Spoletonline
Edizione del 18 Dicembre 2018, ultimo aggiornamento alle 20:05:11
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Spoletonline
cerca nel sito
Pc Work
Il Calzolaio
Ristorante Pecchiarda
Electrocasa Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
La Piazzetta delle Erbe
AROF Agenzia Funebre
Libreria Aurora
Parafarmacia Serra
Centro Ottico Emmedue
Agriturismo Colle del Capitano
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Arte Infusa
Ristorante Al Palazzaccio
Spoleto Cinema al Centro
Norcineria Severini Perla
Tuber experience - Campello
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Stampa articolo

Politica, 07 Gennaio 2018 alle 09:53:01

Avviso di garanzia al sindaco di Norcia Alemanno, la Marini: 'Sono esterrefatta'

In un post su Facebook il presidente della Regione ha commentato la vicenda [Commenti]

"Sono davvero esterrefatta". Inizia così il post pubblicato su Facebook dal presidente della Regione Catiuscia Marini in merito all'avviso di garanzia ricevuto dal sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. 


"Sono 16 mesi che i Sindaci, i funzionari comunali e regionali, tanti dipendenti pubblici stanno gestendo quest'anno difficile di fase emergenziale. Ci sono state oltre 70.000 scosse sismiche in questi mesi, di cui ben 7 superiore al 5 grado di magnitudo e ben 1000 tra 4 e 5. La popolazione di Ancarano e' stata ricoverata per alcune settimane in una struttura precaria con bagni igienici esterni. Ora grazie ad una donazione di privati si sta realizzando una struttura che serve ancora alla fase emergenziale della vita di comunità. Sappiamo con certezza che alcune autorità ritengono che il Comune non avrebbe dovuto seguire regole emergenziali ma ordinarie per le autorizzazioni ambientali.... sinceramente se l'avviso di garanzia e' per l'autorizzazione ambientale nella gestione dell'emergenza sismica allora ci dimettiamo tutti gli amministratori pubblici che stiamo mettendo la nostra faccia con le persone a rappresentare lo Stato sul territorio!!!?.. nessuno di noi si vuole sottrarre ai controlli specie quelli della magistratura ma questa vicenda di Ancarano sembra una beffa. Io ed il Sindaco siamo saliti il 24 agosto e poi il 30 ottobre a vedere come stavano le persone con le case tutte distrute e riparate con una capanna di fortuna. Allora eravamo solo noi .... beh mi auguro che questa vicenda si chiarisca presto perché essere messi sotto inchiesta per realizzare strutture emergenziali di riparo (cntri sociali espressivamente previsti dal'ordinanza del Capo dipartimento protezione civile) per fare il più velocemente possibile e con qualità ci pare davvero troppo ....Sono sicura che il Presidente del Consiglio ed il Dipanrtimento di Protezione civile ci affianchino a fare luce su questa vicenda perché altrimenti qui nessuno si assumerà più responsabilità amministrative e gestionali!!


P.S : l'avviso di garanzia è stato mandato anche al Presidente della Pro Loco di Ancarano Venanzo Santucci, una persona perbene che si è data da fare dal primo giorno del sisma per la sua comunità, e all'Ing Tacconi direttore dei lavori.... Anche a loro la mia solidarietà e la richiesta di non smettere di credere alla generosita e all'impegno civico".



Il Macigno
Multiservizi Spoleto
Abbazia Albergo e Ristorante
Estetica Creola
Trattoliva Ristorante / Campello sul Clitunno
Lavanderia La Perfetta
Il Biologico Spoleto


Commenti (15)

Commento scritto da Roberto il 07 Gennaio 2018 alle 10:36
Meglio solo "pensare" che scrivere qualcosa su questa Procura per non rischiare di essere...indagati! Ricordo solo che il Presidente della Repubblica e Presidente del...CSM Mattarella, ha dichiarato: " Le opere assistenziali e la ricostruzione nelle zone terremotate devono essere un'urgenza del Paese" e non mi sembra che abbia escluso da questa urgenza...Ancarano di Norcia!


Commento scritto da il cospaiese il 07 Gennaio 2018 alle 15:57
Però nessuno ci dice chi ha accertato l'eventuale violazione e chi ha presentato la denuncia.

Vorrei ricordare che l'esercizio dell'azione penale da parte del pubblico ministero è obbligatorio secondo l' articolo 112 della Costituzione Repubblicana, come recepito negli artt. 50 e 405 c.p.p. In questo paese con la p minuscola prendersela con i giudici che fanno il loro dovere è ormai sport nazionale. Nessuno poi dice nulla su altri corpi dello Stato che spesso essendo più realisti del re segnalano con verbali o interpretazioni bislacche bolle di sapone .



