione le cose si mettono davvero male e la "linea Spoleto" rischia di trasformarsi in uno sconnesso tratteggio.
Prendiamo Piazza Campello... fresca di chirurgia urbanistica, lavoro molto esteso che avrebbe dovuto "mettere ordine da un punto di vista visivo"fra lo stile delle zone limitrofe e la piazza stessa. Vediamo com'è andata...
Salendo da Piazza del Municipio, peraltro martoriata nella pavimentazione, si dice, dal gelo dell'ultimo inverno (anche se c'è chi giura che il danno lo abbia causato il bobcat che lo ha rimosso...), arriva subito il primo cambio di rotta. Si passa dal mattone rosso e ciottolato - tipico di tutti i restyling fin qui eseguiti - a ciottoli e lastroni scuri. Non un granchè, anche perché nella brusca successione di materiali varia pure la larghezza della "guida" centrale. Lo stesso motivo prosegue poi per Vicolo della Basilica da una parte e muore dall'altra in una sorta di "imbuto" che immette a Piazza Campello.
Ed è qui che si consuma l'inconcepibile... Il piccolo giro attorno al monumento ai caduti vede, sul lato che dà verso i giardini, un muretto/seduta al quale gli esperti danno non più di un anno di vita. Già, perché i mattoni utilizzati, non essendo stati messi "a coltello", uno dei rarissimi casi in città a quanto pare, rischiano di creparsi e spaccarsi in pochissimo tempo. Inoltre, non essendo stati posti più in alto rispetto all'aiuola e la terra che dovrebbero invece arginare, si potrebbero ritrovare, in caso di forti piogge, in un bel fango rassodante, nonchè "inzozzante". Ah, di fianco la fontana del mascherone è stata trasformata in una piscina a raso... Nel frattempo ci permettiamo di ricordarvi il passaggio che recita "per (...) mettere ordine - da un punto di vista visivo - nel centro storico della città". E' importante tenerlo a mente.
Infatti non è tutto. L'area del monumento ai caduti si orna anche di due mini-marciapiedi (addio ad un bel po' di posti macchina) composti da mattoncini che in piccolo richiamano i lastroni di cui sopra. Lo stesso marciapiedino prosegue in discesa (addio ad un bel po' di posti macchina) verso Via Saffi, ma con una variante a cui due studi tecnici da noi interpellati non hanno saputo dare spiegazione: mentre dal lato destro i mattoncini proseguono fino a Palazzo Arroni (addio ad un bel po' di posti macchina) dall'altro, all'altezza dell'ingresso per i giardini, il motivo si spezza improvvisamente per tornare ai mattoni rossi e ciottolato abbandonati in Piazza del Municipio. Non vorremmo dirvelo, ma in realtà i due studi consultati hanno dato una risposta, e perdipiù la *stessa*, con le *stesse* parole. Inquietante. "O gli sono finiti i mattoncini, o gli avanzava il ciottolato..." . La sottile linea della coerenza finisce in via Saffi, ora chiusa per rifacimento di quel manto stradale che aspettava dal maggio 2011, ovvero dalla fine della prima tranche di lavori del Pir. Nel frattempo, per quasi un anno (Festival compreso), per (...) mettere ordine - da un punto di vista visivo - nel centro storico della città è stata proposta così. Viva la chirurgia urbanistica e la "linea Spoleto".



 



Commenti (26)

Commento scritto da alessio il 03 Aprile 2012 alle 22:00
Benvenuti al Gran premio del Maschrone...



Commento scritto da Rita Correnti il 03 Aprile 2012 alle 23:22
Non ci sono commenti da fare: le immagini parlano da sole!

Chissà se si può organizzare una class action residente. Comunque il caso è da denuncia. Penale, per danno contro il patrimonio pubblico e abuso di posizione. In via del Mercato per anni era esposto un progetto riassuntivo ma incompleto del PIR con tanto di cronoprogramma! Niente rendering. Già si prospettava la sorpresa: purtroppo durerà oltre Pasqua...



Commento scritto da Stefano Scimiterna il 03 Aprile 2012 alle 23:25
...Alla faccia di chi afferma...... "Bè!!... Bene o male stanno facendo!!!!......"

E' si.... ma come al solito si fa come se la città fosse di Loro proprietà..... O le risorse credono che siano le Loro.... Non ho ancora capito bene le dinamiche, se sono più incompetenti....furbi....o peggio ancora pensano che Noi Cittadini abbiamo l'anello al naso!!!............

