Spoletonline
Edizione del 06 Dicembre 2019, ultimo aggiornamento alle 15:54:01
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Ristorante al Palazzaccio
Dottor Luigi GRAZIANI
Alimentari Di Cicco Pucci
Halo Respiro
Parafarmacia Serra
Ristorante Pecchiarda
Libreria Aurora
Fondazione Giulio Loreti
Pc Work
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Axis Italy
Shima Vernici
Tuber experience - Campello
Spoleto Cinema al Centro
Electrocasa Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
Stampa articolo

Spoleto - Cronaca, 26 Agosto 2016 alle 09:46:20

Terremoto, a Spoleto due nubi 'sospette' avvolgono la Italmatch. Paura fra i residenti

Gli eventi in concomitanza con le due violente scosse del 24 agosto mattina (3.36 e 4.30) [Commenti]


Dan. Ub.

Due eventi insoliti e inquietanti, due nubi "sospette" levatesi dalla Italmatch Chemicals nella notte del 24 agosto, in concomitanza con le due scosse sismiche delle 3.36 e delle 4.30, chiaramente avvertite in città. Lo segnalano alcuni residenti in abitazioni limitrofe all'azienda, che hanno potuto avvistare


dalle proprie finestre due nubi di enormi dimensioni levarsi sopra lo stabilimento. "La propagazione di ciascuna nube - raccontano - si è protratta ogni volta per circa mezzora , avvolgendo l'intero stabilimento e propagandosi nella città".


Il fatto che entrambi due eventi si siano verificati in perfetta coincidenza con le due scosse sismiche è motivo di grande preoccupazione fra i residenti, da tempo non proprio sereni all'idea di vivere a due passi da un'azienda chimica in pieno centro città. E' molto più che lecito supporre che le due emissioni non fossero affatto previste, dunque anomale.


"Spero - dichiara uno dei residenti - che questa coincidenza con l'evento sismico porterà ad un ulteriore approfondimento dei controlli su questa azienda che, al di là degli adeguamenti degli impianti tecnologici, resta organizzata all'interno di edifici vecchi e probabilmente non in linea con le più recenti normative antisismiche".


Come noto, la italmatch Chemicals è individuata dal Piano regolatore generale di Spoleto come realtà produttiva interamente da delocalizzare. Tuttavia, un'eventuale delocalizzazione comporterebbe delle spese oltremodo ingenti che l'azienda non ha mai dichiarato di volersi accollare e, soprattutto, il territorio spoletino non dispone di aree industriali adeguate alle esigenze di una tale realtà produttiva. Una realtà che, è bene ricordarlo, dà tuttora lavoro a decine di spoletini, ma che si trova anche entro un raggio di poche centinaia di metri da sei fra scuole elementari e asili.


Spoletonline rimane a disposizione della Italmatch Chemicals e dell'amministrazione per qualsiasi chiarimento vogliano fornire in merito, fermo restando il fatto che fino ad oggi le due perdite non erano state segnalate né dall'azienda né da altri soggetti "ufficiali".



Multiservizi Spoleto
Principe Store
Lavanderia La Perfetta
Cioccolateria Vetusta Nursia
Salute e Bellezza Tracchegiani
Azienda Modena


Commenti (16)

Commento scritto da Luke il 26 Agosto 2016 alle 11:04
Fuori la Italmatch una volta per tutte dal centro città.Bastaaaaaa!!!


Commento scritto da il tafano il 26 Agosto 2016 alle 11:08
non credo che ci sia da preoccuparsi, più di tanto. fabbricano marmellate.

l'impianto è classificato fra i più pericolosi in assoluto. ma se succede qualcosa tutti grideranno alla disgrazia. E' l'eterno ricatto salute - lavoro. io preferisco la salute.


Commento scritto da cittadino il 26 Agosto 2016 alle 12:59
chi deve andare fuori è chi ha comprato casa sapendo che c\'era questa fabbrica, ipocriti.................