Commento scritto da Dino Agrestini il 07 Gennaio 2018 alle 16:33
Conosco Nicola Alemanno da più di 15 anni, è una persona perbene, competente ed onesta. Ne uscirà rafforzato.

Mi complimento anche con la presidente Marini per la sua presa di posizione... Gli fa veramente onore.

Forza Nico e ancora complimenti presidente Marini.

NON fatevi intimorire


Commento scritto da ONORE, SINDACO , PRESIDENTE il 07 Gennaio 2018 alle 17:27
Il 7 gennaio 1797 (221 anni fa) nasce, a Reggio Emilia, il TRICOLORE...

La Bandiera rappresenta la libertà, la giustizia, la Patria, l'onore e la vita di noi ITALIANI.

Fin quando potrà sventolare liberamente per le strade... significa che saremo liberi e Italiani.

Oggi, leggo con profondo rammarico che, qualcuno viene posto sotto osservazione per aver assicurato la libertà e la giustizia ai nostri concittadini.

Sono molto triste di fronte a certi cavilli, mi chiedo come mai si sia accecati dal livore e come non si riescano a capire le priorità.....

Un'Organizzazione ingolfata, dovrebbe saper individuare le azioni serie rispetto a quelle politiche.....

Per quanto sopra, resto basito per la faziosa mediocrità e contestualmente plaudo agli esponenti che hanno favorito e difeso la libertà.


Commento scritto da Roberto il 07 Gennaio 2018 alle 17:56
Mi scusi Signor Cospaiese, ma se Lei, giustamente, cita gli "obblighi" dei magistrati che devono accertare la fondatezza di una denuncia o di un accertamento dimentica che hanno anche il "potere" e il "dovere" di archiviarle qualora la denuncia o l'accertamento sono del tipo, come lei scrive, di "...altri corpi dello Stato che spesso essendo più realisti del re segnalano con verbali o interpretazioni bislacche bolle di sapone" altrimenti, imho, si metteno allo stesso livello di chi fa denunce... " bislacche "!

In questo caso, "se" la violazione che contesta il magistrato al Sindaco di Norcia è "solo" quella di aver autorizzato, con urgenza, una costruzione di un edificio polivalente, fatta con soldi di privati, per dare dei locali antisismici agli abitanti di Ancarano, da utilizzare anche e "soprattutto" in caso di calamità, pensando che queste zone vivono, purtroppo, ancora sotto l'incubo dei terremoti, ebbene sono queste decisioni che, invece, a me fanno pensare che vivo in una...nazione con la "n" minuscola!



Commento scritto da Uno del Mestiere il 07 Gennaio 2018 alle 21:20
Premessa: mai come come in questo evento sismico le Ordinanze della Protezione Civile sono state contraddittorie, confuse, integrative una dell'altra....in una parola confusionarie.



E' pur vero ciò che esprime "il cospaiese", ma sta al prudente apprezzamento della magistratura, come si dice, " distinguere il grano dal loglio".



Questo atto, forse " obbligatorio secondo l' articolo 112 della Costituzione Repubblicana, come recepito negli artt. 50 e 405 c.p.p" (cito) sarà ineccepibile, ma ho la sensazione che produrrà effetti assai gravi; se è ancora vero che siamo nell'emergenza-ma forse no, secondo qualche interpretazione- allora Amministratori, Dirigenti, Funzionari, Impiegati etc... ( a qualunque livello) preferiranno essere denunciati per omissione di atti d'ufficio piuttosto che per...abuso (anche se sempre penale è).



Il risultato sarà (e ne conosco tanti dei soggetti di cui sopra) che tutto il processo di ricostruzione si arenerà.



Lo dico con molto dispiacere, ma credo di essere facile profeta.