Comunque Loro affermano che sono.... "ordinari lavori....", a mio giudizio invece sono straordinariamente schifosi!!!


Commento scritto da Tebro Politi il 03 Aprile 2012 alle 23:55
Shttttttttttttttttttttttttttttt...come vi permettete? Redazione...commentantori......cittadini!!! Non dite queste "assurdità" altrimenti l'assessore......:PENSA MALE!!!!! :)


Commento scritto da poeta il 04 Aprile 2012 alle 00:15
MA QUESTI PSEUDO PROGETTISTI IL DIPLOMA LO HANNO PRESO CON I PUNTI DELLA MIRA LANZA..O REGALANDO PROSCIUTTI STAGIONATI?


Commento scritto da Stefano Laurenti il 04 Aprile 2012 alle 00:41
Da spoletino, innamorato di Spoleto, non posso che sperare in un futuro in cui la città si possa liberare dai politici.... da tutti i politici... per essere governata da chi ha veramente a cuore l'immenso patrimonio che essa rappresenta. Se l'Italia può avere un governo tecnico (e spero che duri) perché Spoleto non può avere un governo civico? E magari civile e dotato di buon gusto?

Io abito nella "lontana" Campello ormai (dove in fatto di obbrobri non siamo secondi a nessuno.. vedi la Piazza della Bianca) e non potrò spendere il mio voto ma sarò vicino a chiunque farà qualcosa per la mia città..... con profonda riconoscenza..!!!! E ringrazio già ora chi si sta impegnando in questa sacrosanta battaglia contro i vandali del terzo millennio..!!!


Commento scritto da Patrizio il 04 Aprile 2012 alle 07:42
A quanto pare, a tutti sfugge il core, il nucleo, la ciccia, er sodo a cui bada il direttore: i posti macchina, di cui per tre volte lamenta la progressiva scomparsa.

Come se le decine di auto parcheggiate a coda di gatto non inzozzassero (cit. e pure sic) la piazza tanto quanto l'ipotizzato fango


Commento scritto da Ostunese il 04 Aprile 2012 alle 08:48
Dopo migliaia e migliaia di anni ancora stiamo cercando di capire come facevano i nostri antenati a realizzare quelle opere che oggi ci sbalordiscono. I nostri posteri, per migliaia e migliaia di anni dopo di noi, non riusciranno a capire come abbiamo fatto a pensare ed in alcuni casi a realizzare minchiate tanto assurde. Forse ne guadagneremo del fatto che nulla o poco restera' nel giro alcuni anni.


Commento scritto da Monica il 04 Aprile 2012 alle 09:42
Come avevo anticipato nel commento di ieri ciottoli da una parte e lastre dall'altra, via del Municipio mattoni rotti, pietra e ciottoli...tremo per i giardini...cosa riusciranno a fare? e ancora,,, cosa possiamo fare per rimediare? Loro fanno i danni e noi ne subiamo le conseguenze. Temo che al di là della fondatissima polemica attuale tutto passerà in cavalleria come sempre...purtroppo non c'è difesa


Commento scritto da Ugo il 04 Aprile 2012 alle 09:57
Patrizio, cambia le ventose. Non ti sorreggono più, stai scivolando sul..... banale!!!!!


Commento scritto da patrizia perugini il 04 Aprile 2012 alle 10:00
cronaca dell'ennesimo scempio annunciato, si potrebbe dire, per questo i cittadini devono ora chiedere con forza che i politici e i tecnici al governo di questa città evitino di mettere le mani anche su piazza del mercato e su qualsiasi altra cosa



Commento scritto da Max il 04 Aprile 2012 alle 10:02
@patrizio i posti macchina forse non servono perchè le macchine insozzano, forse fra 20 anni sarà possibile accedere al centro storico senza automobile, per ora è straordinariamente difficile per tutti quelli che in centro ci vorrebbero lavorare e vivere. In ogni caso fra un po' non saranno più necessari in quanto nessuno verrà più neanche a visitarla questa città che i nostri governanti stanno trasformando in un'accozzaglia di mostruosità che nessuno vorrà vedere. La disfatta per tutti noi è che ci sono miglaia di "patrizio" (senza offesa) che continueranno a votare per gli stessi "padroni" che anche se distruggessero la città sarebbero comunque bravi solo per la bandiera che portano.


