Spoletonline
Edizione del 23 Settembre 2019, ultimo aggiornamento alle 13:37:33
nato dalla fantasia di Leopoldo Corinti, dedicato alla sua famiglia
Summer Vintage 50 Scheggino
Spoletonline
Summer Vintage 50 Scheggino
cerca nel sito
Tuber experience - Campello
Libreria Aurora
Ristorante al Palazzaccio
Pc Work
Rafting Nomad
Agriturismo Ristorante Borgo delle Mole
Parafarmacia Serra
Accademia Scherma Spoleto
Ristorante Albergo LE CASALINE
Team Dance Spoleto
Vus Com
Sicaf e La Rosa - Onoranze Funebri
Ristorante Pecchiarda
Fondazione Giulio Loreti
Stampa articolo

Diari di Viaggio, 06 Marzo 2019 alle 17:33:29

E il Ponte delle Torri ispirò anche Louis I. Kahn

Una storia che forse non si sapeva: un altro Grande rapito dall'acquedotto di Spoleto [Fotogallery, Commenti]


Fabio Fabiani (*)

Capita che all'improvviso, un mio collega, l'architetto-artista Giorgio Papaevangeliu, un giorno mi telefoni dicendomi di essersi imbattuto in due disegni* del Ponte delle Torri che, stranamente, riportano la didascalia "Amalfi". Vi chiederete che cosa c'è di strano, un semplice errore di catalogazione e niente


di più. Invece, il "niente di più" cambia se l'autore dei disegni è uno dei più grandi architetti del secolo passato, Louis I. Kahn, e la data dei disegni, 1929, corrisponde al primo viaggio in Italia dell'architetto americano!


Bloccato in casa per un infortunio, inizio una ricerca affannosa tra libri e internet e leggo che tra i tanti disegni di Louis I. Kahn, quelli del Ponte hanno tutti la dicitura "Amalfi", "Costiera Amalfitana", "Viadotto di Amalfi" e cosi via.
Penso quindi a un errore di catalogazione, ripetuto a cascata in tutte le pubblicazioni che si sono succedute nel tempo. Nonostante la mia esperienza con il Ponte, sia come architetto che come utopista non avrei mai immaginato che Louis Kahn potesse essere tra coloro, artisti e architetti, che hanno lasciato nella loro arte tracce del Ponte.
Andava sciolto ogni dubbio, subito.


Leggo che la figlia primogenita di Louis I. Kahn, Sue Ann, è la proprietaria dei disegni. Corro su Google, digito il suo nome, scopro che Sue Ann è una musicista che insegna alla Columbia University e trovo un indirizzo e-mail. Gli americani, rifletto, rispondono alle e-mail.
Mi sono detto, non avendo nulla da perdere ma qualcosa da guadagnare per Spoleto: "Provo a scrivere un'e-mail sintetica, presentandomi accennando Spoleto e il Festival per arrivare ai disegni del padre". E' stata una di quelle volte che nella vita capita di mandare una e-mail come un messaggio in bottiglia affidato al mare.


Intanto vado a riguardare i disegni; una parte del fortilizio dei mulini non c'è più, ma un paesaggio di alberi fatto di curve porta il mio pensiero a quanto, quelle curve e quei segni avrebbero fatto poi parte dell'architettura di Kahn e di migliaia di architetti che avrebbero scelto Kahn come modello. Nel guardare questi disegni... respiro il senso di monumentalità del Ponte che poi si ritrova, in forme diverse, nelle opere del grande maestro.


57, leggo 57 sull'iphone, è arrivata una nuova email... penso ad una pubblicità automatica.
Ma non è così.
La bottiglia ha attraversato l'oceano ed è ritornata al mittente.
Scrive Sue Ann Kahn: "Caro Fabio, i disegni sono del Ponte delle Torri, il primo autore* che ha selezionato i disegni del 1929 di mio padre ha confuso il nome della città, conosco Spoleto e ti dico che il disegno ad acquarello è ancora appeso nella casa dei miei genitori e lui, mio padre, ne era particolarmente affezionato".


Io non so se altre dieci persone siano al corrente di questa storia.
A me preme più di ogni altro che i cittadini di Spoleto sappiano che insieme a Turner, Goethe e a tutti gli artisti e gli architetti che si sono ispirati al Ponte possano dire con certezza che anche Louis I. Kahn, uno dei più grandi architetti di tutti i tempi, si sia soffermato sul Ponte e lo abbia disegnato.


Non è importante il numero di coloro a cui il Ponte ha donato ispirazione, ma è importante la memoria del fatto che, tra coloro, ci fu anche colui che ha cambiato l'orizzonte dell'architettura moderna.


*disegni pubblicati nel libro Jan Hochstim, "The paintings and sketches of Luois I. Kahn", Rizzoli International, New York, 1991


 


(*) Architetto


 


 



Abbazia Albergo e Ristorante
Principe Store
Lavanderia La Perfetta
Multiservizi Spoleto
Salute e Bellezza Tracchegiani
Azienda Modena
Cioccolateria Vetusta Nursia


Commenti (6)

Commento scritto da OPEN YOUR EYES il 06 Marzo 2019 alle 22:46
Stupendo...

Sindaco, invitare subito al Festival di Spoleto e chiederle di esporre i disegni in suo possesso.


Commento scritto da Roberto Gentili il 07 Marzo 2019 alle 09:26
Complimenti Fabio,

spero che l'amore e la passione che provi verso la nostra città - e quello che hai fatto ne è una ulteriore testimonianza - possa un giorno (speriamo quanto prima) ripagarti.

Un caro saluto da un collega e da un amico.


Commento scritto da Bella notizia! Purtroppo però... il 07 Marzo 2019 alle 09:46
Quello che delude è che gli spoletini prendono atto delle bellezze della loro città e del loro territorio solo dopo che queste sono state apprezzate da altri. Raramente sono i primi ad accorgersene!


Commento scritto da Sergio Grifoni il 07 Marzo 2019 alle 17:52
Grazie!


Commento scritto da Daniela Durante il 07 Marzo 2019 alle 21:17
Bellissimo, grazie!


Commento scritto da Roberto Quirino il 07 Marzo 2019 alle 21:23
Bellissimo articolo e bellissima novità. Grazie!


Aggiungi un commento [+]
Ristorante Sabatini 'Il Giardino del Corso'
La Fabbrica del Gelato
Centro Medico Giulio Loreti
Marco Post Spoleto
Il Giardino delle Naiadi
Il Pianaccio
Bonifica Umbra
Visit Scheggino
Bar delle Miniere
Bar Moriconi
Bar ristorante Belli - Spoleto
Associazione Cristian Panetto