Commento scritto da Filippo Di Benedetto il 08 Gennaio 2018 alle 01:46
Esprimo piena solidarietà all'operato della Procura della Repubblica e si stigmatizza la presa di posizione della sig.ra Marini, che appare delirante. Anzi si indaghi su irapporti affettivi/parentali della esimia presidente e i costruttori/fornitori/venditori di strutture collettive di emergenza. Ma se le abitazioni di Ancarano erano per la pressoché totalità inagibili, come da richieste di contributo di autonoma sistemazione, di SAE e sistdmazioni alberghiere, da cui l'assenza di abitanti, qual'era l'urgenza di costruire una struttura aggregativa in deroga alle procedure ordinarie? Ma perché tanto presunto interesse per il bene della collettività non è stato riversato dalla Marini e dal sindaco Alemanno anche in termini di sollecitazioni per riaprire al traffico la galleria di Forca Canapine, il cui mancato ripristino di agibilità è e resta una vergogna ad oltre un anno dal sisma? A volte a pensar male si indovina! Si indaghi anche sulla destinazione dei tanti aiuti monetari e in beni ricevuti da privati e sull'incendio doloso del server e del sistema informatico/gestionale del Comune di Norcia e sui documenti informatici distrutti nell'occasione.Si dimettano pure la Marini e il sindaco Alemanno, ne guadagnerebbe il bene comune della collettività!


Commento scritto da Pippo il 08 Gennaio 2018 alle 09:43
...ma intimorire da chi? E poi non ho ben capito: la Presidente dichiara che "grazie ad una donazione di privati si sta realizzando una struttura che serve ancora alla fase emergenziale della vita di comunità". Quindi, se ho ben capito la struttura è ancora da ultimare? Ad oggi 08 gennaio 2018?


Commento scritto da male non fare paura non avere il 08 Gennaio 2018 alle 14:55
Beh, capisco il Sindaco Alemanno, meno la Marini. Con lo stipendio della Marini si può rischiare qualcosa di giudiziario, con quello di Alemanno no...che un'arrestatina non ha fatto mai male a nessuno.

Credo che la procura della Repubblica debba fare una conferenza stampa e informare i cittadini su cosa sta accadendo.

In passato Visco di Bankit dopo un'iniziativa della procura incontrò il capo dello Stato.

Il potere da chiunque sia esercitato è sempre violento.

Comunque la ricostruzione è troppo lenta: o mancano i soldi o le idee.

Se rinasco faccio il magistrato e li arresto tutti, tanto una legge per giustificarlo la trovo dentro un ordinamento di 300.000 norme!

E al primo che si lamenta faccio ricordare che le iniziative della magistratura si rispettano e non si commentano.

Zitti e cuccia che qualcosa avete combinato di certo...e il tintinnare delle manette m'è dolce...


Commento scritto da Roberto il 08 Gennaio 2018 alle 17:15
Il Sindaco di Norcia Alemanno ha dichiarato di essere indagato per aver autorizzato con una procedura d'urgenza la costruzione di un centro provvisorio polivalente, fatto con soldi privati, su un luogo indicato dalla Protezione civile, con lo scopo di dare alla popolazione di Ancarano locali antisismici dove, in caso di calamità, si può dare un luogo attrezzato di ricovero per la popolazione mentre, secondo un articolo de La Repubblica, l'accusa della Procura di Spoleto è quella di aver dato il consenso alla costruzione di questo

centro polivalente di 650 mq, composto da 11 locali , un bar e un campo di calcetto su un'area vincolata del parco dei Sibillini. Se è vero ciò che scrive La Repubblica c'è da chiedersi quale sia la differenza tra costruire, in un area con vincoli costruttivi, casette provvisorie e un centro polivalente provvisorio da mettere a disposizioni delle popolazioni duramente colpite da eventi sismici? Imho, i "veri" colpevoli di questa situazione sono tutti i politici che sono stati pronti a fare...passarelle sui luoghi colpiti dai terremoti, promettendo a...chiacchiere di emanare urgenti deroghe alle normative vigenti, " DA LORO CREATE ", mentre i risultati delle loro chiacchiere le vediamo, come in questo caso, dove se da una parte c'è una Procura che, in base alle normative vigenti, ha l'obbligo di emettere avvisi di garanzia e bloccare lavori se ritiene che le norme sono violate, dall'altra parte ci sono i "veri" danneggiati di questa

situazione e sono le popolazioni che oltre ad essere colpite da gravi calamità, devono sopportare queste situazioni non risolte da chi, invece di fare passarelle e chiacchiere, dovrebbe dare certezze ai Sindaci, con adeguate e urgenti deroghe alle normative vigenti.