Commento scritto da solospoleto il 04 Aprile 2012 alle 10:14
fate vedere la fontana del mascherone....assurdooo


Commento scritto da Paolo il 04 Aprile 2012 alle 10:23
Finalmente un articolo firmato dal direttore!! Ne sentivamo la mancanza. E come sempre, quando interviene lui, lascia il segno! BRAVO TOMMY!!! Un amico


Commento scritto da vista dalla loro parte il 04 Aprile 2012 alle 11:39
Possibile che nessuno si sia accorto che i risultati, della serie di lavori descritti, rappresentano fedelmente i pensieri, le sensibilità, i gusti, le capacità artistiche e le strategie, messe in atto dagli amministratori locali, per l'abbellimento e il bene della città?. Per i cittadini non è già un gran bel regalo poter ammirare, quotidianamente e gratuitamente lo "splendore" di tali opere, inserite con grazia ed armonia nel contesto della città? Ma signori! su via!..., avendo avuto questa fortuna perché lamentarsi? Non siamo stati noi, in fondo, ad averli ritenuti "i migliori nel luogo" ed avergli assegnato quel compito, come si usava fare, nel passato, con i grandi personaggi e artisti dell'epoca?. Perché, tutto ad un tratto, volerli privare di quella libertà "espressiva" della quale, con tanta generosità, li abbiamo insigniti? Eleggendoli a quel ruolo sono stati considerati " degli artisti" e ora, giustamente, con pieno diritto, tali si sentono di essere, Quindi, è logico, che ponendo il punto di osservazione dalla loro parte, non abbiamo nulla da recriminare. C'è solo da pazientare la conclusione delle opere, di prendere atto della loro riuscita, di ringraziarli per il loro impegno e per averci onorato della loro elevata espressione artistica che, dato i costi e le risorse, rimarranno a lungo come espressione della città. Se poi qualcosa dovesse disturbare i cittadini, perché diverge dai loro gusti, beh!, non rimane che mettersi il cuore in pace e convincersi che, per il momento, non si è in grado di comprendere.


Commento scritto da Stefano Scimiterna il 04 Aprile 2012 alle 14:39
@:vista dalla loro parte.

Mi auguro che a Spoleto ci siano pochi cittadini che la pensano come te.

La rassegnazione è la madre di tutte le mal'azioni!

Come un figlio che lo si iscrive in una scuola, ma si seguono attentamente tutti i programmi didattici e quanto questi vengano assimilati per contenuti e metodologia..., altrettanto un "cittadino attivo" ha il dovere nei confronti della propria città a prescindere dall'amministrazione di turno...!!

Spoleto non è una città giovane ed industrializzata, ma abbiamo una natura storica culturale monumentale e paesagistica, e la Nostra economia è basata sul Nostro patrimonio e su quanto ci venga riconosciuto!

Grazie comunque della Tua "personale opinione".



Commento scritto da monica il 04 Aprile 2012 alle 15:59
Credo anch'io credo che noi, comuni mortali, non siamo in grado di capire sì tanta arte.; purtroppo ho visto con i miei occhi i suddetti tecnici a consulto in Piazza Campello, forse, se non si fossero spremuti tanto per elaborare queste soluzioni artistiche ma avessero dato via libera al buon senso ore avremmo una piazza dignitosa e non un'accozzaglia di elementi e materiali improponibili.


Commento scritto da L'indignato il 04 Aprile 2012 alle 16:58
La cosa non mi meraviglia, del resto abbiamo avuto già da tempo delle chiare avvisaglie, ovvero su via dei fiosofi: chi si cimenta ne transitare i nuovi marciapiedi della via si accorgerà che, prima di raggiungere lo sportello del cittadino sono state cambiate non un, non due, ma addirittura cinque tipi di pavimentazione (di valore decrescente salendo dalla rotatoria), due tipi di cordoncini laterali ed altrettanti di dissuasori di parcheggio. In particolare all'incrocio prima del Largo dei tigli, sul margine delle strisce pedonali (disegnate tral'altro in piena curva), basta fare un giro su se stessi per verificare quanta fantasia ci sia dovuta volere per ottenere una tale varietà di forme dei pavimenti e colori delle colonnine. Per fortuna che il marciapiede non viene mai e sottolineo mai pulito e che quindi la sporcizia sta lentamente ricoprendo l'intera superficie, attenuandone l'impatto visivo.


Commento scritto da a Stefano Scimiterna il 04 Aprile 2012 alle 17:42
Non si offenda, ma credo che non ha capito una mazza!