Commento scritto da ex-spoletino il 26 Agosto 2016 alle 13:56
personalmente conosco due famiglie che abitavano nelle vicinanze che hanno perso per cancro il capo famiglia, dipendente Saffa, e poi si sono trasferite.

non ce vole un genio, basta fare la salitella

come si siano poi accordati e' affare loro ma certo li non c'e' una serra di fiori


Commento scritto da roberto il 26 Agosto 2016 alle 14:08
Io credo che non dipenda dal sisma. Avete mai notato la polverina gialla che ogni tanto con determinate condizioni di tempo e di vento si deposita in terra? Non so da dove viene, ma gli indizi portano tutti a....... Dicono pure che sia innocua (speriamo). Ad onor del vero mi pare che negli ultimi tempi i "rilasci" siano diminuiti così come l'acre odore dell'aria che mi è capitato di percepire parecchie volte nel cuore della notte o a ridosso dell'alba.

Detto questo incrociamo le dita, tanto da li non si muove.....


Commento scritto da giobatta il 26 Agosto 2016 alle 16:34
Si scrivono emerite stupidaggini da persone incompetenti,specialmente quando si dice che la ITALMATCH sta al centro della città,mi stupisce che venga detto anche da Ubaldi,LUKE E TAFANO DOVREBBERO CONTARE SINO A 1000 PRIMA DI SPUTARE MENZOGNE.


Commento scritto da cittadino preoccupato il 26 Agosto 2016 alle 17:33
Con ordinanza sindacale sono stati chiusi il ponte delle torri e il palazzo Collicola. Io credo che a maggiore ragione si debba intervenire disponendo la chiusura dello stabilimento fino a quando non sarà accertata la sicurezza dell'impianto.


Commento scritto da spoletino il 26 Agosto 2016 alle 18:10
La fabbrica sta li da cento anni le villette no, gli adeguamenti antisismici sono stati apportati. Se nn sapete di cosa state parlando tacete e pensate a quando con l inganno i costruttori vi hanno venduto le villette sulla " salitella " quindi nn siate ipocriti e rispettate il lavoro di 100 persone : Li non e mica lo stabilimento militare di baiano!


Commento scritto da il tafano 2 il 26 Agosto 2016 alle 19:56
a parte che io non sputo ( proprio per educazione) . il mio nome è IL TAFANO, e non dico bugie, e abito nel centro storico di Spoleto quindi al sicuro ( forse) .Tornando a noi che la ex saffa è un impianto pericoloso è fuori dubbio e lo ribadisco. A che servono i semafori sulla tangenziale, a che servono i cartelli che invitano i cittadini a seguire determinati comportamenti in caso di allarme.

Se invece non lo è, invito, il sig giobatta a provarlo non a parole ma con i fatti (documenti ufficiali )

il ricatto è certo Lavoro - Salute.

se delocalizzano decine di persone perdono il lavoro, questo è il fatto.

UN ULTIMA COSA PROBABILMENTE IL SIG GIOBATTA è UN DIPENDENTE


Commento scritto da Aurelio Fabiani il 26 Agosto 2016 alle 22:38
L'Italmatch sta al centro della città, come tutti quelli che conoscono la geografia sanno. Dei 39 mila abitanti del Comune( su 349 kmq), 19.000 risiedono tra Piazza Garibaldi e Ponte Bari ( nel Centro Storico sono circa 4.000), Ubaldi ha quindi perfettamente ragione e anche se la proprietà facesse, come sicuramente fa, tutto quello che è previsto dai protocolli sulla sicurezza, rimane un'industria ad "Alto rischio industriale" per il tipo di produzioni, pentasolfuro, sequisulfuro e fosforo, che sono, come è scritto nei piani di sicurezza, altamente tossici a contatto con l'aria, l'acqua e il terreno. La delocalizzazione in una area idonea nel comune di Spoleto, è una garanzia per gli operai e per gli abitanti. Premetto che stavolta non soprassederò a eventuali insulti come nel passato da parte di chi la pensasse ( come è giusto che sia) in modo diverso, ma agirò di conseguenza.