Commento scritto da Filippo Di Benedetto il 08 Gennaio 2018 alle 18:03
Non è vero che il sindaco di Norcia, comune con meno di 5000 abitanti, abbia uno \"stipendiuccio\". Il sig. Alemanno e i suoi assessori, proprio perché stressati dal terremoto, si sono sttribuito l\'indennità di carics dei comuni con 30.000,00 abitanti! Per carità, tutto legittimo, ma non c\'era alcun obbligo di soffatta attribuzione a carico della spesa pubblica. Inoltre, risulta che il sig. sindaco sia stato nel recente passato sollazzato da ripetuti viaggi all\'estero in amena compagnia, di dubbia valenza istituzionale, m a carico della spesa pubblica. Ne deriva che il sig. Alemanno, ben retribuito e ben sollazzato e, quindi, reso indenne dsllo stress del terremoto, non avrebbe nulla da temere da un\' indagine della Procura, specie se non ha fatto nulla di illecito. Del pari, è inutile che la Marini dia in escandescenze e di agiti scompostamente, se non ha alcun legame con i fornitori/venditori di materiali di strutture abitative collettive.


Commento scritto da il cospaiese il 08 Gennaio 2018 alle 21:59
Dall'articolo di Repubblica

Il complesso, dunque, secondo gli inquirenti "inciderà fortemente sull'assetto urbanistico e paesaggistico del territorio". Alemanno ne ha autorizzato l'inizio dei lavori con un'ordinanza del 1 agosto 2017, pur non avendo né il permesso a costruire né l'autorizzazione paesaggistica. E nonostante l'Ente Parco avesse dato parere negativo, indicando un sito alternativo non lontano dal luogo del cantiere. Per questo è indagato, insieme al direttore dei lavori e al rappresentante legale della Pro Loco.

A questo punto, la segnalazione alla Procura della Repubblica della Repubblica, potrebbe averla fatta e sicuramente è così, l'Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Il quale Ente Parco ha un Presidente nominato dal Ministro dell'Ambiente Orlando nel 2013.

Ma udite udite, secondo il sito web dell' Ente Parco Nazionale dei Monti Sibillini, tra i componenti il Consiglio Direttivo c'è il Sindaco di Norcia indagato Nicola Alemanno.

Non ho parole!





Commento scritto da Filippo Di Benedetto il 08 Gennaio 2018 alle 23:18
L'esimia presidente Marini si dichiara esterrefatta dal fatto che il sindaco di Norcia sia indagato per aver autorizzato la realizzazione in via di urgenza e in deroga alle procedure ordinarie nella frazione di Ancarano di una struttura aggregativa in assenza della gente da aggregare (cfr, ordinanze di sgombero di immobili abitativi, richieste di SAE, di indennità di autonoma sistemazione e sistemazioni alberghiere accordate). Senonché l 'esimia presidente, dotata di cotanta sensibilità, non risulta affatto esterrefatta dal fatto che, dopo oltre un anno dal sisma, la galleria S. Benedetto che unisce Arquata del Tronto a Norcia e, quindi, l'Adriatica al tirreno non è stata ripristinata al traffico veicolare con gravi disagi per i cittadini, ripercussioni sui prezzi delle merci e costi per la collettività. Il suo assessore ai trasporti, invitato a fornire risposta circa i tempi di ripristino dell'agibilità del traforo, non risponde, dando ampia dimostrazione della distanza siderale tra la realtà della gente comune e il mondo della Marini, del sindaco Alemanno e dell'Assessorato regionale ai trasporti. Si spera che l ' operato della magistratura e le imminenti libere elezioni facciano rinsavire lor signori!


Commento scritto da provvisorio? il 09 Gennaio 2018 alle 10:27
Al di là dell'aspetto interpretativo delle norme. Il nodo della questione è solo uno.

La struttura è provvisoria o no.

E' previsto lo smantellamento come per il "deltaplano"?


Commento scritto da provvisorio? il 09 Gennaio 2018 alle 11:52
Il problema non è il Sindaco, che reputo in buona fede, è lo Stato che ci ritroviamo, con

Enti pubblici che hanno interessi contrapposti.

Gli enti locali perseguono lo sviluppo del territorio, e questo necessita di strutture, quindi consumo di suolo.

I parchi nazionali hanno fini diversi e inconciliabili con i primi.

Coerenza imporrebbe di dire che delle tutele del parco ne vogliono tutti fare a meno, bene.

La verità è che vogliamo e vogliono tutto, i soldi sul territorio li portano anche i parchi, che assumono anche. L'ITALIA è questa.


Aggiungi un commento [+]
L'Altro Forno
Panificio Montebibico
Stile Creazioni
Bonucci
Associazione Cristian Panetto
Bonifica Umbra
Il Pianaccio
Bonifazi Immobiliare Spoleto
Principe
Bar Moriconi
Pizzeria Mr Cicci
Spoleto Cinema al Centro