Si rilegga con calma il commento e capirà che non divergo da lei e che è solo un'ironia. Cordiali saluti!


Commento scritto da Piero il 04 Aprile 2012 alle 17:46
Di tutto quello che dite: bello ,brutto, si spezzasse la punta della matita a chi l'ha progettato, ma chi ancidentaccio è? L'altro giorno scendevo dal giro della rocca verso piazza campello, saliva un'auto verso di noi, il signore non si è reso conto che la strada è la metà di prima, mi ha colpito con lo specchietto, mentre mia moglie e dovota salire sull'aiuola. DEFICIENTE TU CHE L'HAI PROGETTATO, MA ANCORA PIU' DEFICIENTE CHE L'HA APPROVATO, MA VI RENDETE CONTO DI CHE CAZZO AVETE COMBINATO? E' sparito il bordo della fontana, una volta alto 60cm , avete preso la laurea con i punti. Abbiate il coraggio di indire una pubblica discussione insieme a quei capiscioni che vi hanno dato il consenso. Non sarete mica gli stessi che hanno progettato la piazza della Bianca di Campello? se fosse così, allora ce l'avete con i Campello, considerando il fatto che avete distrutto due belle cose intitolate ai Campello. Se fossi in loro vi denuncierei.


Commento scritto da elencle il 04 Aprile 2012 alle 17:48
Vorrei che il Mascherone si tramutasse in una specie di Bocca della Verità che inghiottisse tutti gli amministratori responsabili degli oltraggi perpetrati a danno della nostra città...poi naturalmentegli occorerebbe una buona dose di citrosodina per digerire!!!


Commento scritto da ale72 il 04 Aprile 2012 alle 23:12
Cialtroni! CIALTRONIII!!!!

Vorrei capire se si può pretendere da questi cilatroni un risarcimento danni! In modo da far rifare questi lavori da dei professionisti capaci di valorizzare anzichè deturpare questa città. Ogni volta che vengo a Spoleto vedo sempre delle nuove "opere" che purtroppo ne cancellano progressivamente la sua bellezza! Se voi spoletini non cominciate a difendere con forza un patrimonio di tale valore, credo che presto perderete una buona fetta di turisti, qualità della vita..





Commento scritto da mi manda picone il 05 Aprile 2012 alle 10:21
Con tutte quelle che vi dicono non vi vergognate nemmeno un po', ma non l'avete un minimo di amor proprio, se fossi in voi non mi farei vedere più in giro


Commento scritto da solospoleto il 05 Aprile 2012 alle 10:25
ma che bisogna fare in questa città? Sono triste, affranto nel constatare come millenni di storia possano essere buttati letteralemnte nel cesso in 3 mesi. I barbari erano niente.

Vi chiedo e chiedo al sindaco. Cosa vogliamo farne di questa città? quali sono le idee di futuro (laddove ve ne siano) di Spoleto? Se è rimasto un minimo di ragionevolezza e di buon senso, perchè non si ha il coraggio di dire che si è sbagliato? perchè dire sempre "non ci capite, c'è qualcosa sotto, non vi lamentate, stiamo in crisi,non ci sono soldi"....

Non ci sono soldi e si continuano a sprecare, e a Spoleto siamo campioni.

Ora non rientro nei vari argomenti, sarebbero troppi, ma chiedo all'opposizione.

Avete fatto un esposto per la Casina e non fate niente per un danno come questo che si vede nelle foto dell'articolo???


Commento scritto da maestro il 05 Aprile 2012 alle 11:41
Piazza Pianciani sarà mai restituita alla nostra città?


Commento scritto da jean il 05 Aprile 2012 alle 14:14
RAGAZZI E' INUTILE COMMENTARE..QUESTE PERSONE SONO SENZA RITEGNO E NON HANNO NEMMENO IL CORAGGIO DI GIUSTIFICARSI,O DI PAVONEGGIARSI....


Aggiungi un commento [+]
Sicaf Spoleto
Ristorante La Pecchiarda
Ferramenta Bonfè
Bar Kiss
Performat Salute Spoleto
Aldo Moretti S.r.l.
Associazione Cristian Panetto
TWX Evolution
De.Car. Elettronica
Stile Creazioni
Bonifica Umbra
Principe
Lavanderia La Perfetta
Lavanderia La Perfetta
Perugia Online
Bar Moriconi
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
Supermercati della convenienza offerte speciali
Pizzeria Mr Cicci
Spoleto Cinema al Centro