Commento scritto da fragolina di bosco il 27 Agosto 2016 alle 09:59
che cosa produce la italmatch?


Commento scritto da ex-spoletino il 27 Agosto 2016 alle 11:19
per 'spoletino'

La salitella a cui mi riferivo e' quella all'ingresso dello stabilimento.

All'epoca, parlo di trenta anni fa, nei paraggi c'erano solo poche villette di dipendenti e non e' una casualita' che poi se ne siano andati. Le motivazioni sono affar loro ma io sottolineavo che le famiglie hanno avuto perdite in famiglia. Tutto in sordina ma e' un segreto di Pulcinella.

Poi e' arrivato il geometra illuminato con la sua combriccola politica ed hanno lottizzato , il risultato e' quel che vediamo.

Come e' stato detto chi ha comperato li sapeva della esistenza della fabbrica e ha fatto una scelta.

Io per conto mio me ne sono andato.


Commento scritto da GB ANGELINI il 27 Agosto 2016 alle 11:22
HO LAVORATO 40 ANNI ALLA SAFFA-ITALMATCH,SONO IN PENSIONE DA 17 ANNI,RINGRAZIANDO IL CIELO NON SONO ANCORA MORTO, A DIMOSTRAZIONE CHE ALLA ATTUALE ITALMATCH NON SI MUORE TANTO FACILMENTE COME TANTI VORREBBERO FAR CREDERE.


Commento scritto da indignato il 27 Agosto 2016 alle 15:16
..siamo alle solite!

Nessuno chiede la chiusura..ma eventualmente una delocalizzazione,visto e appurato che il rischio ci potrebbe essere. Logico che i lavoratori difendono la "loro"azienda,ma non fatelo mai in maniera ottusa,quindi cercate di non mettervi mai a fare gli "avvocati del padrone"(multinazionale) che oggi vi dà guadagno e si arricchisce e poi un bel giorno......

Il non investire(soprattutto in sicurezza ) è la prima forma di business per questi benefattori.

Le vere aziende,e la vostra lo è,riescono a fare guadagno ricolocandosi,delocalizzandosi,rigenerandosi e creando anche migliori aspettative di vita. Chiedetelo anche voi.

Sarà anche una forma di contrattazione per vedere quanto realmente la multinazionale, crede in voi lavoratori.


Commento scritto da un altro ex spoletino il 29 Agosto 2016 alle 13:58
Rilocare le industrie nell'era post-industriale dovrebbe essere una questione di ordinaria amministrazione, oltretutto se si tratta di una produzione così pericolosa.



Ma in Italia come ben sappiamo il concetto di prevenzione è anomalo, si aspetta sempre che ci sia prima l'incidente a mettere d'accordo tutti. Comunque sarei curioso di vedere il piano regolatore...


Commento scritto da Marco il 01 Settembre 2016 alle 09:28
Quante cavolate sto leggendo in questo post!partiamo da un presupposto italmatch risiede li dal 1928 e se andate a vedere le foto di viale Marconi e viale della stazione erano Campi Di Terra quindi li la colpa è di chi ha fatto costruire!poi morti nn ne ha mai fatti quindi prima di giudicare guardatevi le foto e informatevi xke io queste catastrofi che dite nn le ho mai sentite!cmq ecco come siamo noi Spoletini apriamo bocca e diamo fiato!!lasciamo in pace l italmatch e chi ci lavora xke 100 e più famiglie le sfama!


Aggiungi un commento [+]
Trattoria dei Paesi Nostri
Spoleto Cinema al Centro
Marco Post Spoleto
Yves Rocher
Il Pianaccio
Visit Scheggino
SERFIN - Annuncio di LAVORO
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
La Fabbrica del Gelato
Bar Moriconi
Associazione Cristian Panetto
Caffè dell'Angolo
Bar ristorante Belli - Spoleto
Terminal alle Mattonelle
Centro Medico Giulio Loreti
Bar delle Miniere
Bonifica Umbra